AFRAGOLA – Non ripeteremo di nuovo le stesse cose, non tedieremo il cittadino afragolese ancora con la visione attuale della città seppur drastica. Tuccillo è “riuscito” dove gli altri hanno “fallito”, l’ultima cosa che è stato capace di portare ad Afragola è l’emergenza rifiuti. Problema che non ha mai sfiorato la cittadina a nord di Napoli neanche quando la Campania ne soffriva nella sua interezza. Ed è per questo che altri gruppi politici si stanno muovendo per presentarsi come valida alternativa alle prossime elezioni amministrative. Come già anticipato nel precedente articolo, l’accentramento di Tuccillo forse finirà di sfasciare anche l’attuale maggioranza mentre quella parte già sfasciata si è anche portata avanti col lavoro.

Infatti chi ha già le idee chiare sul territorio oltre al gruppo “Arcobaleno” – altri delusi di Tuccillo – è proprio il gruppo di “Afragola Viva” che vede a capo l’ex assessore all’ambiente Salvatore Iavarone ed è proprio a lui che abbiamo chiesto un’impressione sull’ultimo periodo dell’amministrazione Tuccillo che davanti ai nostri taccuini dichiara: “Ad Afragola la situazione è drammatica, l’amministrazione è logorata ed incapace di guidare la città, ogni giorno assistiamo solo ad una squallida guerra tra i partiti di maggioranza, che restano legati solo per l’interesse alle poltrone. La vita amministrativa è ferma, si stanno perdendo opportunità e risorse, la prossima amministrazione dovrà recuperare tanti dei disastri di questo ultimo anno di Tuccillo. Il quasi ex sindaco Tuccillo in città è visto malissimo, non ha più quella considerazione positiva dei cittadini, che lo portò ad essere eletto nel 2013. Oggi a differenza di allora i cittadini hanno avuto modo di conoscerlo nella veste di sindaco e il suo rapporto con i cittadini e il suo carattere non lo hanno premiato affatto. È un’altra brutta pagina della nostra città che deve essere archiviata”.

Per quanto riguarda i lavori di “Afragola Viva” l’ex assessore Iavarone ci tiene a precisare che il suo gruppo aspira insieme ad altri due gruppi territoriali ad ottenere il simbolo di DEMA, questo giustifica anche l’ultimo evento organizzato in un bar rinomato della città, ma non è detto che “Afragola Viva” diventerà l’espressione di De Magistris ad Afragola. L’ultima parola spetta proprio al sindaco di Napoli e di Città Metropolitana. Intanto l’evento targato DEMA ha già cominciato a dare i suoi frutti, infatti grazie alla mediazione dello stesso Iavarone è stato possibile portare all’attenzione dell’ex magistrato alcuni problemi del territorio che potrebbero essere risolti grazie alle idee di “Afragola Viva” e all’intermediazione di Città Metropolitana. Ad illustrarceli è proprio l’ex assessore Salvatore Iavarone“L’iniziativa organizzata lo scorso giovedì e che ha visto ad Afragola la presenza di Luigi De Magistris nel doppio ruolo di sindaco di Napoli e sindaco della città metropolitana è stata utilissima per presentare delle proposte concrete per la nostra comunità locale. Tre proposte che toccano i temi dell’ambiente, del territorio, dei giovani e del lavoro. Temi che interessano a tutti e che possono facilmente essere realizzati ed avviati. Il primo riguarda l’Istituto scolastico “Sereni” che ha da qualche anno un indirizzo alberghiero, un istituto con oltre mille studenti, che però non ha ancora dei laboratori attrezzati con cucine. Se vogliamo investire sui giovani e sul lavoro, questa è un’occasione importante. Noi non portiamo solo i problemi, ma presentiamo le soluzioni, e così abbiamo fatto con De Magistris. Abbiamo chiesto alla Città Metropolitana di richiedere al Comune di ristrutturare una struttura pubblica a pochi passi dalla scuola, si tratta della sede del giudice di pace a Corso Napoli, gli uffici potrebbero spostarsi al piano terra dell’ex sede del tribunale nelle Salicelle, insieme alla polizia municipale. Il comune vorrà dare in comodato quella struttura alla città metropolitana? Il sindaco sosterrà la nostra proposta oppure sarà contrario?

La seconda proposta riguarda la fascia dei pozzi ex arin oggi ABC – continua l’ex assessore – che tagliano in due la nostra città di Afragola. Due fasce che partono da Cancello, attraversano Acerra, Afragola e Casoria ed arrivano a Napoli. Una doppia fascia di 8 e 6 metri lunga 20 km. La nostra richiesta è quella di attivare una richiesta di finanziamento alla comunità europea per un finanziamento e per trasformare quelle due fasce in due corridoi che uniscono e che non dividono, una pista ciclabile ed una podistica, entrambe di 20 km. Potrebbero essere previsti ogni due km dei chioschi per dare servizi (bar, bagni, noleggio bici ecc) e garantire la manutenzione delle aree.

La terza proposta è più ambiziosa – afferma il coordinatore di “Afragola Viva” – e prevede il coinvolgimento oltre che della città metropolitana di Napoli anche della regione e della provincia di Caserta. Riguarda i Regi Lagni e il recupero di quelle aree nate nel 1600. I Regi Lagni come giardino d’Europa e come corridoio ecologico che partono dal nolano per arrivare a Castelvolturno attraversando Acerra, Caivano e tantissimi altri comuni, e toccando anche i terreni a nord di Afragola, dove vanno ad intersecarsi anche con le due fasce dell’ABC. Anche in questo caso si rende necessario un progetto alla comunità europea che metta insieme regione e città metropolitana insieme alla provincia di Caserta.

Queste sono solo le prime tre proposte – conclude Iavarone – sulle quali lavoreremo da subito al fianco di De Magistris, altre verranno nei prossimi mesi”.

Rispondi