CAIVANO – E’ giunta presso la nostra redazione un comunicato della segreteria di Forza Italia che pone l’accento su un nostro articolo redatto da Mario Abenante nel quale si asseriva che il consigliere Lorenzo Frezza non avesse mai indetto una commissione sulla questione teatro “Caivano Arte”, ebbene i quattro consiglieri dissidenti sentitisi indignati da tale affermazione hanno tenuto a precisare che quanto detto e descritto da Abenante sia stato falso e pretestuoso tanto è vero che si registrano varie commissioni convocate e presiedute dal dott. Lorenzo Frezza su tale tema, in ordine al quale si citano i verbali nn. 1, 2, 7, 9, 10, 12, 20, 21, 23, 25, 28, 32, 34 con ordine del giorno auditorium, nelle quali gli indirizzi per l’emanazione del bando di gara non sono certo mancati; se il giornalista avesse difficoltà a reperire questi atti, gli possono essere agevolmente inoltrati dal Gruppo o dallo stesso dott. Frezza. Oltre alle molteplici tematiche trattate: dimensionamento scolastico, mensa di via Bellini, ticket mensa, approvazione regolamenti (nonno civico, onorificenze, ecc).

Inoltre ci sono poi altri argomenti trattate dalla VI Commissione presieduta dal consigliere Mellone. In breve si illustrano le argomentazioni trattate: 1) Novembre u.v. posizionata centralina di monitoraggio nella zona ASI di Pascarola-Caivano. A breve sarà posizionata seconda centralina per monitorare la qualità dell’aria sul territorio di Caivano a costo zero per il Comune; 2) ampliamento del cimitero comunale con la realizzazione di oltre 2500 nuovi loculi e il completamento e collegamento del tratto stradale via Necropoli/via Caruso; 3) Esternalizzazione del servizio cimiteriale (il cimitero possiede una sola figura di necroforo); 4) Indirizzi sulla gara dei rifiuti; 5) Installazione delle macchinette elettroniche per la raccolta differenziata all’interno dell’Isola Ecologica; 6) Approvazione variante piano regolatore territoriale dell’agglomerato industriale di Pascarola di Caivano, riuscendo a dare un grande slancio al nostro territorio sia sotto il profilo dello sviluppo industriale, essendo stati destinati 20 ettari di terreno, 200mila mq., per gli insediamenti produttivi, sia sotto il profilo dello sviluppo della città con la riduzione della fascia di rispetto che ha consentito la regolarizzazione e quindi la realizzazione di nuove abitazioni; oltre a vari regolamenti approvati in consiglio comunale.

In realtà all’interno dello stesso comunicato, i quattro consiglieri dissidenti, comunicano e diffidano la nostra redazione anche per quanto riguarda il tema delle richieste avanzate al sindaco Monopoli riguardanti il Super Assessore e almeno il cambio di due dirigenti di settore, descrivendo meticolosamente quali siano state, secondo loro, le reali richieste, richieste tra l’altro già descritte nel documento protocollato indirizzato al sindaco. Bene, questi ultimi due punti del Comunicato ci riserviamo dal smentirli visto che il sindaco dalla sua fanpage ufficiale di Facebook non ha fatto altro che confermare le nostre indiscrezioni, ribadendo quali fossero le reali intenzioni dei quattro consiglieri dissidenti.

Rispondi