GIUGLIANO – L’assenteismo nell’impiego pubblico è sempre più dilagante. L’ennesimo caso si registra a Giugliano, dove sono indagati cinquanta dipendenti comunali che si allontanavano dagli uffici di pertinenza per dedicarsi alle faccende personali più disparate.

I loro movimenti sono immortalati dalle telecamere e i filmati sono stati prelevati dagli inquirenti che hanno potuto constatare l’effettivo allontanamento indebito dei lavoratori pubblici dalla sede di lavoro contravvenendo ai saldi principi della pubblica amministrazione per dedicarsi ad impegni personali e diletti di ogni genere come il gioco del “gratta e vinci”.

I carabinieri hanno installato le telecamere all’interno della sala comunale per dare una svolto decisiva alle indagini che erano in corso contro questi casi di assenteismo. Nelle scorse ore si è data esecuzione a un’ordinanza di sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio emessa dal GIP di Napoli Nord su richiesta della locale Procura a carico di 50 persone tra cui 18 dipendenti del Comune di Giugliano ritenuti responsabili di truffa aggravata e di falsa attestazione. I dipendenti comunali attestavano o facevano attestare falsamente la loro presenza usando indebitamente il badge. Altre sei persone, a capo di altrettanti uffici comunali, infine, sono indagati per omessa denuncia.

Rispondi