AFRAGOLA – Non è rimasto immune al post che il sindaco Tuccillo ha pubblicato stanotte sul suo profilo Facebook, dove ha definito sciacalli e avvoltoi tutti quelli che mettono in evidenza le problematiche e i disagi causati dai lavori della stazione AV “Porta” ma soprattutto tutti quelli che nella giornata di ieri si sono recati sul posto per osservare come la magistratura facesse il suo corso attraverso i vari carotaggi che si stanno effettuando nel parcheggio sequestrato.

post Tuccillo
Post del sindaco Tuccillo

A questo gioco al massacro e al fango gettato dal sindaco, forse dettato dal peso enorme delle responsabilità che grava sulle spalle del primo cittadino, il quale evidentemente non riuscendo a smaltirlo, cerca di sfogare con metodi alternativi. Il consigliere capogruppo dell’opposizione al Consiglio Comunale di Afragola, già sindaco facente funzioni Antonio Pannone dichiara: “La stazione dell’alta velocità è una opportunità di assoluta rilevanza strategica per lo sviluppo del nostro territorio, la abbiamo difesa sempre, in tempi non sospetti, mentre qualche deputato poltriva a Montecitorio senza assumere alcuna iniziativa, e la difenderemo sempre, ma in una irrinunciabile cornice di legalità e trasparenza amministrativa, schierandoci sempre al fianco della magistratura e delle forze dell’ordine che stanno portando avanti con rigore le indagini. A leggere le cose che scrive e che mi sono state riferite, –continua il consigliere– sembra che Tuccillo non solo non sia per niente sereno ma che ormai sia in preda ad un delirio allucinogeno. Non sappiamo se abbia la capacità di mantenere il ritmo per lavorare; sta di fatto che la sua attività amministrativa ha prodotto solo fallimenti, anche sul versante dell’alta velocità, perché ha contribuito ad esporre Afragola e gli afragolesi ad una figuraccia internazionale, che si sarebbe potuto evitare programmando con serietà determinati interventi di competenza comunale e rispettando ciò che prevedono le norme. Invece, la realtà odierna è chiara a tutti , a cominciare da chi la mattina va a prendere il treno nella nuova stazione: viabilità totalmente inadeguata, pubblica illuminazione praticamente inesistente, un sottopasso chiuso, zero taxi, collegamenti su gomma precari e -dato di eccezionale gravità- cumuli di rifiuti che secondo la Procura di Napoli nord sono sotterrati nell’area del parcheggio.  Ad esempio, delle migliaia di metri quadrati di superficie interessati dagli sversamenti di rifiuti il sindaco era stato informato nella primavera del 2016″. 

Di questo Tuccillo dovrebbe vergognarsi senza perdere tempo sui social. Ci aspettiamo, inoltre, –continua Pannone– che Tuccillo faccia i nomi di quelli che lui reputa sciacalli e avvoltoi e che magari spieghi quale sia il suo concetto di legalità, come lo mette in pratica, visti anche i tanti esposti all’Anac che riguardano i disastri che ha combinato ad Afragola. Magari potrebbe prendere posizione anche sul fatto che nel cantiere della stazione c’erano lavoratori in nero, che si sono dati alla fuga, al netto, come ama ripetere qualche esponente politico della sua stessa maggioranza, della presunta contiguità politico-affaristica e dei vincoli parentali che alcune ditte impegnate nello stesso cantiere hanno con i vertici dell’amministrazione comunale in carica”.

Rispondi