Resta sintonizzato

Ambiente

[GALLERY] FRATTAMAGGIORE: La villa del degrado

Pubblicato

il


Frattamaggiore occupa la quattordicesima posizione nella classifica nazionale delle città con il più alto tasso di cementificazione territoriale.

Questo dato offre diversi spunti di riflessione oltre ad una evidente chiave di lettura. E’ ovvio che il cemento rappresenta un grande business per le amministrazioni, o meglio per gli amministratori.

Il nostro è un territorio fortemente intriso di opere ed operazioni ad evidente interesse personale, qui la politica ha da sempre rappresentato un’occasione da sfruttare e non un impegno da offrire alla collettività.

Gli spazi verdi, le aree per i bambini, la salute ed il benessere del cittadino non rappresentano purtroppo situazioni sulle quali lucrare, almeno non quanto si possa fare, ad esempio, con una cooperativa costituita da diversi edifici ognuno dei quali composto da decine e decine di appartamenti.

Si era promesso più verde e meno cemento, questo era uno degli slogan del sindaco Marco Antonio Del Prete che tutti i cittadini frattesi hanno avuto modo di leggere su manifesti affissi abusivamente in tutta la città.

Peccato però che lo slogan sia rimasto tale, è evidente infatti il numero di cantieri che continueranno a farci guadagnare posizioni nella classifica del cemento, così come sono evidenti le condizioni di abbandono e degrado dell’unico polmone verde a disposizione della collettività, la Villa Comunale.

Quello che doveva essere il fiore all’occhiello della nostra città è divenuto, a causa del disinteresse delle amministrazioni che si sono succedute negli ultimi anni, un simbolo di degrado assoluto.

Come denunciato da vari cittadini, associazioni e movimenti politici, oggi la Villa di Via Biancardi offre delle immagini raccapriccianti.

Lo stato di abbandono in cui versa ha catalizzato l’interesse di tossicodipendenti, vandali e malintenzionati che possono agire indisturbati deturpando quel poco che ancora rimane di panchine, anfiteatro, fontana centrale e servizi igienici.

Proprio questi ultimi, chiusi ed inutilizzabili da tanti anni costringono chi non abita nelle immediate vicinanze a soddisfare i propri bisogni alla meglio, dove capita.

Appare evidente che se Frattamaggiore intende tornare ad essere il punto di riferimento dei paesi limitrofi non può concedersi una gestione tanto scellerata di quelli che dovrebbero rappresentare punti di eccellenza e che invece prestano il fianco ad uno squallore che i cittadini non meritano.

Attualità

Terremoto ai Campi Flegrei, paura tra i bagnanti a Monte di Procida: una frana parte del costone roccioso

Pubblicato

il

Momenti di panico a Monte di Procida, nei Campi Flegrei, dove poco fa una frana ha provocato il crollo di una parte del costone roccioso a ridosso della spiaggia, seminando sgomento e paura tra i bagnanti. 

Al momento, non si hanno notizie di eventuali feriti o danni. L’evento è stato filmato e subito condiviso sui social da una bagnante che si trovava in spiaggia al momento del crollo.

Secondo quanto comunicato dall’Osservatorio Vesuviano, a partire dalle 11.57 è in corso una sequenza di eventi sismici con magnitudo massima preliminare Md = 2.6 ± 0.3 ad una profondità di 2,7 chilometri. 

Non è ancora chiaro se la frana sia collegata al terremoto di magnitudo 2.6 registrato oggi ma tutto lo lascia pensare

Continua a leggere

Attualità

Sciame sismico in corso ai Campi Flegrei: epicentro Pozzuoli-via Napoli

Pubblicato

il

Uno sciame sismico è in atto nei Campi Flegrei.

A partire dalle 4 di stamattina, sono state diverse le scosse registrate.

Come si evince anche dal sito dell’Osservatorio Vesuviano, al momento la scossa più forte ha raggiunto una magnitudo 2.0 con epicentro nella zona lungomare di Pozzuoli – Via Napoli.

Continua a leggere

Attualità

Droni sui Campi Flegrei: controlli su vie di fuga e facciate degli edifici

Pubblicato

il

Da lunedì 8 luglio, partiranno anche a Napoli le attività previste dal piano di lavoro di analisi termografica, tramite drone, degli edifici che ricadono sulla viabilità principale delle zone rientranti nel fenomeno bradisismico dei Campi Flegrei.

Lo riferisce Palazzo San Giacomo con una nota.

Le attività – comprese nel Piano straordinario di analisi della vulnerabilità delle zone edificate direttamente interessate dal fenomeno bradisismico – saranno realizzate dalle strutture di supporto al Dipartimento di Protezione civile nazionale.

La finalità è quella di valutare lo stato di consistenza delle facciate degli edifici prospicienti la principale viabilità di emergenza, sul territorio napoletano riguarderà piazza Bagnoli, via G. Cerbone, piazza G. Salvemini, viale J.F. Kennedy, via Bagnoli, Via Nuova Bagnoli, via Nuova Agnano, via Diocleziano, via S. Ferrara, via di Pozzuoli, via S. Italico.
Nella settimana dall’8 al 12 luglio le attività si svolgeranno dalle 7 alle 11. Si partirà dalla stazione Dazio per iniziare l’attività lungo via di Pozzuoli, a partire dal civico 100, e si proseguirà in continuità su via di Bagnoli. Le squadre saranno riconoscibili perché indosseranno le magliette di ReLuis o quelle del laboratorio Lift.


(fonte: meteoweb.eu)

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy