Il progetto si chiama UIA “Urban Innovation Act” e riguarda la richiesta di finanziamento che permetterebbe le due città di munirsi di navette bus elettriche che saranno utilizzate, almeno stando a quanto asserisce il sindaco di Caivano Simone Monopoli, per trasportare i cittadini da Caivano fino alle due stazioni più vicine, quella di Frattamaggiore e la stazione “alta velocità” denominata “Porta” ad Afragola. Il servizio è pensato principalmente per i giovani studenti che ogni mattina sono costretti a fare veri e propri salti mortali per raggiungere le università di Napoli, data la scarsa comunicazione con il capoluogo.

Quest’iniziativa, finalmente, porrebbe fine a tutte le problematiche di emarginazione delle città periferiche della conurbazione napoletana, visto che Caivano e Cardito sono le uniche città a nord di Napoli a non essere dotate di asse ferroviario, almeno con queste navette, laddove fosse accettato e finanziato il progetto, si dà la possibilità di raggiungere i treni più vicini.

Appare soddisfatto il sindaco di Caivano che attraverso il suo profilo social, non nasconde la sua fierezza per aver stipulato questo accordo col corrispettivo di Cardito, questo il contenuto del suo messaggio: “Presso il Comune di Cardito, abbiamo firmato, come amministrazione, un progetto in collaborazione con il sindaco di Cardito, Giuseppe Cirillo, per sfruttare un’opportunità legata a dei finanziamenti da portare sul territorio.
Il progetto si chiama “Uai”, “Urban innovation act” e riguarda un miglioramento della mobilità attraverso l’innovazione. Ciò significa che se la nostra idea sarà finanziata, doteremo i due paesi, Caivano e Cardito, di mezzi di trasporto elettrici, in particolare “navette”, per favorire anche il collegamento con la stazione ferroviaria di Frattamaggiore e con la Stazione “Porta” di Afragola dell’Alta velocità che sarà inaugurata a maggio.
Un’iniziativa importante che consente anche di dare una risposta a chi si muove con i mezzi pubblici ed in particolare agli studenti di Caivano che ogni giorno si recano alla Stazione ferroviaria di Frattamaggiore per raggiungere le università di Napoli. Ci batteremo per portare a Caivano anche questo finanziamento e quindi questo servizio che ritengo migliori sia la vivibilità e dia un contributo importante, visto che si parla di mezzi elettrici, anche alla sostenibilità ambientale. #tuttaunaltrastoria

Noi della redazione di Minformo non possiamo che essere felici, quando un’amministrazione faccia delle azioni volte solo al bene pubblico, con la speranza che poi, in futuro, queste navette, vengano messe bene in sicurezza e protette da furti e atti vandalici.

Rispondi