Resta sintonizzato

Ambiente

Quando la canapa a Napoli era considerata l'”Oro Verde”…

Pubblicato

il


Fin dall’antichità la Canapa (Cannabis Sativa) è stata coltivata per i suoi infiniti utilizzi.
In Italia la sua produzione era concentrata soprattutto in Emilia Romagna e in Campania; ma è in Campania dove si estraevano le qualità migliori di fibra, tanto che la pianta veniva denominata l’Oro Verde, e i territori in cui si coltivava “Terra di Lavoro”, ossia l’area che si estendeva dal fiume Sarno (SA) fino ai cosiddetti mazzoni di Capua (CE), il cui epicentro è l’area dei Regi Lagni.
La canapicoltura, fin dal XVIII secolo, era il fiore all’occhiello e la massima vocazione della regione, non a caso definita Felix, fertile.

Utilizzata in passato soprattutto per la fibra (il tiglio) e nell’industria tessile, gli utilizzi della canapa possono essere oggi i più svariati. Da quello ricreativo, il più discusso, fino all’industria edile, quella alimentare, e persino nella produzioni di bio-carburanti.

Un esempio palese della vastità degli utilizzi della canapa è la super-citata Ford T, un’automobile interamente costruita in fibra di Canapa, con motore a olio di Canapa. Il progetto diventò obsoleto con l’avvento del proibizionismo.

[youtube= https://www.youtube.com/watch?v=9lXnyZe-heA]

L’industria della canapa in Italia agli inizi del ‘900 era fiorente. Con un’esportazione di canapa di circa 604 mila quintali annui, a fronte di un’importazione di un’irrisoria quantità di 67 mila tonnellate. Un introito cash notevole per l’epoca.
Ecco un illuminante prospetto dell’indice delle esportazioni di canapa dal 1909 al 1952 redatto da canagrogroup.it:

Cattura

Negli anni cinquanta la canapa trovava un suo utilizzo e suscitava interesse anche nell’arte, una prova evidente sta nel fatto che a Frattamaggiore (NA), durante la Mostra Nazionale di Pittura, di notevole successo, si poteva visitare un’intera sezione dedicata completamente alla canapa.

Con l’avvento del proibizionismo e la conseguente espansione manovrata e scorretta dell’industria pesante della plastica e quindi del petrolio, ma anche del legno, del cemento e della gomma, il mercato della canapa verrà sempre più ostacolato e sminuito. La “Terra di Lavoro” si è sovente trasformata in “Terra dei Fuochi”, dove l’industria inquinante della zona industriale più estesa del sud Italia (Caivano-Marcianise) e lo smaltimento illegale di scarti tossici e inquinanti fanno da padroni incontrastati.

L’unica speranza attuale della popolazione non sta nelle semi-utili marce di protesta dove un pastore indica una strada al gregge che si rivela essere un vicolo cieco, ma nell’informazione di ogni singolo cittadino onesto, nella memoria storica, ma soprattutto è nelle mani di quegli imprenditori che vogliono ribellarsi allo stato attuale di cose, investendo in industrie ecologiche, pulite, intelligenti e che con uno sforzo iniziale potrebbero diventare redditizie come nessuna industria petrolchimica potrebbe mai.

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ambiente

Crisi nera per gli agriturismi: 30mila clienti in meno, guadagni dimezzati

Pubblicato

il

L’avvento di Omicron e l’impennata di contagi ha determinato una situazione critica per il settore della ristorazione e in particolare per gli agriturismi: a evidenziarlo è un bilancio di Coldiretti, che per lo scorso anno stima circa 1 milione di presenze in meno.

Il 2021 si è chiuso infatti con quasi un milione di arrivi in meno rispetto al prima della pandemia nel 2019, soprattutto per effetto del crollo delle presenze degli stranieri, ma anche degli italiani. Questo è quanto emerge da un primo bilancio della Coldiretti sulla base delle indicazioni di Terranostra, che evidenza la necessità di sostegni di fronte ad una situazione di sofferenza sia per l’alloggio che la ristorazione.

Solo in Campania si stimano mancati arrivi e cancellazioni per circa 30mila visitatori nei 700 agriturismi presenti nelle cinque province. La tenuta delle presenze nei mesi estivi non è stata certo sufficiente a colmare i pesanti vuoi degli altri periodi dell’anno nelle oltre 25mila strutture agrituristiche presenti in Italia lungo tutta la Penisola, strutture che svolgono anche un importante ruolo di presidio ambientale del territorio e della biodiversità.

Per gli agriturismi si è concluso così un altro anno molto difficile, dopo un 2020 drammatico con appena 2,2 milioni di arrivi (-41,3% rispetto al 2019), il numero più basso dal 2010. La composizione degli ospiti rispetto alla nazionalità ha visto la prevalenza degli italiani con 1,5 milioni, in calo di circa mezzo milione rispetto all’anno precedente, mentre gli stranieri sono stati poco più di 669mila, in calo di oltre 1,1 milioni rispetto al 2019.

Il risultato, precisa la Coldiretti, è stato il dimezzamento del fatturato degli agriturismi (-49%), che è sceso a 802 milioni di euro. L’arrivo in questi giorni dei contributi previsti dal decreto del Ministero del turismo del 24 agosto 2021, a favore delle imprese turistico-ricettive e fortemente sostenuti da Coldiretti e Terranostra, non è sufficiente a garantire la sostenibilità economica ed occupazionale delle strutture per le quali – conclude la Coldiretti – è necessario ora prevedere nuove misure di sostegno.

Continua a leggere

Ambiente

Meteo, arriva il caldo: merito dell’anticiclone delle Azzorre

Pubblicato

il

Dopo il gelo di questi giorni con temperature vicine allo zero e nevicate anche in bassa quota, il termometro nel fine settimana tornerà a salire. Tutto merito dell’Anticiclone delle Azzorre che porterà aria calda e alta pressione. Il freddo però non scomparirà del tutto, per il mese di febbraio sono previsti altri abbassamenti della temperatura.

L’anticiclone arriverà prima nelle Regioni del Nord per poi interessare anche il Meridione. Un piccolo spiraglio di luce e caldo dopo giorni in cui anche in Campania è stata diramata l’allerta meteo per nevicate e gelo. Basti pensare che oggi la temperatura nel capoluogo partenopeo sfiora lo zero.

Continua a leggere

Terremoti

Brandisismo a Pozzuoli, due nuove scosse registrate oggi

Pubblicato

il

POZZUOLI – Trema ancora la terra a Pozzuoli. Due eventi sismici legati al bradisismo flegreo sono stati registrati nel giro di quattro minuti nella zona, in provincia di Napoli.

Alle 17.58 il primo evento di magnitudo 1,5 della scala Richter a 2,2 chilometri di profondità, alle 18,02 la seconda scossa di magnitudo 1,6 e profondità 900 metri.

Secondo i riferimenti pubblicati dall’Osservatorio Vesuviano entrambi gli eventi hanno avuto epicentro l’oasi degli Astroni a sud-est del vulcano Solfatara.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante