Resta sintonizzato

Ambiente

Don Maurizio Patriciello e il terrorismo delle chiacchiere

Pubblicato

il

Se il signor Smith, dal film Matrix, potesse esprimersi sulla questione, direbbe sicuramente: <<“Terra dei fuochi” è solo una parola. L’importante è l’interazione che la parola comporta.>>.
Ci abbiamo provato in tanti modi a chiacchierare dell’hinterland napoletano: all’inizio forse eravamo solo zingari, emarginati ed esclusi, provincialotti e camorristi; poi siamo saliti di grado, siamo diventati “i triangoli della morte“; abbiamo vinto il premio “terra dei fuochi” qualche anno fa e adesso siamo ancora più virtuali, ci possiamo anche vantare di assomigliare a “Gomorra“.
Una no-fiction novel che si riempie di particolari e storie piene d’intensità, che racconta di una cupola di vetro in cui sono racchiuse tutte le persone accalappiate dall’incantesimo del medium: in un angolo le mamme disperate piangono tenendosi la testa tra le mani, alcune mostrano la fotografia dei loro piccoli scomparsi; dall’altro lato i ragazzi del parco verde prestano la loro immagine per il nuovo spot dell’8×1000.
Al centro un grande tavolo imbandito, lussuoso. Al posto del cibo, nei piatti, ci sono tagli da venti, cinquanta e cento euro; al posto del vino e dell’acqua si beve ipocrisia condensata, al sapore di sapone per avere la sensazione di essersene lavati la bocca. Seduti al tavolo ci sono proprio tutti: molti imprenditori, di quelli della miglior specie, timorosi di fronte a niente, disposti a vendersi madre e figli per uno spinello di potere; in ultimo (non per importanza) i rappresentati della menzogna clericale che, poverini, fanno il sacrificio di attendere ogni giorno un nuovo gingillo da portare al collo con fede e sudore.

Ma ecco che, con un dolly lento e drammatico, ci avviciniamo a Barbara D’Urso che intervista un sacerdote circondato da adepti che gli baciano le mani e lo dicono santo e capace di miracoli.  Chi è questo sacerdote? Da cosa lo riconosciamo?
Un sacerdote lo si potrebbe riconoscere dall’abito, dal crocifisso oppure da ciò che predica e mette in pratica.  Ebbene, non è il caso di questo sacerdote, che invece si può riconoscere da qualcosa di veramente assurdo: un quadrato fisso intorno alla faccia.
Si, giurerei di averlo visto solo e unicamente con un quadrato attorno alla faccia. E’ la cornice della televisione, la cornice del video pubblicato sul web, la cornice della fotografia in posa per la pubblicità, la cornice della fama e della popolarità a discapito di qualsiasi valore e messaggio.
Qualcuno dice di averlo guardato da vicino, di aver avuto la possibilità di parlare con lui.
Il pass per accedere alla visione di Don Maurizio? Essere d’accordo con lui. Non c’è altro modo per arrivare ad averci a che fare.

La cupola hanno cercato e cercano di sfondarla in molti: hanno cercato di entrare e scandagliare, di gridare a gran voce che i caivanesi non vogliono essere visti a “Striscia la notizia” ne a “Le iene” ne a “Pomeriggio Cinque”.
Anzi molti caivanesi non vorrebbero neanche parlarne di queste cose, non vorrebbero minimamente somigliarvi.
Molti caivanesi, come molti abitanti dell’hinterland napoletano, come molti casertani, come tutti i campani, come molti italiani, come molti esseri umani, sono stanchi.
Sottinteso che dire “molto”, insieme a “bene”, non è mai una questione di numeri.
Stanchi di essere solo personaggi virtuali, di ricevere contentini mediatici, stanchi di stare al centro dell’attenzione mentre agonizzano, stanchi dei fenomeni da baraccone -che in realtà non hanno mai colpa, fino a quando il denaro, l’immagine e il potere diventano più forti dell’Amore e della prossimità, più forti della realtà, di quello che accade davvero.
Stanchi che a Napoli (al centro, a pochi chilometri di distanza dall’hinterland) la maggior parte delle persone affermino di conoscere la terra dei fuochi senza tuttavia neanche minimamente immaginarsi la realtà dei fatti, senza mai aver toccato con mano quello che veramente accade; immobilizzati nella trappola dell’azione mediatica.
Perchè quello che accade, quello che stiamo pubblicizzando, quello di cui tanto chiacchieriamo, non sono i nostri problemi e la relativa soluzione, non è la morte a cui stiamo andando incontro: noi pubblicizziamo il simulacro della nostra realtà, la finzione, una mezza verità, i voli pindarici della nostra mente.
Pettegoli incontentabili, ce la prendiamo sempre con qualcuno, estrapoliamo tra i media l’immagine del nostro nemico e del nostro migliore amico, poi ce la stampiamo dritta nel cervello in HD. Mai, però, ci guardiamo allo specchio.
Mai guardiamo alla realtà dei fatti, mai scendiamo per strada; mai tiriamo fuori per le orecchie i potenti dai loro palazzi d’oro; mai ci inginocchiamo ad aiutare i bisognosi; ci umiliamo a favore del bene altrui e della comunità; presi come siamo a gestire la community.  Anzi amiamo scendere a compromessi: con la prossima trasmissione televisiva; con i prossimi cento like su facebook; con il politico di turno a cui diamo del “tu” sopraffatti da un buonismo irritante, disumanizzante. Il politically correct.

E’ “il terrorismo delle chiacchiere” di cui parla Papa Francesco.
Sappiamo fare rumor, abbiamo saputo sempre farlo -e continueremo ad avere come unica interazione il litigio e la divisione, l’esaltazione del nostro ego, l’immagine sbagliata di quello che siamo.
Solo una parola. La terra dei fuochi.

 

Attualità

Terremoto ai Campi Flegrei, paura tra i bagnanti a Monte di Procida: una frana parte del costone roccioso

Pubblicato

il

Momenti di panico a Monte di Procida, nei Campi Flegrei, dove poco fa una frana ha provocato il crollo di una parte del costone roccioso a ridosso della spiaggia, seminando sgomento e paura tra i bagnanti. 

Al momento, non si hanno notizie di eventuali feriti o danni. L’evento è stato filmato e subito condiviso sui social da una bagnante che si trovava in spiaggia al momento del crollo.

Secondo quanto comunicato dall’Osservatorio Vesuviano, a partire dalle 11.57 è in corso una sequenza di eventi sismici con magnitudo massima preliminare Md = 2.6 ± 0.3 ad una profondità di 2,7 chilometri. 

Non è ancora chiaro se la frana sia collegata al terremoto di magnitudo 2.6 registrato oggi ma tutto lo lascia pensare

Continua a leggere

Attualità

Sciame sismico in corso ai Campi Flegrei: epicentro Pozzuoli-via Napoli

Pubblicato

il

Uno sciame sismico è in atto nei Campi Flegrei.

A partire dalle 4 di stamattina, sono state diverse le scosse registrate.

Come si evince anche dal sito dell’Osservatorio Vesuviano, al momento la scossa più forte ha raggiunto una magnitudo 2.0 con epicentro nella zona lungomare di Pozzuoli – Via Napoli.

Continua a leggere

Attualità

Droni sui Campi Flegrei: controlli su vie di fuga e facciate degli edifici

Pubblicato

il

Da lunedì 8 luglio, partiranno anche a Napoli le attività previste dal piano di lavoro di analisi termografica, tramite drone, degli edifici che ricadono sulla viabilità principale delle zone rientranti nel fenomeno bradisismico dei Campi Flegrei.

Lo riferisce Palazzo San Giacomo con una nota.

Le attività – comprese nel Piano straordinario di analisi della vulnerabilità delle zone edificate direttamente interessate dal fenomeno bradisismico – saranno realizzate dalle strutture di supporto al Dipartimento di Protezione civile nazionale.

La finalità è quella di valutare lo stato di consistenza delle facciate degli edifici prospicienti la principale viabilità di emergenza, sul territorio napoletano riguarderà piazza Bagnoli, via G. Cerbone, piazza G. Salvemini, viale J.F. Kennedy, via Bagnoli, Via Nuova Bagnoli, via Nuova Agnano, via Diocleziano, via S. Ferrara, via di Pozzuoli, via S. Italico.
Nella settimana dall’8 al 12 luglio le attività si svolgeranno dalle 7 alle 11. Si partirà dalla stazione Dazio per iniziare l’attività lungo via di Pozzuoli, a partire dal civico 100, e si proseguirà in continuità su via di Bagnoli. Le squadre saranno riconoscibili perché indosseranno le magliette di ReLuis o quelle del laboratorio Lift.


(fonte: meteoweb.eu)

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy