Resta sintonizzato

Economia e Finanza

Frattamaggiore – Bilancio approvato, meno tasse e maggiore attenzione al sociale

Pubblicato

il

Il Sindaco Del Prete: “Abbiamo dimostrato, con fatti concreti, la nostra attenzione verso le fasce più deboli della popolazione”

 

Il Comune di Frattamaggiore è stato tra i primi nell’hinterland partenopeo ad approvare il bilancio preventivo, ovvero il provvedimento che rendiconta entrate ed uscite del comune. Un’altra prova di buongoverno per il Sindaco di Frattamaggiore Marco Antonio Del Prete, che dimostra lo stato di serenità della propria maggioranza. All’interno del documento c’è un’attenzione particolare alle fasce meno abbienti. L’Assessore al Bilancio Giuseppe Pedersoli ha dichiarato: “Nonostante l’ennesimo ed ulteriore taglio da Roma, ovvero minori entrate per il Comune, riteniamo di essere riusciti a incidere nel quotidiano dei frattesi, sulle spese che devono affrontare, anche se per poco. Le tasse non sono aumentate: addizionali, tariffe cosap e quant’altro sono rimaste invariate. La Tari, la tassa sulla spazzatura è diminuita in media del 4,51% nonostante la quasi totale eliminazione della stessa sui box auto: da 118 euro a 10 euro. Sono stati stanziati, inoltre, i 50 mila euro per il bilancio partecipativo. L’agevolazione Tari sarà riproposta così come il contributo straordinario per le famiglie in difficoltà. Ma un altro sforzo è stato compito in termini di trasparenza: una mia relazione “semplificata” per spiegare il bilancio del Comune con grafici e tabelle. Con un obiettivo: far capire che il bilancio non è roba da alchimisti, non ci sono formule segrete né riti magici, molto di quello che c’è da sapere e capire è on line”. Sulla stessa linea il Sindaco Del Prete che dichiara: “Con questo provvedimento abbiamo dimostrato, con fatti concreti, la nostra attenzione verso le fasce più deboli della popolazione. Inoltre, siamo riusciti a non diminuire i servizi per la cittadinanza e ci siamo fatti portatori di un nuovo modo di fare le cose: abbiamo scelto di tagliare le spese inutili, pur di non aumentare le tasse, anzi le abbiamo addirittura ridotte. Nonostante le mille difficoltà che incontriamo quotidianamente, siamo riusciti a mettere in cantiere opere che cambieranno il volto della nostra città. Questo è solo il primo anno di amministrazione e penso che i risultati del buon lavoro svolto siano già sotto gli occhi dei cittadini. Con il tempo, statene certi, cambieremo ulteriormente in meglio il volto della nostra città e renderemo Frattamaggiore sempre più il salotto buono dell’area metropolitana di Napoli”.

campania

Napoli. Lavoratori dipendenti avranno gli arretrati in busta entro fine anno

Pubblicato

il

C’è una buona notizia per i lavoratori dipendenti del pubblico impiego: sono in arrivo, infatti, gli arretrati destinati agli statali. I dipendenti pubblici riceveranno una somma arretrata legata ai contratti del 2019-2021. Nel dettaglio, ad essere interessati sono quattro settori del pubblico impiego: le funzioni centrali di cui fanno parte ministeri e le agenzie fiscali come le entrate, gli enti locali, la sanità e la scuola. Novità importanti anche per i dipendenti comunali: per questa categoria entro la fine del 2022 arriveranno gli arretrati previsti. Le procedure dovrebbero essere completate per il mese di dicembre, il che vorrebbe dire sbloccare entro quel mese anche l’erogazione degli arretrati. 

Continua a leggere

Economia e Finanza

Banche: Campania prima per fonti creditizie nel 2021, Napoli prima provincia

Pubblicato

il

La Campania è la regione con più frodi creditizie realizzate tramite furto d’identità per acquistare un bene o ottenere un prestito e Napoli è prima fra le province a livello nazionale. Secondo i dati dell’Osservatorio sulle Frodi Creditizie e i furti di identità realizzato da CRIF-MisterCredit, nella Campania nel 2021, si sono avuti 4.787 casi di frode, 13 casi al giorno. Nella classifica la regione è seguita dalla Sicilia (3.380 casi) e dalla Lombardia 3.200 casi, dove Milano è al terzo posto assoluto tra le province italiane (1.178 casi, più di 3 al giorno) A livello provinciale in Campania il maggior numero di frodi è stato registrato nella provincia di Napoli, con 2860 casi (che la collocano al primo posto nel ranking nazionale), seguita da Caserta, con 785 (settima posizione), da Salerno con 668, Avellino con 267 e Benevento, con 207. Nel 2021 il numero di casi rilevati si è concentrato su importi inferiori ai 1.500 Euro (+52% rispetto al 2020), a dimostrazione di come le organizzazioni criminali ormai non disdegnino nemmeno le operazioni fraudolente su beni di importo più contenuto. Al contempo si registra un notevole aumento dei casi di frode con importi compresi tra i 5.000 e i 10.000 Euro, che passano dal 9,6% al 14,0% del totale (+45,7%), e quelli con valore superiore ai 10.000 Euro, che arrivano al 12,7% (+13,9% rispetto alla precedente rilevazione).

Continua a leggere

Attualità

Non trova personale: l’annuncio della sartoria napoletana: “Pago 1.400 euro al mese ma non trovo nessuno”

Pubblicato

il

Mentre cresce l’attenzione sul problema del lavoro nero e sottopagato, prosegue anche la difficoltà di alcuni imprenditori onesti che non riescono a trovare personale: è un esempio il caso di Elia Caliendo, capo di una sartoria napoletana.

“Sono alla ricerca di artigiani e sarti/e che vogliano lavorare con me in sartoria. E’ richiesta una buona esperienza nel settore. Regolarità contributiva e contrattuale garantita. Massima serietà e giusta retribuzione il mio biglietto da visita” – questo l’annuncio diffuso sui Facebook e Linkedin.

Ha fornito ulteriori informazioni sulla paga corrisposta ai suoi dipendenti: “Noi paghiamo circa 1.400 euro al mese. Cerchiamo persone che conoscano il mestiere e siamo pronti a riconoscere il loro lavoro e fare la nostra parte. L’ho chiarito molto bene sull’annuncio proprio per evitare possibili equivoci e fraintendimenti”.

Alla retribuzione si accompagna un equilibrato orario lavorativo ma, nonostante ciò, come raccontato dal titolare, nessuno avrebbe manifestato la volontà di ottenere quel lavoro: “Non ho ottenuto neanche una risposta. L’annuncio è molto chiaro e noi siamo un po’ stupiti rispetto a questo feedback negativissimo. Il silenzio assoluto.

“Abbiamo una grande difficoltà a cercare manodopera e, con estrema sincerità, dico che dobbiamo mandare gli ordini indietro. Se un cliente mi chiede tre vestiti, posso garantirgliene due, consegnandoglieli in tempi diversi. Un problema che di anno in anno diventa sempre più serio” – ha concluso.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy