Resta sintonizzato

Caivano

Reportage dal Parco Verde, tra disagi e speranze dei residenti

Pubblicato

il

Caivano – Differenziata che non riesce a partire, anziani e disabili bloccati ai piani superiori a causa di ascensori fuori uso, tubature vecchie e amianto, questa è la fotografia di una giornata trascorsa tra gli isolati del quartiere di Caivano in via Circumvallazione Ovest, denominato Parco Verde.

Dal mese di maggio, in diverse palazzine, le ascensori sono fuori uso, in alcuni casi per interventi blandi, come un bottone fuori posto mentre in altri per situazioni più gravi che impediscono di poter uscir di casa. Chi ne fa le spese sono sempre le fasce più delicate, persone anziane, disabili o anche mamme con passeggino, per loro è impossibile scendere a piedi sei piani e nonostante il caldo rovente di questi giorni sono costrette a restare nei loro appartamenti.

Abbiamo ascoltato alcuni residenti che ci hanno descritto quello che stanno vivendo in questi ultimi mesi. La società addetta per la manutenzione, sebbene chiamata più volte, spiegano, non può intervenire perché non retribuita dal Comune. Da maggio sono piovute le loro richieste d’intervento agli uffici tecnici, ma sempre senza risposta. Non solo questo però. Lasciamo per un momento queste alte palazzine e raggiungiamo l’isolato A11, dove in cantina abbiamo una piscina. Da una tubatura fuoriesce acqua che invade anche tutto il piazzale a causa di una perdita acqua, all’inizio banale, ma poi senza l’intervento dei tecnici, si è estesa a dismisura. Guardando il soffitto di queste che in realtà sono moduli prefabbricati, notiamo visibili scheletri di amianto ereditati dal post terremoto. Tutto qui sembra essersi fermato agli anni 80. Sono 150 alloggi bilocali e 600 moduli prefabbricati, da case parcheggio sono diventate la realtà più dibattuta a nord di Napoli.

Commentano gli abitanti: “Dateci la possibilità di avere gli stessi diritti di tutta Caivano. Qui per esempio la raccolta porta a porta non è mai realmente partita, eppure stanno arrivando salatissime bollette per la spazzatura, ma qui manutenzione del verde viene fatta dai cittadini non vediamo mai nessuno della ditta – continuano – Abbiamo fatto richiesta al Comune per la sistemazione di cassonetti per la differenziata, ma nessuno ovviamente ha esaudito le nostre aspettative”. Tuttavia mentre in tutta Caivano è partita la differenziata porta a porta, qui ancora ci sono i cassonetti per la spazzatura indifferenziata, puntualmente strapiene perché vengono utilizzate anche dai non residenti. Situazioni al limite del collasso sociale che ieri sono esplose in una manifestazione al Comune.

Anche questa volta però questi cittadini dovranno costatare l’assenza di soluzioni a problematiche che tutti amano semplificare usando un’etichetta per semplificate tutto: “E’ il Parco Verde cosa volete?”.

Caivano

Stupri a Caivano: condannati tre dei sette minorenni coinvolti

Pubblicato

il

Due condanne a 9 anni e una a 10 anni di reclusione: questo il verdetto del giudice del tribunale per i minorenni di Napoli Anita Polito, al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, emesso nei confronti di tre dei sette minorenni coinvolti negli abusi compiuti la scorsa estate a Caivano, in provincia di Napoli, ai danni di due cuginette di 12 e 10 anni.

La sentenza è giunta al termine di una breve camera di consiglio.

Il 5 luglio, pene tra 9 anni e 10 anni e otto mesi di reclusione, erano state invocate dal pm Claudia De Luca. Lo stesso giorno erano stati condannati due maggiorenni coinvolti nelle violenze.

Continua a leggere

Caivano

Caivano, stabilito Piano di Emergenza Comunale nella riunione convocata dalla Commissione Straordinaria

Pubblicato

il

Si è tenuta nel pomeriggio di ieri presso il Comune di Caivano una riunione convocata dalla Commissione Straordinaria, composta da Filippo Dispenza,  Simonetta Calcaterra e Maurizio Alicandro, a cui hanno partecipato tutti i componenti del Centro Operativo Comunale (COC), l’importante organo chiamato ad intervenire in caso di emergenze di protezione civile.

La Commissione Straordinaria, già nello scorso mese di marzo, ha deliberato l’aggiornamento del piano comunale di emergenza, che risaliva al 2015, ed a maggio ha provveduto a costituire il COC, che ieri si è riunito per stabilire le modalità operative, individuare le figure dei sostituti per ogni singolo componente e per approfondire la conoscenza delle funzioni che ciascuno è chiamato a svolgere in caso di calamità. 
Si è stabilito, inoltre, di organizzare nei prossimi giorni presso il Castello Medievale di Caivano un incontro informativo aperto alla cittadinanza, nel corso del quale saranno spiegate tutte le misure di protezione civile previste nel piano di emergenza e verrà distribuito un vademecum con le indicazioni utili per fronteggiare ogni situazione di rischio.

La Commissione Straordinaria, nel corso dell’incontro, ha annunciato anche l’intenzione di allestire una Sala Operativa presso la sede comunale di Via Marzano, mediante l’acquisto di tutta la strumentazione tecnologica necessaria per i collegamenti in videoconferenza con la Prefettura di Napoli e tutti gli altri Enti facenti parte del sistema di protezione civile.

Continua a leggere

Caivano

Caivano, fondi di solidarietà comunale: l’asilo nido resterà aperto fino ad agosto

Pubblicato

il

La Commissione Straordinaria di Caivano, composta da Filippo Dispenza, Simonetta Calcaterra e Maurizio Alicandro, ha accolto le istanze partite da Minformo: l’asilo nido “A piccoli passi” di via Palmieri, 1 in località Casolla potrà restare aperto per tutto il mese di luglio e fino al 3 agosto, per poi riprendere le attività dal 26 agosto prossimo.

Il direttore responsabile di Minformo, Mario Abenante, a più riprese, ha suggerito di avviare un percorso nuovo nel servizio pubblico ai minori caivanesi attraverso le risorse del Fondo di Solidarietà Comunale, per intervenire in maniera capillare sull’educazione scolastica del territorio.

Questo provvedimento riveste non solo una forte valenza educativa e pedagogica, ma realizza anche un fondamentale supporto ai genitori lavoratori, spesso in difficoltà per l’interruzione estiva del servizio che avveniva nel passato.

L’orario di frequenza dell’asilo nido è assicurato dal lunedì al venerdì dalle ore 7.30 alle ore 19.00 ed il sabato dalle ore 8.00 alle ore 14.00.

Minformo – tutta – si augura che tali misure vengano adottate, al più presto, anche per le scuole elementari e le scuole medie del caivanese.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy