FRATTAMINORE – Le primarie del Pd incombono. Una festa della democrazia, come spesso le definiscono i “democrat”, ma anche un avvincente partita politica interna per definire i rapporti di forza tra le diverse componenti del partito. In chiave “frattaminorese” nelle liste spicca un solo nome, quello di Salvatore Barbato, leader storico della componente popolare. Barbato è candidato nella lista di Orlando ed è l’unico politico di Frattaminore impegnato in queste primarie. I motivi? Li spiega il diretto interessato.

“La mia resta una candidatura di servizio innanzitutto per dare rappresentanza alle istanze del Pd di Frattaminore – dichiara Barbato – un partito che ha ritrovato unità e smalto grazie ai militanti ed ai dirigenti locali che hanno rilanciato l’attività di una sezione che oggi rappresenta l’unico vero punto di riferimento per una comunità politica. E in questo lavoro bisogna sottolineare il ruolo del sindaco Giuseppe Bencivenga. Sta garantendo alla città – continua Salvatore Barbato – un lungo ciclo di buon governo e il Pd è tornato ad amministrare Frattaminore dopo anni di opposizione proprio perché è riuscito ad interpretare le istanze dei cittadini ed a scegliere un candidato a sindaco di qualità. E i risultati cominciano a darci ragione. Sul piano delle primarie ho aderito all’appello ed ho accettato la candidatura perché ritengo che ben oltre le componenti serva nel dibattito interno la voce delle sezioni, la voce delle comunità locali. E Frattaminore non poteva mancare all’appello. Ecco perché cercherò di dare il mio contributo alla lista in tutti i paesi limitrofi ma a me interessa una maggiore partecipazione soprattutto nella sezione di Frattaminore sollecitando una comunità che si sente rappresentata nei valori e nella vita del Partito democratico e che pretende, come sta accadendo, di tornare protagonista”.

Rispondi