Il Melodramma finalmente grazie a Nuove Consonanze arriva nei nostri territori, grande successo ottenuto sabato sera al teatro Ateneo di Casoria e prossimamente si riproporrà ad Acerra. L’associazione nuove consonanze nasce nel Comune di Acerra (NA) per volere di alcuni soci fondatori nel 2004 ( M° Espedito Stompanato, M° Salvatore Elia), con l’intento di formare, tutelare, promuovere e valorizzare l’ambito d’interresse artistico-culturale. La sua attività, incentrata soprattutto su stagioni concertistiche si amplia col passare del tempo per far spazio ad altre sperimentazioni. Sono stati diversi i progetti svolti sia in ambito scolastico che quelli che quelli rivolti ad un pubblico più “attento” e competente con una programmazione lirica-concertistica con interpreti di largo spessore artistico.

Il repertorio ha avuto modo di ampliarsi col tempo anche rispetto alle occasioni legate ad eventi artistici a cui l’associazione ha partecipato e molti i maestri quali: il chitarrista M° A. Tuorto, il M° L. Silvestro, il M° D. Mauriello e il Soprano M° Annamaria Sanges che hanno condiviso la vision dell’associazione facendone parte : far sì che la musica possa diventare, per tutti, un “territorio comune” utilizzando lo stesso linguaggio Universale. Il presidente dell’associazione, il M° Espedito Stompanato ritiene che “tutti gli uomini contribuiscano alla realizzazione della bellezza”. L’incontro delle generazioni, avviene grazie ad un linguaggio universale quale la musica. Essa si presenta lo strumento attraverso il quale ogni soggetto esplora la parte migliore del proprio sé, e tendenzialmente grazie ad essa viene spinto a migliorare ” la forma più elevata di conoscenza e condivisione emozionale”.

È su questi sentimenti fatti di passione per l’arte tenuti insieme da una bella amicizia artistica che il Soprano Annamaria Sanges, già direttrice del coro Libere Armonie della città di Casoria (oggi anche del coro Nuove Consonanze), dopo diverse esperienze canore di successo sia in qualità di direttore di coro che come soprano solista, ha ambito tenacemente alla rappresentazione di un’opera lirica nella sua città di Casoria e non a caso il soprano Sanges abbia voluto mettere in scena un opera lirica quale “La Boheme di G.Puccini” che è andata in scena il 02 dicembre alle ore 20.00 presso il Teatro Ateneo di Casoria via Circum. Esterna 15 molto apprezzata dal pubblico presente riscuotendo ottima critica dagli addetti ai lavori. La scelta dell’opera “la Boheme”, come dice il Soprano A.Sanges: è un’opera legata ai temi dell’amicizia e dell’amore, abbracciando tutte le arti: poesia, musica e creatività, mira a conseguire un plauso da parte di un pubblico sempre più vasto ed eterogeneo, ma sempre aperto all’arte sotto ogni sua forma.

La Boheme, opera lirica in quattro quadri di Giacomo Puccini, libretto di Giacosa e Luigi Illica. I personaggi sono: Mimi (soprano A. Sanges), Rodolfo (tenore Francesco Fortes),Marcello( baritono Maurizio Esposito),Shaunard (baritono Rosario Grauso), Colline(basso Antonio Mazza),Alcindoro (basso Antonio De Cristofaro),Musetta (soprano Maria Infranzi),Parpignol(tenore Ferdinando De Lucia);Sergente (Salvatore Russo), dei doganieri (tenore Gaetano Liberti). L’opera è tratta dal romanzo d’appendice “Scene de la vie de Boheme” di Henry Murger. La nascita della Boheme fu alquanto burrascosa: all’epoca anche il compositore e librettista Ruggero Leoncavallo stava infatti lavorando ad un adattamento musicale della medesima opera Puccini, quando lo seppe, continuò comunque nel suo lavoro, consapevole dei suoi mezzi. Quando l’opera debuttò nel 1896 al Teatro Regio di Torino(diretta da un ventinovenne Arturo toscanini), ebbe un buon successo al pubblico. Al contrario, l’opera di Leoncavallo, rappresentata la prima volta nel 1897, cadde rapidamente nell’oblio.

La critica in principio si dimostro fredda nei confronti dell’opera di Puccini; in seguito però si allineò al generale consenso riscosso in molti teatri. Attualemente l’associazione Nuove Consonanze sta lavorando per ampliare il progetto e potare in scena un Opera in grande stile nella prossima primavera ad Acerra.

Rispondi