Resta sintonizzato

Cronaca

Caldo e ambiente. Attese roventi a Pascarola e nel Parco Verde

Pubblicato

il

Strade roventi e ancora roghi, l’ambiente è sempre in primo piano. Appena pochi giorni fa si annunciava, anche dalle pagine dei social, l’arrivo di camion spargi acqua per cercare di attenuare l’afa estiva, ma gli abitanti di Pascarola e del Parco Verde spiegano di non averli ancora mai visti in azione nei loro quartieri: “Qui non li abbiamo mai visti. Era stato annunciato il loro arrivo nelle ore pomeridiane, ma non sono arrivati”. Intanto proprio dalla frazione, si sono verificati malori e problemi dovuti al caldo insopportabile di giorno e cattivi odori durante la notte. Grande attesa dunque per il camion dell’innaffiatura per spargere, è proprio il caso di dire, acqua sul fuoco rovente dell’asfalto delle periferie.
E in tema di grandi attese va aggiunta all’elenco quella per la Consulta Ambiente.
L’ambiente resta sempre in primo piano, tuttavia da aprile la Consulta dell’Ambiente non si riunisce per discutere su questo tipo di problematiche. Nata a settembre 2015, ne faranno parte “i rappresentanti delle associazioni e professionalità che operano nel settore al fine di arricchire ed accrescere la sensibilità dei cittadini verso le tematiche ambientali e di dare voce alle competenze presenti nella comunità in materia di ambiente e disciplina del territorio”, si legge in un comunicato. La prima riunione nella parrocchia di San Paolo con Maurizio Patriciello, dove si era registrata una grande risposta dei cittadini, felici di poter partecipare alle discussioni su quanto di più caro, la propria terra. Tutela e valorizzazione le parole chiave della Consulta.
Nella riunione dello scorso 8 aprile si era affrontata insieme agli agricoltori una discussione sul rilancio dei prodotti locali sul mercato, concludendo: “Nei prossimi giorni report in dettaglio. Data l’ora i due punti sullo sviluppo sostenibile e i fondi europei è stato procrastinato alla prossima riunione”. Appuntamento che ancora si attende.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Rapina a mano armata fuori l’Università di Napoli, scena ripresa in un video da una studentessa

Pubblicato

il

Rapina a mano armata nei pressi dell’Università di Monte Sant’Angelo a Napoli. E’ successo questo pomeriggio, intorno all’ora di pranzo.

E’ stata una studentessa dello stesso ateneo a documentare con un video l’accaduto. Il rapinatore ferma un’automobilista, sottraendogli cellulare e orologio. Gli altri studenti – ivi presenti – si sono allontanati prontamente una volta vista la pistola tenuta in mano dal rapinatore.

Continua a leggere

Avellino

Aggredita, minacciata, rapinata coppia avellinese sull’Altopiano del Laceno: arrestato 30enne napoletano

Pubblicato

il

Una coppia di coniugi avellinesi, in gita sull’Altopiano del Laceno, è stata vittima di una rapina messa in atto da un 30enne, originario di Napoli, già noto alle forze dell’ordine. La coppia è stata dapprima aggredita e poi minacciata con un coltello.

Il marito della donna è rimasto lievemente ferito ad un braccio.
Sua moglie ha allertato le forze dell’ordine; i militari hanno rintracciato il rapinatore che nel frattempo si era dato alla fuga. Il coltello è stato sequestrato e l’uomo trasferito in carcere ad Avellino.
   

Continua a leggere

Cronaca

“Spegni la sigaretta”, 47enne aggredisce guardie giurate al Cardarelli di Napoli: arrestata

Pubblicato

il

Nella scorsa notte, all’ospedale Cardarelli di Napoli, è stata segnalata un’aggressione nei confronti di due guardie giurate. Sul posto sono giunti gli agenti del Commissariato Vomero.

Gli agenti hanno potuto accertare che una donna, dopo essere stata invitata dagli operatori alla sicurezza a spegnere la sigaretta, che stava fumando all’interno del Pronto Soccorso, aveva iniziato dapprima ad inveire contro di loro per poi aggredirli fisicamente finché non è stata bloccata.
La donna, identificata per una 47enne napoletana, era già sottoposta agli arresti domiciliari; per tali motivi, è stata tratta in arresto per evasione, lesioni personali e resistenza ad un incaricato di pubblico servizio.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy