Resta sintonizzato

Attualità

NAPOLI: Il Palazzo delle Arti senza interpreti per gli stranieri

Pubblicato

il

NAPOLI – Poltrone vuote al PAN. Il triste spettacolo di sedie che potrebbero essere occupate da giovani interpreti o guide, che invece restano sole e impolverate.

Il Palazzo delle Arti di Napoli è uno dei luoghi più rappresentativi per la vivacità culturale partenopea, dove dal 2005 si ospitato milioni di visitatori da tutto il mondo. Il paradosso è che ad accogliere turisti stranieri, spagnoli, inglesi o tedeschi, non c’è personale. Diventa difficile spiegare agli ospiti europei le ricchezze ospitate al PAN o la storia delle radici della cultura di Napoli.

Quindi da un lato uffici e poltrone vuote, mentre dall’altro abbiamo l’incontenibile domanda di lavoro da parte delle giovanissime leve del turismo, che potrebbero fare un’esperienza importante nell’accoglienza dei turisti.

Attualità

Cremlino: “Vertice Nato disastroso!, ha solo aumentato i rischi di una pericolosa escalation”

Pubblicato

il

Sono “una pericolosa escalation” i piani della Nato sul dispiegamento dei missili a lunga gittata. Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov, come riporta la Tass.

“Per quanto riguarda i missili a più lunga gittata, si tratta di una pura azione a falsa bandiera e di una nuova pericolosissima escalation”, ha sottolineato ai giornalisti.

Il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov ha dichiarato che il vertice Nato a Washington è stato a suo parere “disastroso” e “non ha fatto altro che aggravare le tensioni” e “aumentare i rischi di un ulteriore sviluppo della situazione”. “Siamo giunti alla conclusione che, ovviamente, questo è un vertice della vergogna”, ha dichiarato Ryabkov.
Che poi aggiunge, “nessuno in Occidente dovrebbe avere dubbi sulla determinazione” della Russia a rispondere al possibile schieramento in Europa di missili americani a raggio intermedio.

Continua a leggere

Attualità

Vertice Nato, Biden: “Il candidato resto io”, ma confonde Zelensky con Putin e Kamala Harris con Trump

Pubblicato

il

Joe Biden non molla la presa, nonostante nuovi lapsus che hanno rischiato di rovinargli l’attesissima conferenza stampa alla fine del vertice Nato a Washington, la prima dopo il disastroso dibattito tv e soltanto la 37esima della sua presidenza.

Al confronto con i giornalisti l’81enne Biden si è mostrato più determinato che mai a correre per un secondo mandato dichiarando, con la schiettezza che lo contraddistingue, di essere il candidato “più qualificato” e “l’unico” in grado di battere Donald Trump.

La serata non è iniziata sotto i migliori auspici per il presidente che poco prima di entrare nella sala affollata di giornalisti, per la maggior parte americani, ha avuto l’ennesimo lapsus presentando Volodymyr Zelensky sul palco del vertice Nato come ‘Putin’.
Biden si è ripreso subito dall’errore ma ovviamente lo strafalcione ha fatto il giro dei media Usa e gli è stato anche riproposto in conferenza stampa. E pochi minuti dopo, un nuovo svarione: il commander-in-chief dice ‘vice presidente Trump’ parlando di Kamala Harris. Gaffe di cui il tycoon ha subito approfittato rilanciandola sul suo social media Truth. “Bravo Joe! Ottimo lavoro!”, ha commentato sarcastico.

Strafalcioni a parte, il presidente si è mostrato molto più lucido, energico e chiaro rispetto al dibattito sulla Cnn. “Sono il più qualificato per battere Trump. L’ho battuto una volta, lo farò ancora”, ha dichiarato a chi gli faceva presente che nelle ultime settimane sono aumentati i democratici che lo supplicano di ritirarsi. Oltre alla big di Capitol Hill Nancy Pelosi e alla star di Hollywood George Clooney, sono diciassette i deputati e un senatore che premono per un suo passo indietro, di cui l’ultimo subito dopo la conferenza stampa. Pare addirittura che l’ex speaker della Camera Nancy Pelosi e Barack Obama si siano parlati privatamente sul futuro di Joe esprimendo il timore che non riesca a vincere.

Continua a leggere

Attualità

Sicurezza, entrano in servizio 142 nuovi carabinieri nel Napoletano

Pubblicato

il

Va affrontata la crescente esigenza di sicurezza dei cittadini in concomitanza con il grande flusso di turisti.
Sicché, nella città partenopea e nella sua provincia, sono entrati in servizio 142 nuovi carabinieri: 85 saranno integrati in via definitiva, 62 quelli che saranno impiegati nei reparti durante la stagione estiva.

Le nuove leve saranno dislocate strategicamente nei punti nevralgici del capoluogo e nelle località turistiche della provincia, assicurando una presenza costante e una risposta ancor più tempestiva alle istanze dei cittadini.
Una risorsa preziosa non solo per la gestione della sicurezza quotidiana, ma anche per la prevenzione di fenomeni criminali.

Il generale di brigata, Enrico Scandone, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Napoli, ha espresso la sua soddisfazione per questo potenziamento. “Siamo orgogliosi di accogliere questi nuovi rinforzi, che rappresentano un ulteriore impegno da parte dell’Arma dei Carabinieri per garantire la sicurezza e la tranquillità della nostra comunità”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy