Resta sintonizzato

Caivano

CAIVANO: Monopoli inaugurerà un’altra sala scommesse, ignorando la legge sullo sviluppo, incentivando la ludopatia

Pubblicato

il

P1040709

Inaugurazione Gold Bet al Corso Umberto I

Anche a Caivano, il gioco d’azzardo ha assunto dimensioni rilevanti e ciò ha portato a riflettere sul rischio per molti soggetti (soprattutto quelli più vulnerabili) di una vera e propria dipendenza comportamentale, con gravi disagi per la persona, non solo per l’incapacità di controllare il proprio comportamento di gioco ma anche di poter compromettere l’equilibrio familiare, lavorativo e finanziario, fino all’indebitamento o all’assoggettamento a tassi usurai presso la criminalità organizzata: come sottolineato anche dalla Direzione nazionale antimafia, in questo settore le mafie hanno effettuato ingenti investimenti anche con riferimento ai giochi legali.

Mentre la crisi aumenta e la gente ha sempre meno soldi per poter nutrirsi di un pasto caldo, il sindaco caivanese insieme alla sua maggioranza, inaugura un’apertura di una nuova sala scommesse a pochi metri di distanza da una sua agenzia concorrente come riportato nel nostro precedente articolo.

L'Agenzia di scommesse ubicata di fronte a quella Gold Bet inaugurata pochi giorni fa

L’Agenzia di scommesse ubicata di fronte a quella Gold Bet inaugurata pochi giorni fa

In prima analisi si pensava che fosse stato un grosso strafalcione del nostro sindaco, che per un attimo avesse dimenticato il suo ruolo e la veste che ricopre e si fosse tuffato in un evento goliardico, da poter condividere con i suoi amichetti di merenda, invece no, dopo nuovi sconcertanti notizie ricevute da nostre fonti, possiamo asserire con certezza che il sindaco di Caivano Dott. Simone Monopoli è ignaro o fa l’ignaro sulle conseguenze che possano portare le sue scelte politiche in tema di concessioni commerciali ad agenzie di scommesse.

Il sindaco Monopoli, attraverso il SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive), a breve concederà un’altra autorizzazione di inizio attività, ad un’altra agenzia di scommesse che vedrà alzare la saracinesca, sempre sul Corso Umberto a meno di 1 Km di distanza dalle due descritte in precedenza. Riflettendo su quanto scritto, secondo me, il sindaco cardiologo, o non conosce, o nessuno gli avrà detto mai che la Regione Campania, nel 2014, in collegamento con la legge di stabilità emanò una legge che si intitolava: “INTERVENTI DI RILANCIO E SVILUPPO DELL’ECONOMIA REGIONALE NONCHÉ DI CARATTERE ORDINAMENTALE E ORGANIZZATIVO” che al comma 197 dell’Art.1 recita: La Regione Campania, in armonia con i principi costituzionali e nel rispetto di quanto previsto dal decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158 (Disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute), convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2012, n. 189, promuove nelle competenti sedi istituzionali misure volte alla prevenzione, alla riduzione del rischio nonché al contrasto ed alla dipendenza dal Gioco d’Azzardo Patologico (GAP) anche in osservanza delle indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità e della Commissione europea sui rischi del gioco d’azzardo.

Le riflessioni da fare, per quanto illustrato, sono d’obbligo, la prima è: se la regione Campania ed il governo centrale stabiliscono che bisogna prendere delle misure di prevenzione al rischio della ludopatia, per consentire la crescita e lo sviluppo di un paese, perché il nostro sindaco promuove esattamente l’opposto? E’ ignorante o vuole che Caivano non si sviluppi?

La seconda riflessione può essere conseguenziale alla prima, se nel caso, il nostro “caro” sindaco vuole che Caivano non si elevi e non si sviluppi, e se le voci che girano per la città, che poi sono le stesse descritte in quel famoso esposto presentato a firma falsa degli attivisti M5S, dove descrive alcuni consiglieri in odore di camorra, sono vere, allora vuol dire che Monopoli amministra per favorire il business del malaffare? Ai posteri l’ardua sentenza

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caivano

Rapine tra Caivano, Frattamaggiore e Casavatore: scattano le manette dopo la condanna

Pubblicato

il

Rapine tra Caivano, Frattamaggiore e Casavatore: scattano le manette dopo la condanna.  Stamattina gli agenti della Squadra Mobile hanno rintracciato e arrestato, presso la sua abitazione in via Atellana a Caivano, Pasquale Bevilacqua, 51enne napoletano, in esecuzione di un provvedimento di carcerazione emesso il 10 gennaio dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli – Ufficio Esecuzioni Penali.

L’uomo è stato condannato alla pena di 5 anni e 4 mesi di reclusione per rapina, possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli, ricettazione e resistenza a Pubblico Ufficiale, commessi a Caivano, Frattamaggiore e Casavatore tra il 2009 e il 2013.

Continua a leggere

Attualità

Caivano, 84 percettori di reddito di cittadinanza al servizio del Comune: “Lavoreranno 8 ore settimanali”

Pubblicato

il

Negli ultimi mesi si è molto discusso sul reddito di cittadinanza, tra persone a favore di questo sussidio e chi invece voleva abolirlo. Molti percettori però stanno lavorando a servizio del Comune in cui abitano. Un bell’esempio di ritorno in società che piace ai cittadini e dà dignità a chi percepisce il reddito di cittadinanza.

Dopo l’esempio positivo del Comune di Bacoli, anche quello di Caivano ha fatto partire dei progetti in favore di 84 persone con reddito di cittadinanza. Come scrive la pagina dell’amministrazione comunale sui social questa è un’occasione di inclusione:

Si tratta di una grande opportunità per il miglioramento dei servizi e per i diretti interessati, che lavoreranno otto ore settimanali, per un totale di dodici mesi e fino a che, in questo periodo, percepiranno il reddito. Attraverso i Puc avviamo un’attività di restituzione sociale per coloro che ricevono il reddito di cittadinanza e, allo stesso tempo, è un’occasione di inclusione per i diretti interessati che contribuiranno al bene della nostra Comunità. Un sentito ringraziamento agli uffici del settore Politiche sociali che si sono dedicati al progetto perché dietro a questo servizio di cui beneficerà l’intera collettività c’è stato un lungo lavoro. In foto, il primo gruppo di percettori reddito di cittadinanza che da subito inizia a collaborare con il Comune. Questo primo progetto si chiama InComune.
A fine mese seguiranno altri tre progetti: manutenzione verde, manutenzione immobili e scuole sicure. In totale saranno 84 le persone impegnate. Buon lavoro a tutti voi“.

Continua a leggere

Caivano

Parco Verde di Caivano, camper per i tamponi gratis in chiesa

Pubblicato

il

Mercoledì e giovedì prossimi, dalle 15,30 alle 19 presso San Paolo Apostolo di Caivano sarà possibile effettuare il tampone gratis. Lo annuncia padre Maurizio Patriciello, parroco del Parco Verde, spiegando che la parrocchia ha dato l’immediata disponibilità ad accogliere un camper delle autorità sanitarie per far eseguire i tamponi.

Tutti i giorni invito i cittadini a controllarsi ma soprattutto a vaccinarsi. “Non c’è un’omelia durante la quale non ricordi che con il vaccino si sconfigge la pandemia” spiega don Maurizio. A qualche fedele scettico io dico che io mi fido della scienza e del Papa – aggiunge – L’utilità dei vaccini viene ricordata dai medici di tutti il mondo. E poi anche il papa lo ha detto chiaramente:” dobbiamo vaccinarci”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante