CAIVANO – Stasera nel plesso scolastico “Scotta” si è svolto il Consiglio Comunale, dove era presente anche il dirigente Ing. Stefano Lanna, da poco spostato dai LL.PP. al SUAP, in qualità di semplice cittadino tra il pubblico. Spiacevole inconveniente hanno avuto alcuni cittadini caivanesi che all’uscita della pubblica assise hanno potuto vedere che l’auto dell’ingegnere era parcheggiata sul marciapiedi e per giunta anche in divieto di sosta, obbligando i pedoni ad impegnare la carreggiata per poter proseguire il cammino lungo l’asse stradale.

Quella della sosta sui marciapiedi è una cattivissima abitudine che hanno acquisito nel tempo, i cittadini caivanesi, quegli stessi cittadini che oggi lamentano assenza dei diritti e che molto spesso dimenticano il concetto di legalità, forse perché si sentono legittimati anche dall’assenza delle istituzioni e dal cattivo esempio che talvolta queste ultime danno.

Non c’è dubbio che le figure istituzionali devono essere le prime a dare il buono esempio in termini di rispetto di legalità, ma in una città che ormai ognuno si sente in diritto di avere tutta la libertà che vuole, invadendo anche quella degli altri, il caos la fa da padrone e non c’è dubbio che in un futuro non molto lontano, questo fenomeno si verificherà anche per reati molto più gravi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi