Resta sintonizzato

Attualità

CRISPANO: Arriva il regolamento per il Teatro Comunale

Pubblicato

il

CRISPANO – Inaugurato nel 2014, il Teatro Comunale “Eduardo de Filippo” è stato finora una struttura modesta ma con enormi potenzialità non sfruttate, con problemi oggettivi che vanno dalla mancanza di una manutenzione ordinaria all’assenza di una regolamentazione che dia la possibilità alle associazioni libere del territorio di curare e sfruttare tali potenzialità, autogestendo di fatto la struttura.

In due anni il teatro è stato usato poco, sebbene la sua posizione potrebbe facilmente renderlo uno dei punti nevralgici della vita sociale, culturale e politica del Comune. Questo perché non esistono tecnici in grado di gestire una serata, non vi è assegnata alcuna impresa di pulizia e la puzza derivante dalle muffe che proliferano nei livelli inferiori, umidissimi, rende pressoché invivibile e inutilizzabile un luogo che per antonomasia dovrebbe rappresentare splendore e accoglienza.

Gli sforzi dell’attuale Assessore alla Cultura Emma Massaro, fin dal suo insediamento nel 2015, sono però stati evidenti e focalizzati nel convogliare la forza della cittadinanza e delle associazioni; spesso anche tra difficoltà organizzative e situazioni non del tutto accomodanti, con un sostrato di associazioni culturali che non sempre riescono a coinvolgersi in iniziative di questo tipo, per paura di essere strumentalizzate dallo schieramento politico di turno e perdere indipendenza.

Tutti gli sforzi dell’Assessore saranno ora convogliati nella redazione di un nuovo regolamento per il teatro, che, come annunciato dalla stessa Massaro in sede all’ultimo consiglio comunale, si rifarà proprio ai principi di collaborazione, apertura, democrazia e autogestione.

Un passo avanti notevole, considerando la volontà dichiarata di questa amministrazione di non cedere la gestione del teatro ad alcun imprenditore privato, di mantenerlo quindi un bene pubblico e accessibile gratuitamente da qualsiasi cittadino che abbia la volontà di organizzare un evento di interesse sia pubblico che privato.

Invitiamo tutti gli addetti ai lavori, gli appassionati e i cultori del teatro o coloro che hanno semplice volontà di far crescere una struttura simile, a interessarsi alla questione, affinché ci sia il coinvolgimento necessario a creare un contratto serio tra i cittadini e il comune per la cura di questo bene pubblico da sempre aperto a tutti.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Coronavirus in Italia: 364 morti in 24 ore

Pubblicato

il

Sono 13.844 i nuovi contagi da Coronavirus in tutta Italia contro i 12.074 di ieri. Stando all’ultimo bollettino del Ministero della Salute e della Protezione civile, pubblicato oggi, mercoledì 21 aprile, il numero dei contagiati sale a 3.904.899.

Le vittime sono 364 mentre ieri erano 390. Il numero dei morti, dall’inizio della pandemia, è 117.997.

Gli attualmente positivi sono 475.635 (ieri 482.715). La regione che ha registrato il maggior incremento di casi giornalieri è la Lombardia con 2.095 contagi in appena 24 ore.

Oggi sono 22.784 i ricoverati negli ospedali italiani (ieri 23.255, -471) mentre si trovano in terapia intensiva ancora 3.076 persone (ieri 3.151, -75).

Gli ingressi in rianimazione oggi sono 155, ieri 182. In isolamento domiciliare ci sono ancora 449.775 persone (456.309) mentre i dimessi e i guariti sono in tutto 3.311.267 (ieri 3.290.715) con un incremento di 20.552 unità solo nell’ultima giornata.

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 350.034 tamponi contro i 294.045 di ieri. Il totale dei test eseguiti dall’inizio del monitoraggio è 55.885.251 di cui 46.673.704 molecolari e 12.211.547 antigenici. Il numero di persone testate è 24.794.274.

Infine, il tasso di positività oggi è del 4 per cento (ieri del 4,1, il giorno prima del 6).

Continua a leggere

Attualità

Covid-19. Il bollettino dell’Unità di Crisi: la situazione in Campania

Pubblicato

il

L’Unità di Crisi della Regione Campania, anche quest’oggi, mercoledì 21 aprile, ha pubblicato il consueto bollettino sulla situazione dei contagi in Campania.

Questi i dati di oggi:

Positivi del giorno: 1.881 (*)

di cui Asintomatici: 1.293 (*)

Sintomatici: 588 (*)

* Positivi, Sintomatici e Asintomatici si riferiscono ai tamponi molecolari

Tamponi molecolari del giorno: 20.367

Tamponi antigenici del giorno: 6.568

Deceduti: 30 (25 deceduti nelle ultime 48 ore, 5 deceduti in precedenza ma registrati ieri)

Totale deceduti: 6.069

Guariti: 1.753

Totale guariti: 277.426

Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656

Posti letto di terapia intensiva occupati: 144

Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (Posti letto Covid e Offerta privata)

Posti letto di degenza occupati: 1.534

Continua a leggere

Attualità

Paesi Vesuviani. Sequestrati 13 laboratori tessili abusivi: i dettagli

Pubblicato

il

I militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale di Napoli, hanno proceduto questa mattina al sequestro di 13 laboratori tessili abusivi, gestiti da soggetti di nazionalità cinese, di oltre 210 attrezzature per l’attività tessile e di un’autovettura in uso a due soggetti di nazionalità italiana, utilizzata per lo smaltimento di rifiuti speciali derivanti dall’attività dei predetti opifici.

Le indagini, sono iniziate lo scorso luglio, quando, grazie all’ausilio di una telecamera nascosta, si accertava che sulla pubblica via, nel comune di Poggiomarino, un uomo smaltiva illecitamente diversi sacchi di plastica di colore nero, contenenti scarti di lavorazione del settore tessile. I successivi servizi di pedinamento, hanno consentito d’individuare l’esistenza di 13 laboratori tessili abusivi, ubicati nei comuni di Poggiomarino, San Giuseppe Vesuviano, Terzigno, Ottaviano e Sarno, i cui gestori, si servivano dei due indagati, per smaltire in maniera illegale i rifiuti prodotti, abbandonandoli sul territorio.

Grazie ad una verifica incrociata, è stato possibile scoprire che i laboratori sottoposti a sequestro, erano totalmente abusivi, in quanto ubicati in immobili locati ad uso abitativo e privi delle necessarie autorizzazioni amministrative per l’esercizio dell’attività. Nel corso delle indagini, sono stati accertati e documentati ben 27 episodi di smaltimento illecito di rifiuti. Pertanto, i responsabili, sono ora accusati di illecita attività di gestione di rifiuti speciali.


Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante