Si stringe il cerchio intorno ai candidabili per le prossime elezioni a Caivano, un fuoco vivo sotto una cenere apparentemente spenta.

Tutti in lista, tutti candidati, ognuno con le sue ragioni e i suoi progetti per l’idea di una città che possa ritrovare un lustro troppo antico per poter essere ricordato dalla maggior parte di quelli che oggi aspirano a sedere tra gli scranni dell’amministrazione comunale.

Anche il Movimento di Di Maio, dopo aver superato la fase della democrazia diretta e quella della cittadinanza attiva -complice anche una buona dose di personalismo da parte degli eletti-, sta cercando di quadrare la conta dei voti affidandosi a personalità di spicco sul territorio caivanese.

È di oggi l’indiscrezione che il partito cinquestelle sia a caccia di candidabili caivanesi e pare, la notizia è data per certa dagli informatori, che abbiano cominciato a contattare qualcuno che avrebbe dalla sua parte la popolarità sul territorio e la riconosciuta onestà.

Il Movimento non si ferma davanti alle vecchie regole che determinavano le candidature in base all’attività svolta sul territorio, oggi hanno bisogno di voti, della certezza che almeno un consigliere possa essere consegnato alla corte del suo capo politico quale fiore all’occhiello per sperare in future collaborazioni.

Da indiscrezioni in esclusiva per Minformo, sarebbe stato contattato con la preghiera di candidarsi nelle fila del Movimento alle prossime comunali, il professore di educazione fisica Giuseppe Cafaro, persona stimata e in cui anche lo scrivente ripone fiducia.

Giuseppe Cafaro si sarebbe detto disposto a dare una mano ma che l’età non gli permetterebbe di praticare la strada della candidatura e, a sua volta, ha chiesto aiuto a un imprenditore suo amico di metterci la faccia per portare alto il nome del partito grillino.

L’imprenditore, contattato dal professore, e in seguito alla sua predisposizione verso il movimento che gli sembra essere, in questo momento, l’unico partito in grado di contrastare il grave stato di crisi in cui versa la politica italiana, ha preso tempo per riflettere sulla proposta affermando che la sua discesa in campo, sarebbe un’ipotesi molto remota.

Insomma, anche i grillini caivanesi, dietro la scia del capo politico pomiglianese, cercano consensi tra la società civile per riempire una lista che, al momento, sembra essere piena solo di buoni propositi e del nome dell’eventuale candidato sindaco.

Rispondi