FRATTAMAGGIORE – Le sigle sindacali in maniera congiunta (CIGL – CISL – UIL) hanno redatto un documento all’indirizzo dei vari responsabili ospedalieri e ASL per denunciare una oggettiva carenza del personale infermieristico, OSS e tecnici di radiologia al Pronto soccorso dell’Ospedale San Giovanni di Dio.

La principale lamentela che sollevano i sindacati sta nel fatto che secondo i lavoratori, non è possibile spostare elementi da altre unità ospedaliere, comunque carenti, per ovviare temporaneamente al problema ma ci vorrebbe un Piano Ospedaliero degno di nota che allo stato attuale manca e che preveda almeno un’unità infermieristica h24 responsabile per turno.

Addirittura nel documento che alleghiamo è possibile leggere che all’interno del Pronto soccorso, stazionano pazienti che effettuano veri e propri trattamenti terapeutici per più di sette giorni. Stessa cosa vale anche per pazienti intubati in attesa di essere trasferiti ad un reparto di rianimazione di una struttura sanitaria diversa, quando poi il reparto rianimazione al “San Giovanni di Dio” è stato promesso dal governatore De Luca nel Maggio 2016 e ad oggi ancora nulla è stato fatto in tal senso.

Quindi oltre i disagi strutturali che il pronto soccorso del San Giovanni è costretto a vivere, adesso si mettono anche quelli del personale, al di là delle file chilometriche da attendere per chi ha la disgrazia di recarsi in quel pronto soccorso, ci domandiamo cosa devono subire ancora gli abitanti di Frattamaggiore e paesi limitrofi?

Rispondi