Inarrestabili i successi del Laboratorio di cinematografia dell’Istituto Comprensivo “Milani” di Caivano (NA), diretto da quest’anno dalla preside Filomena Zullo. Dopo i tantissimi successi ottenuti negli ultimi tre anni, arriva un altro risultato importante: il corto  “Ottavo Comandamento, comma due: NON TACERE”, girato due anni fa, arriva in finale al Festival Internazionale “Diritto al Corto” organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Roma tre.

Il cortometraggio interpretato dagli alunni del progetto di cinematografia della Scuola Milani di Caivano è stato scritto e diretto da Francesco Celiento e Annamaria Lionetti con musiche originali di Nunzio Cristiano.

Il corto sarà proiettato presso il Cinema “Azzurro Scipioni” di Roma il giorno 5 novembre, mentre la cerimonia di premiazione avrà luogo presso il Teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano, Roma il giorno 7 novembre.

L’Università romana attraverso il Festival intende favorire il dialogo e la riflessione su temi che occupano una posizione centrale nel dibattito pubblico o nell’ordinario svolgersi della vita associata e che implicano necessariamente il confronto con uno strumentario, concettuale e linguistico, di tipo giuridico.

f39ff7e7-c993-46e6-9f5b-163658c44bb0Diritto al Corto giunge alla sua terza edizione e si propone di consolidare e rafforzare il successo degli scorsi anni, tanto per la qualità dei cortometraggi iscritti e dei giurati chiamati a premiarli, quanto per i lusinghieri risultati di pubblico conseguiti durante le serate di proiezione.

Il Festival nelle precedenti edizioni ha visto quali membri della giuria registi e attori di fama internazionale quali Pupi Avati, Pier Giorgio Bellocchio, Carolina Crescentini, Valeria Fabrizi e tanti altri.

Il cortometraggio in questione ha vinto già tre concorsi: Non Tacerò, Pulcinellamente e Cortisonanti.

SINOSSI: Si tratta di una storia di microcriminalità giovanile, perpetrata ai danni di coetanei, a dimostrazione di come l’adolescenza possa essere vissuta in maniera diametralmente opposta. Ma non sempre fila tutto liscio e per un piccolo particolare si può essere riconosciuti in un quartiere in cui i giovani si conoscono e si frequentano come amici. E’ quanto accade al testimone di una rapina, il quale, amaramente, si rende conto che i ragazzi di cui si fida, non sono come appaiono in comitiva …. Scatta l’interrogativo morale della denuncia, scava dentro, consuma,  fino alla decisione finale …..

Interpreti: Amendola Alessia, Celiento Francesco, Dentale Amalia, Dervishi Erdion, Di Micco Carmine, Frezza Antonio, Granato Daniele, Laudando Vincenzo, Mugione Martina, Mugione Miriam, Napoli Francesco, Pacia Andrea, Peluso Gennaro Pio, Pinto Sharon, Savarese Alessandro, Scarpellino Rosa, Silvestro Raffaele.

Rispondi