CAIVANO – Domani sera è prevista una riunione di maggioranza ed è la prima che si effettuerà dopo lo scontro che nelle scorse settimane abbiamo raccontato attraverso le pagine di Minformo, che vedeva i consiglieri di FI Buonfiglio e Ponticelli mettere all’angolo il sindaco Monopoli arrivando perfino ad assentarsi in un Consiglio Comunale.

Questa riunione sarà indicativa per capire il destino dell’amministrazione, se da un lato ci sono consiglieri comunali di FI che tentano di mettere in difficoltà il sindaco Monopoli, dall’altro lato c’è un sindaco che ha fatto capire a chiare lettere che non si lascia ricattare a differenza di altri sindaci del passato che per mantenere gli equilibri elargivano prebende a destra e a manca.

La dimostrazione che Minformo ha sempre operato nel nome della verità anticipando indiscrezioni e tattiche sta nel fatto che una notizia molto importante è stata mantenuta nascosta sia dagli interpreti ma soprattutto da esponenti formanti il settore della comunicazione del sindaco stesso e alcuni soggetti molto vicini a consiglieri comunali l’hanno fatta venire fuori con molta maestria solo adesso.

La notizia ha dell’incredibile, anche se noi di Minformo non ci meravigliamo perchè l’avevamo già anticipata. Circa dieci giorni fa c’è stato un incontro tra Armando Cesaro, il sindaco e il duo Buonfiglio Ponticelli per un ulteriore chiarimento a nervi distesi. Vi ricordate l’assenza dei due dal Consiglio Comunale di alcune settimane fa? Minformo parlò di malumori legati ad alcune richieste avallate dai due consiglieri di Forza Italia in merito a nuove figure in giunta e apriti cielo, minacce di querele fatte a mezzo social e denigrazioni dette e scritte verso la nostra testata, tutti a smentire ciò che noi anticipavamo. Ebbene sapete cosa hanno chiesto i due al sindaco in presenza del capogruppo regionale di FI? Hanno chiesto proprio gli assessorati, in cambio dei tecnici presenti ora in giunta, come potete osservare la verità viene sempre a galla e la malafede dei consiglieri sta proprio nel fatto che nessuno sapeva nulla di quest’incontro né tanto meno i sopra citati consiglieri si sono preoccupati di essere trasparenti, come loro asseriscono da sempre, verso il proprio elettorato e tutti i cittadini caivanesi, al contrario, i fatti stanno al punto che i cittadini caivanesi sapevano, visto anche che nessun organo di stampa ne ha fatto menzione, che quell’incontro non c’è mai stato.

Ecco perché la riunione di domani sarà determinante per il prosieguo della consiliatura, anche perchè il duo Ponticelli Buonfiglio dovrà anche spiegare ai presenti e alla cittadinanza perché hanno mantenuto segreto l’incontro se non per il tentativo di piegare il sindaco ma soprattutto staremo a vedere se il primo cittadino non cederà, fino al punto di sciogliere l’amministrazione. E se così sarà vuol dire che i due consiglieri se ne saranno fregati del momento storico delicato che attraversa Caivano, del quasi imminente ok del Ministero sul bilancio, della battaglia che Monopoli ha intrapreso verso i dirigenti e dei lavori della Magistratura avviati proprio dalle denunce fatte dal primo cittadino e dalla segretaria comunale. Se tutto questo avverrà e cioè se il sindaco dovesse rifiutare la richiesta di assessorato avallata dai due consiglieri, beccandosi così la sfiducia degli stessi, al di là delle smentite di rito, vuol dire che per loro la politica non è altro che un’equazione: Politica=Poltrona.

Ma al di là di tutto, un dubbio ci assale, ma siamo sicuri che la sfiducia a Monopoli sia solo legata ad una questione di prebende accettate o meno dal primo cittadino o dietro questa, seppur deprecabile richiesta, si nasconde ben altro? Come sempre le risposte vengono date solo dal tempo, noi come sempre siamo qui a far emergere la verità e il tempo fino ad oggi ci ha dato ragione, vuol dire che aspetteremo anche questa e da qui a breve ve la racconteremo.

Rispondi