CAIVANO – Ad affiancare nelle indagini i carabinieri di Casoria, anche quelli del comando provinciale di Castello di Cisterna e ovviamente, quelli della tenenza di Caivano.

Le prime ipotesi sembrerebbero, un omicidio premeditato, vista la dinamica ricostruita dagli inquirenti, non si esclude un regolamento di conti seppur la vittima fosse un incensurato, ma la scarica di pallottole fatta esplodere a distanza ravvicinata, fa pensare tanto ad una spedizione punitiva lanciata nei confronti dell’imprenditore.

Ancora da accertare il movente e la dinamica dell’omicidio, si saprà qualcosa nei prossimi giorni, dopo che verranno svelate le perizie autoptiche e della scientifica che si è riversata prontamente sul posto.

Rispondi