Resta sintonizzato

POLITICA

Di infernale non c’è solo il caldo

Pubblicato

il

Non sono certo che di infernale, in questi giorni, ci sia solo il caldo.

Lo strappo profondo che non sappiamo come ricucire, quello tra uomini e uomini, i primi ricchi i secondi poveri, assume sempre più i contorni di una macchinazione diabolica.

E come si fa a non accorgersi del dominio assoluto del denaro, il Mammona che ci rende schiavi di noi stessi, quando contiamo le vittorie e le sconfitte con gli occhi agli indici di borsa, che se sei fuori da quel sistema sei morto, inutile, ingrato e sterile, degno di essere additato e giudicato in maniera dozzinale?

I confini che una volta erano culturali, oggi diventano economici, razziali, ghettizzanti in positivo e in negativo.

Quell’unità tanto osannata, dunque, diviene strumento per dividere sempre di più, e il popolo populista si frammenta e diviene polvere da spazzare al più presto, che poi vengono ospiti illustri e non si può far brutta figura.

Ci sono poi gli intellettuali, quelli che descrivono l’orrore di una scelta come una raccapricciante idea di emarginazione e discriminazione. Urlano pacatamente contro l’intenzione di dividere, dividendo a loro volta, componendo fazioni del pro e del contro, la loro idea questa volta.

Infami,  mi verrebbe da dire, infami e codardi, vittime a loro volta di un organismo malato che ha fatto ammalare anche loro.

Scendete per terra, fatevi crocifiggere piuttosto che tormentare con i chiodi dell’infamia chi sceglie contro il vostro pensiero, siate coraggiosi fino a rinunciare al vostro ben curato orticello.

E quanto più riusciranno a frammentare le coscienze, tanto più sarà ampia la loro vittoria, perché questo è il loro volere assoluto: dividere, frazionare, evitare la condivisione di beni e idee.

Il loro potere è nelle loro tasche e non si può combatterlo se non rinunciando proprio a ciò che loro hanno nelle tasche.

Fa caldo oggi, tanto caldo, ma in confronto all’inferno è ben poca cosa.

Ma forse si fa l’abitudine a tutto.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Definite le commissioni al Parlamento europeo: l’Italia perde una presidenza

Pubblicato

il

Sono state definite le presidenze e le vicepresidenze di tutte le commissioni dell’Eurocamera. E per l’Italia, rispetto alla precedente legislatura, c’è una novità non marginale: la perdita di una presidenza.

Alla guida della commissione Affari Costituzionali, infatti, non è stato confermato l’eurodeputato di FI Salvatore De Meo, destinato – ma la carica deve essere ufficializzata, alla Plenaria di settembre a Strasburgo – a presiedere la delegazione dei Rapporti con la Nato. L’Italia ha incassato quindi una sola presidenza di Commissione, con Antonio Decaro all’Ambiente. Il capo delegazione M5S Pasquale Tridico, invece, è stato eletto alla guida della sottocomissione agli Affari Fiscali. E’ la Germania, tra i Paesi membri, a conquistare il maggior numero di presidenze, sei. La Spagna incassa la guida di tre commissioni. Due le presidenze alla Polonia. A Varsavia anche una sottocommissione, quella alla Salute con il popolare Adam Jarubas. La Francia incassa la commissione Affari Economici. Il Belgio ottiene la guida della commissione Bilanci, la Repubblica Ceca la commissione Agricoltura, sempre del gruppo dei Conservatori. Alla Finlandia va la commissione Lavoro, mentre la Grecia incassa la guida dei Trasporti.. All’Irlanda la guida della commissione Sviluppo. Alla Romania la commissione Regioni. La Bulgaria infine ottiene la guida della commissione Affari Legali.

Continua a leggere

Avellino

Comune Chiusano di San Domenico (Av), nominato commissario prefettizio Gamerra dopo decadenza sindaco De Angelis

Pubblicato

il

Il prefetto di Avellino, Rossana Riflesso, ha nominato il vice prefetto Rosanna Gamerra commissario prefettizio del comune di Chiusano san Domenico, il cui consiglio comunale è stato sciolto in seguito alla decadenza del sindaco, Carmine De Angelis, determinata dalle dimissioni di sei consiglieri comunali.

Gamerra gestirà l’ordinaria amministrazione fino alle prossime elezioni.

De Angelis, vice segretario regionale di Forza Italia, era stato eletto per la terza volta consecutiva nel comune irpino che conta meno di 2.300 abitanti. Decisive le dimissioni di tre consiglieri comunali della maggioranza che si sono aggiunte a quelle dei tre consiglieri di opposizione. “Negli ultimi dieci anni – scrive in una nota il commissario provinciale di Forza Italia, Angelo Antonio D’Agostinola comunità ha avuto in de Angelis una guida che ha sempre dato prova di notevoli capacità amministrative e di grande lungimiranza: la decisione ingiustificabile dei consiglieri dimissionari si tradurrà in una penalizzazione dell’intera comunità”. D’Agostino, nell’esprimere solidarietà a De Angelis, si dice certo chegli elettori lo riconfermeranno alla guida della comunità non appena sarò loro consentito di tornare al voto”.

Continua a leggere

POLITICA

Parlamento europeo, Nicola Zingaretti eletto capodelegazione Pd

Pubblicato

il

Nicola Zingaretti è stato eletto capodelegazione Pd al Parlamento europeo e Alessandra Moretti vice capodelegazione.

Entrambi sono stati eletti per acclamazione. Il capodelegazione uscente del Partito democratico, Brando Benifei, prenderà la presidenza della delegazione Ue-Usa dell’Eurocamera.

(fonte: Ansa)

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy