CAIVANO – Fortuna Loffredo, la bambina morta nel 2014 lanciata dall’ottavo piano di una palazzina del rione IACP adiacente al Parco Verde, date le continue violenze subite, avrebbe riportato delle lesioni gravi sul suo corpicino, a parlare è il ginecologo che ha effettuato l’esame autoptico sul corpo della bambina che in occasione della quarta udienza del processo sulla morte di Chicca, ha detto: “Una cosa così nella mia carriera l’ho vista solo tre volte. Consideriamo violenza sessuale tutto ciò che penetra nel corpo di una persona e le violenze subite da Fortuna in un anno erano gravissime. Le avevano provocato un’incontinenza fecale. Non riusciva a trattenersi“. “Traumi cronici – ha concluso il ginecologo – che è raro per un medico riscontrare in una paziente. Il corpicino di Fortuna era devastato”.

In aula anche Marianna Guardato, la madre della bimba che prima di entrare in aula, come riportato anche da Il Mattino, ha dichiarato: “Sono pronta ad affrontare quest’altra difficile prova perchè sono convinta che mia figlia, Fortuna Loffredo, sia stata uccisa da Marianna Fabozzi e Raimondo Caputo. Voglio giustizia per la mia bambina.”

Rispondi