CARDITO – E’ quanto denunciato dall’Avv. Francesco Pisano sia in consiglio comunale che davanti alle nostre telecamere in occasione dello speciale “Simposio” a lui dedicato. A Cardito c’è un problema annoso che quest’amministrazione per un motivo incognito alla cittadinanza non vuole risolvere, cioè quello dell’entrata dello stadio V. Papa. Sono anni che sia i cittadini di Caivano che di Cardito lamentano i disagi che l’apertura dello stadio comunale di Cardito su Via S. Paolo crea, a partire dal parcheggio selvaggio che i tifosi attuano ad ogni partita ufficiale e non, per non parlare dei giorni feriali in cui si effettuano gli allenamenti, ricordiamo che su quel rettangolo di gioco giocano diverse squadre come l’Afragolese e il Cardito Calcio, per non parlare del parcheggio illecito che si fa in vista di incroci a “T” e in prossimità della rotonda, causando periodicamente diversi incidenti in quella zona.

Alla Prefettura però, come anche detto dall’Avv. Pisano, è stato comunicato che l’entrata dello stadio è dalla parte della Zona SLAI, tant’è vero che quest’amministrazione ha pensato bene disegnare le strisce blu a pagamento proprio nel parcheggio dello stadio, in modo da cogliere l’occasione degli incontri ufficiali di gara calcistica per far pagare un dazio a tutti i tifosi che volessero la comodità di un parcheggio vicino lo stadio, poi intelligentemente o inspiegabilmente rimane inalterato lo stato di cose in Via San Paolo, favorendo forse quelle poche attività commerciali sulla strada, con il risultato che le strisce blu rimangono deserte e su Via San Paolo si crea un parcheggio selvaggio a tratti illegale.

Rispondi