Crispano – Ad aspettarlo nei pressi del garage di casa sua c’era un ragazzo. Mauro Pistilli, cinquantaduenne già noto alle forze dell’ordine ritenuto un affiliato al clan ‘Cennamo’, stava per rientrare a casa, quando si accorge della presenza del giovane a bordo di un’auto.

Sono da poco trascorse le 9.00 quando nel quartiere del Parco Aurora si sente esplodere una raffica di colpi arma da fuoco. Dopo aver messo a segno il suo proposito omicida, il ragazzo scappa a bordo di un’auto facendo perdere le proprie tracce. Alcuni passanti cercano di soccorrere Pistilli e allertano l’intervento del 118. Si comprende subito che la situazione è grave.

 Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Casoria e del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna.

Pistilli è stato portato d’urgenza al San Giovanni di Dio di Frattamaggiore, dove però è deceduto.

Gli inquirenti seguono la pista della rivalità tra i clan Pezzella e Cennamo. Secondo le prime indagini, l’uomo, titolare di due bar, stava cercando di ricucire il clan Cennamo, deteriorato dopo l’arresto del suo fondatore Antonio Cennamo. Probabilmente Pistilli aveva il proposito di scalarne il vertice.

Rispondi