Resta sintonizzato

Senza categoria

Bisognerebbe insegnare che la morte è un gioco senza ritorno

Pubblicato

il

06-07-2015_1071846641_139559633La morte è l’unica cosa certa, è un detto popolare che  mi sta molto a cuore.

Quando, però, si muore per mano di scellerati il discorso cambia e i sentimenti fanno a botte con il perdono cristiano che ho sempre cercato di praticare.

Muoiono due ragazze, due storie diverse, entrambi legate dalla stessa matematica della violenza. Ragazze solari con un futuro davanti da costruire, a cui era stato riservato del tempo per amare, sorridere, magari anche soffrire. Ragazze a cui è stato rubato questo tempo, che sono state rapinate da due individui che hanno la stessa radice violenta che affonda nel nichilismo di questo tempo di illusioni e false libertà.

Mi chiedo se non sia il caso di insegnare “la  morte” nelle scuole, cercare di far imparare a memoria ai bambini che essa è la conseguenza della vita, che si può morire solo se si è vivi.

Invece ho la sensazione che ormai questi episodi passino nell’indifferenza del quotidiano, che siano percepiti come male necessario, che la libertà del “devi amarmi anche contro la tua volontà” e del “guido come cazzo mi pare”, del “mi drogo perché mi va” e del “la vita è mia e ne faccio quello che voglio”, sia sbandierata come discolpa per ogni abuso.

Sara e Anastasia sono solo le ultime due vittime di una follia che ormai tesse la sua ragnatela nella mente dei giovani, alimentata da un regime di consumismo e possesso che realizza il suo grande sogno, il controllo del pensiero, la sorveglianza delle azioni che siano quelle volte ad annientare la volontà degli esseri senzienti .

Bisognerebbe insegnare che la morte è un gioco senza ritorno e giocare a bowling con la propria auto è uno sport dove non si vince e nemmeno si pareggia.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Campania zona arancione. L’ Rt scende a 0,85.

Pubblicato

il

Nelle ultime ore in Campania si è registrato una lieve diminuzione dei contagi da Covid-19. Oggi pomeriggio, Il Governatore della Regione Campania terrà il consueto discorso per chiarire le dinamiche per la prossima settimana.

Altre regioni, invece, hanno indici di Rt molto più bassi quasi da zona gialla come Lombardia, Lazio, Liguria, Veneto, Piemonte, Abruzzo, Emilia Romagna, Marche, Molise e Umbria , mentre resteranno ancora zona rossa la regioni Sardegna, Valle D’Aosta e Puglia.

Si aspettano aggiornamenti e le nuove direttive per le riaperture delle categorie economiche come: parrucchieri, barbieri, negozi di abbigliamento e ristoranti.

Continua a leggere

Afragola

Uomo armato ad Afragola. Interviene la Polizia.

Pubblicato

il

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato di Afragola, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Amendola ad Afragola per la segnalazione di una persona armata in strada.


I poliziotti, giunti sul posto, hanno individuato e bloccato l’uomo trovandolo in possesso di un revolver Harrington & Richardson Arms Company non censito cal. 7,65 Browning, di 2 cartucce e di un bossolo dello stesso calibro.


Gennaro Aristarco, 31enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per porto di arma clandestina e ricettazione.

Continua a leggere

Cronaca

Dramma di Pasquetta: uomo avvolto dalle fiamme durante una grigliata

Pubblicato

il

Un grave incidente domestico è avvenuto ieri, lunedì 5 aprile, in provincia di Salerno, a San Cipriano Picentino.

Un uomo di 50 anni è stato infatti avvolto dalle fiamme durante la grigliata di Pasquetta.

A causa di un “ritorno di fiamma” il 50enne è ricoverato in condizioni molto gravi presso il Centro Grandi Ustionati dell’Ospedale Cardarelli di Napoli.

Secondo una prima ricostruzione l’uomo si apprestava ad accendere il fuoco per il barbecue per la classica grigliata del lunedì di pasquetta, quando in pochi attimi, a causa del ritorno di fiamma, è stato avvolto dal fuoco.

I familiari hanno provato a spegnere le fiamme utilizzando coperte e hanno richiesto con urgenza l’intervento di un’ambulanza.

L’uomo è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Ruggi di Salerno, ma a causa delle gravi ustioni su più del 50% del corpo i medici hanno deciso il trasferimento in eliambulanza al reparto grandi ustionati dell’ospedale Cardarelli di Napoli.

Il 50enne si trova ora ricoverato al reparto grandi ustioni in gravissime condizioni.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante