La caduta del Sindaco a Caivano, molto probabilmente, ha spinto tanti supereroi a scomparire momentaneamente dalla scena.

In effetti, da quello che si può vedere, la situazione da diversi giorni volge al peggio.

La Marvel Comics -il più quotato editore mondiale di fumetti-  ha annunciato che effettivamente la carenza di supereroi potrebbe rappresentare l’anticamera dell’annientamento definitivo di una classe dirigente incline al selfie con la monnezza e allo spurgo spontaneo delle “saittelle” intasate.

Accade, però, che in quel di Caivano, la gente comune inizi a percepire l’inganno e si proponga come alternativa al malcelato costume politico dell’apparire e del non essere.

Siamo a via Visone, l’arteria che unisce il Corso Umberto I con Via Diaz, due delle strade più trafficate della cittadina caivanese, dove alcuni cittadini e qualche commerciante, stamattina, hanno deciso di farsi giustizia da soli.

Così, in perfetto stile di partecipazione diretta alla gestione del bene pubblico, si sono armati di scope, pale e cazzuole, per rendere più decorosa una delle strade più importanti di Caivano.

Hanno scherzato molto sulle foto presenti in rete dove qualche consigliere si era fatto fotografare, in giacca e cravatta, mentre fingeva di raccogliere un sacco della spazzatura e, tra una risata e un vaffa, in men che non si dica, oltre duecento metri di strada hanno cambiato aspetto.

I cittadini si sono anche preoccupati di raccogliere e stipare in dei sacchi per l’indifferenziata l’erbaccia raccolta.

Una lode va a loro che, invece di continuare a lamentarsi, si sono rimboccati le maniche e, anche se solo in senso figurato, hanno dato una mano alla loro città che, per il dolo di una politica del magna-magna, versa in una condizione che ha costretto il Sindaco Monopoli a prefigurare il dissesto dell’ente con tutte le conseguenze del caso.

Niente supereroi dunque, nessun miracolo quando c’è solo spazzatura da raccogliere e non consensi.

Jeeg robot, Spider Man, Mazinga, sono avvisati, o si muniscono dell’arma della verità oppure periranno per mano degli stessi cittadini che gli hanno permesso di esistere, ormai stanchi delle chiacchiere e delle pose da paladini della giustizia che nasce dalla iniquità delle loro azioni sciagurate.

Avanti popolo, alla riscossa…

Ehm, no!

“Svegliatevi italiani brava gente
qua la truffa è grossa e congegnata
lavoro intermittente
solo un’emittente
pure l’aria pura va pagata”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi