CARDITO – La politica vive un momento di “impazzimento” collettivo. Una serie di schegge impazzite che non hanno nemmeno le idee chiare sugli obiettivi da perseguire. Un mix devastante che produce i risultati attuali. E la cosa peggiore resta verificare che l’opinione pubblica spesso resta lontana da quanto realmente accade nelle stanze del Palazzo attribuendo meriti a chi non ne ha. Due temi di attualità importanti. La nomina del portavoce al Municipio e la sentenza “blocca ruspe” emessa dal Tribunale di Napoli a favore degli atti messi in campo dal sindaco e dall’amministrazione comunale.

Sui social consiglieri comunali si fanno i complimenti, teorizzano e si mettono medaglie sulla giacca. Ma come stanno veramente le cose? Chi conosce i fatti sa bene che la verità è ben lontana da quanto i consiglieri scrivono su “Facebook” per cercare di ingraziarsi i cittadini. E ciò è possibile perché ormai c’è pure una stampa asservita e anche quella che vuole presentarsi come “antisistema” resta al servizio di una parte dell’opposizione. Per ovvi motivi che il paese conosce. Ma qual è la verità? Riscontrabile e verificabile? Marco Mazza e Enzo Amirante hanno bloccato per due anni la nomina del portavoce al Municipio. Lo votarono pure in bilancio ma sui social parlarono di sprechi cercando di buttare la benzina solo sul sindaco. E in parte ci riuscirono pure. Al punto da esultare su Fb: Amirante scrisse litigando con un altro collega di opposizione, testualmente, di “aver impedito al sindaco di nominarsi il portavoce”. Dopo pochi mesi il bilancio viene riapprovato e dentro c’è non solo il portavoce, figura che costa meno di tutte, ma pure due staffisti.

E guarda caso parlano di sprechi e si “fissano” sul portavoce, su quello che costa meno. Ma non sui due staffisti quando i nomi sono già pubblici e si tratta di clientele perché quegli incarichi premiano “capielettori” ereditati dal “decennio”. Quindi è evidente che la battaglia sul portavoce è tutta personale. Al punto che per salvare la faccia in aula, Amirante abbandona il Consiglio. Ufficialmente rischiava lo svenimento. Mal di testa. Dice di essere favorevole ma ufficialmente non lo vota. Se ne va prima. Mazza lo vota il portavpoce e pure i due staff ma propone con l’opposizione di scrivere un codice deontologico. Confondendo la figura del “poratvoce del sindaco” con quella di addetto stampa del Comune. Figure diverse con compiti diversi. Ed in entrambi i casi il codice deontologico lo prevede per i giornalisti la legge e lo stesso Ordine di appartenenza. Ma soprassediamo. Non tutti sono competenti, soprattutto se questi incarichi a Cardito sono sempre stati utilizzati per garantire uno stipendio ai disoccupati-elettori, figuriamoci se possano già capire la differenza tra “portavoce” del sindaco e addetto stampa del Comune. Va bene pure il Codice deontologico da scrivere in commissione.

E pure Pisano si convince che il “pappagallo”, come lo ha inteso quando al governo del paese c’era lui con Peppe Barra sindaco, diventa una figura indispensabile. Quel codice da scrivere fa la differenza pure per Forza Italia. Che prima di are l’ok si assicura che si tratta di “pappagallo” e non di un professionista. E la dimostrazione sta tutta in quel Codice etico che la politica vuole elaborare ben oltre quello già esistente presso l’Ordine. Insomma, non vogliono un professionista ma cercano di creare le condizioni per obbligare e condizionare il sindaco a scegliere il “pappagallo” che dovrà avere paura pure di andare alla toilette e capire a quale posizione attenersi per espletare un bisogno fisiologico. Mazza comunque vota insieme all’opposizione. Dimenticando la denuncia di “spreco”. Mentre Amirante prima della discussione arriva il rischio “svenimento”. Così mettono una toppa di fronte all’opinione pubblica e cercano di rimediare alla figuraccia che non è passata comunque inosservata. Ed ha dimostrato che nelle loro posizioni c’era soltanto personalismo.

Passi pure il portavoce “commissariato” dalla politica. Ma in commissione succede quello che nessuno si aspettava. Si deve scrivere il Codice deontologico. E si sbaglia commissione. Convocano la II, quella legata alle Politiche sociali, e non la I con competenze su Affari generali. Passi anche questa “gaffe”. Va bene pure la seconda. Ma la riunione salta perché Luigi Fusco del Pd e Sossio Barra di “Cardito democratica” non si presentano. Tradendo l’impegno con l’opposizione. E Chiacchio sbotta. “L’ennesima farsa che testimonia l’incapacità della maggioranza e del dilettantismo che regna ormai da diversi anni al Municipio. In consiglio comunale la minoranza ha condiviso, coerente con quanto ho sempre detto, la nomina al Comune di un portavoce per le comunicazioni istituzionali attraverso un percorso, stabilito in aula con la “squadra di governo”, che vedeva come prima tappa la redazione in commissione di un Codice deontologico al quale il professionista che sarà incaricato dovrà attenersi. Ebbene, è stata convocata la II commissione con all’ordine del giorno la redazione del Codice deontologico. Lugi Fusco del Pd e Sossio Barra di “Cardito democratica”, ossia il partito del sindaco e la lista civica del sindaco, si sono assentati e la commissione è stata rinviata per mancanza di numero.

Questo è il rispetto che la maggioranza ha delle istituzioni: le mortifica e calpesta il confronto venendo meno agli impegni pubblicamente assunti mostrando solo un’arroganza sterile e vuota tipica di chi considera il potere nella sua accezione peggiore”. Il bello arriva, però, sulla sentenza del Tribunale in relazione al “blocca ruspe” nei confronti della case abusive acquisite al patrimonio comunale. Mazza è stato il primo a pubblicizzare la sentenza ed a mettersi la medaglia sul petto. Lui, che solo qualche mese fa, si dimise dalla presidenza della commissione Urbanistica scrivendo una lettera proprio su questo argomento, puntando l’indice contro il sindaco e l’amministrazione accusati di non aver fatto quello che c’era da fare per risolvere il problema degli abbattimenti. Il tribunale ha sancito una cosa diversa ed ha premiato, al contrario di quanto Mazza affermava, che l’amministrazione ha operato su questo fronte bene. Facendo addirittura scuola in Italia. E Mazza al posto di prendere atto di essere stato smentito nonostante mesi prima riuscì ad alzare un polverone contro il sindaco, cosa fa? Sale sul carro del vincitore e smentisce se stesso o, semplicemente, ha dimenticato la sua posizione sull’argomento assunta mesi addietro. Infatti, risulta ancora dimissionario da presidente di commissione Urbanistica.

E non è stato ancora sostituito.

Adesso cosa farà? Chiederà scusa per il polverone alzato e tornerà sulla poltrona della Terza commissione come se nulla fosse accaduto? Ma in un contesto politicamente mediocre, tutto passa inosservato. La sentenza ha premiato l’amministrazione? E adesso tutti a mettersi la medaglia in petto ad assumere meriti tanto la gente dimentica in fretta e i consiglieri possono dire tutto e il contrario di tutto puntando proprio su un’opinione pubblica disattenta e disinformata. Ma il dato politico resta. Amirante “scalcia” ma non vota contro per non perdere contatto con la maggioranza e coi benefici collegati. Mazza fa il bello ed il cattivo tempo ma non è una notizia che lavora contro il sindaco Peppe Cirillo.

E proprio sulla questione degli abbattimenti è emersa la verità. Se il tribunale avesse dato torto all’amministrazione. Mazza ne usciva vincitore perché, come detto, ha sparato a pallettoni contro sindaco e amministrazione denunciando ritardi, inadempienze e rischio di illegalità. Se il tribunale, com’è successo, ha sancito che Cirillo ha fatto bene al punto da fare scuola in Italia, Mazza si è preso i meriti, ed ha fatto di tutto per mettersi in mostra, da consigliere di maggioranza proprio per coprire la “gaffe” dei mesi scorsi. Questa è la politica a Cardito. Due o tre forni. Nulla cambia. Dibattito annientato e coerenza zero

Rispondi