In merito all’articolo pubblicato su Mosaico in data 11/03 a firma di Giovanni De Cicco, dove il giornalista esprime le proprie opinioni tendendo ad una difesa del sindaco Monopoli in ambito politico. Verso la fine dell’articolo il giornalista descrive alcuni metodi usati sul territorio caivanese per eludere i vari sovvenzionamenti tra cui prende in considerazione i fondi elargiti dalle politiche sociali, la frase che ha suscitato alcune polemiche da parte delle ragazze madri “quelle vere”, che hanno contattato la redazione per ribadire la loro posizione che discosta completamente da quelle descritte da De Cicco, è questa:

Il “popolo” di Caivano non sono le “finte” ragazze madri che, come dimostrato dagli audio consegnati ai carabinieri, puntavano ad organizzare una finta “rivolta” per piegare il sindaco a fallo scendere dal piedistallo e posare i soldi”.

E’ giusto precisare che all’attenzione degli inquirenti esiste una registrazione fatta da alcune donne che a quanto pare sembrano appartenere alla categoria delle famiglie meno abbienti e famiglie in cui nel nucleo familiare vi sia un detenuto.

Rispondi