Luca Scancariello, casoriano classe 75, dipendente pubblico e dal 1992 impegnato politicamente per il territorio. Per 13 anni consigliere comunale al comune di Casoria, candidato alla provincia con il Popolo delle Libertà nel 2009 e nelle scorse politiche del 2013 candidato alla Camera dei deputati per il partito Fratelli D’Italia con Giorgia Meloni. Due anni fa la candidatura alla carica di sindaco di Casoria nelle ultime amministrative sempre con Fratelli d’Italia.

Benvenuto Luca, grazie la nuova legge elettorale i cittadini avranno l’occasione di scegliere un proprio rappresentate al Parlamento. Un’ opportunità da non perdere soprattutto per questi territori.

“Queste elezioni rappresentano il coronamento di un percorso di squadra partito oltre venti anni fa. Posso già considerare la candidatura al Parlamento una forte legittimazione, figlia di un impegno politico quotidiano e di radicamento costante sul territorio. Un territorio ben definito e molto vasto, con tante problematiche e tante sfide da affrontare con tanta determinazione, cercando di lavorare quotidianamente fianco a fianco con le amministrazioni e gli enti locali che operano sui territori”.

Ed è proprio la sinergia mancata tra Governo centrale e Amministrazioni Locali ad essere il vero problema?

“Negli ultimi anni, anche a causa della vecchia legge elettorale, è mancato l’elemento collante da raccordo tra le Amministrazioni Comunali, Provinciali e anche Regionali e lo Stato Centrale. Per questo, per chi come me è candidato al collegio uninominale, c’è una responsabilità oggettiva ancora maggiore di creare un punto di riferimento serio su cui coordinare l’azione politica”.

Tutto questo ha portato anche ad un inevitabile disaffezione dalla politica. Cosa si può fare per arginare questa crisi?

“Bisogna combattere la “cattiva” politica che ha fatto allontanare tanta gente soprattutto sui nostri territori. Una disaffezione figlia dell’antipolitica e di quei soggetti che durante questi anni si sono impegnati a promettere cose puntualmente smentite a margine della campagna elettorale. Dobbiamo essere fermi e decisi su posizioni nette e convinti della responsabilità che ci stiamo andando a prendere, consapevoli che il giorno dopo le elezioni saremo riferimento di una vastissima platea”.

Il centrodestra sembra essere molto in ascesa dagli ultimi sondaggi, nonostante sui territori di questo collegio molte amministrazioni sono targate Pd. Come intende affrontare il centrodestra in questa area questa difficile campagna elettorale?

“E’ necessario lavorare per far sì che sul nostro territorio il centrodestra dia un segnale di grande unità. Soprattutto sul territorio casoriano dove sono nato, cresciuto e da sempre impegnato politicamente in prima persona, spero si possa fare in modo che realmente il mondo che orbita intorno al centrodestra possa compattarsi intorno a questa candidatura, che non viene dal nulla ma che è figlia di un percorso sacrificato e molto faticoso. Su questo sono sicuro che ci sarà il giusto riconoscimento da parte di tutti”.

La salutiamo con un appello agli elettori, perché il 4 marzo bisogna votare Luca Scancariello?

Quello che mi sento di raccomandare a tutti i cittadini che il 4 marzo si recheranno alle urne nel nostro collegio è di fidarsi ed affidarsi, perché accanto alla “mala” politica che sui nostri territori abbonda, c’è anche una parte di buona politica, che ha saputo restare a galla nonostante le difficoltà, e che oggi ha una grande possibilità che è quella di rappresentare con umiltà ed orgoglio il territorio di appartenenza al Governo del paese. Continuate a credere nella politica, nel nostro antidoto reale alla “mala” politica e non perdete questa opportunità”

Rispondi