Resta sintonizzato

Senza categoria

L’Argilla, una risorsa immensa – Introduzione ai suoi mille utilizzi

Pubblicato

il

 

Oggi ho rimesso gli occhi su questo piccolo ma utilissimo manuale sull’argilla, l’ho scoperto da un paio di anni, e da allora è sempre fonte di innumerevoli consigli per le cure di molteplici aspetti del nostro organismo.

14971272_10211568772324335_577392711_n

L’argilla è una delle materie prime più antiche che l’uomo abbia mai usato. In tempi remotissimi, grazie alla morbidezza e alla plasticità che la contraddistingue, si producevano ceramiche e oggetti ornamentali per i più comuni usi domestici e decorativi.

Le prime notizie storiche sull’uso dell’argilla a scopo cosmetico, risalgono all’epoca dell’antico Egitto.

Durante l’epoca egizia, gli uomini agivano non in base ad un pensiero razionale, ma seguendo forme di conoscenze istintive, le stesse che permettevano loro di costruire le piramidi, e di avvicinare gli elementi della natura per curare la bellezza e le malattie. Quando gli antichi egiziani usavano l’argilla per curare un trauma, una slogatura o per far calcificare più in fretta un arto rotto, non sapevano che l’argilla fosse così ricca di silice e di alluminia, e che nella sua composizione sono presenti tanti altri metalli.

Tali conoscenze scientifiche appartengono alla nostra epoca. Nell’antichità gli uomini possedevano una conoscenza istintiva in base alla quale sapevano che usando una maschera di argilla su un arto rotto, se ne accelerava la calcificazione, così come gli animali sanno riconoscere grazie al loro istinto le erbe buone da quelle velenose.

Nel IV eV Secolo a.C. Ippocrate durava i dolori di vario genere con l’argilla.

Nel 1920, il famoso abate Kneipp la ripropose come una grande e potente medicina naturale, esprimendosi con queste parole: “L’argilla guarisce le infiammazioni, attira a sè la materia malata e putrida, guarisce le ferite e le ulcerazioni. E’ un eccellente medicamento per il mal di testa, di spalle , nelle infiammazioni, nelle intossicazioni, ecc.”

Una grande e luminosa personalità del nostro tempo, Gandhi, la usava sotto forma di cataplasma e ne raccomandava l’uso.

I tipi di argilla più usati in questo ambito sono:

  • Argilla ventilata, è fine ed impalpabile e di solito viene usata per uso interno
  • Argilla macinata, fine che ha una granulometria rispetto a quella ventilata, utilizzata per uso esterno.
  • Argilla macinata grossa, ha una pezzatura della dimensione di una noce mista a della polvere.

L’argilla ha un’azione polivalente che risiede nel fatto che essa è rimasta in uno stadio intermedio tra il liquido e il solido. L’argilla non si è raffreddata del tutto, perciò è morbida e plastica, due attributi, morbidezza e plasticità, che rivelano la presenza di forze di calore al suo interno. L’argilla agisce beneficamente sia sull’apparato scheletrico rinforzandolo, grazie al calcio, sia al sangue modificandone la qualità grazie al ferro, e sia sugli organi e sulle ghiandole riequilibrandone le funzioni fisiologiche, grazie alla sua plasticità. Tale corrispondenza terapeutica tra l’argilla e le varie parti del nostro organismo erano già note nell’antica medicina.

Quest’articolo vuole quindi portare all’attenzione, l’approfondimento di metodologie, oggi ritenute alternative, ma in realtà facenti parte di millenni di utilizzi medicamentosi.

La natura ci offre mille risorse, impariamo a conoscerle.

 

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Dramma di Pasquetta: uomo avvolto dalle fiamme durante una grigliata

Pubblicato

il

Un grave incidente domestico è avvenuto ieri, lunedì 5 aprile, in provincia di Salerno, a San Cipriano Picentino.

Un uomo di 50 anni è stato infatti avvolto dalle fiamme durante la grigliata di Pasquetta.

A causa di un “ritorno di fiamma” il 50enne è ricoverato in condizioni molto gravi presso il Centro Grandi Ustionati dell’Ospedale Cardarelli di Napoli.

Secondo una prima ricostruzione l’uomo si apprestava ad accendere il fuoco per il barbecue per la classica grigliata del lunedì di pasquetta, quando in pochi attimi, a causa del ritorno di fiamma, è stato avvolto dal fuoco.

I familiari hanno provato a spegnere le fiamme utilizzando coperte e hanno richiesto con urgenza l’intervento di un’ambulanza.

L’uomo è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Ruggi di Salerno, ma a causa delle gravi ustioni su più del 50% del corpo i medici hanno deciso il trasferimento in eliambulanza al reparto grandi ustionati dell’ospedale Cardarelli di Napoli.

Il 50enne si trova ora ricoverato al reparto grandi ustioni in gravissime condizioni.

Continua a leggere

Senza categoria

Emergenza Covid-19 ad Afragola: i dati dell’ultima settimana

Pubblicato

il

Ad Afragola continuano ad aumentare i contagi da Covid-19. Nell’ultima settimana si sono registrati 214 contagiati , 203 guariti e 5 deceduti.

Di seguito il comunicato:

I dati dell’ultima settimana estrapolati dal portale E – Covid della Regione Campania e riferiti al 1 Aprile, ci indicano che 214 cittadini sono risultati contagiati al virus “Sars Cov-2” , 203 guariti e 5 deceduti.

Le persone attualmente positive sono 849; le guarite sono 3280. Il numero totale dei tamponi effettuati è di 23751; mentre 56 sono i deceduti“.

Continua a leggere

Senza categoria

Covid, fa il tampone al posto della madre positiva: denunciate entrambe

Pubblicato

il

Siamo a Trieste, dove una donna di 36 anni, già positiva al Covid, ha inviato la figlia 21 enne al suo posto, per sottoporsi al tampone. La sostituzione però, è stata subito scoperta dagli agenti in abiti civili della Squadra Mobile della Questura di Trieste, che hanno denunciato le due donne.

In particolare, le due donne, sono state notate mentre si scambiavano i documenti e confulabavano in modo sospetto tra loro: a quel punto gli agenti, incuriositi, hanno identificato madre e figlia di origini sudamericane, regolarmente dimoranti a Trieste, che in seguito ad una verifica presso il personale sanitario, sono state inchiodate. Le due, sono state denunciate per il reato di sostituzione di persona in concorso; alla figlia è stata contestata anche una sanzione amministrativa per essere uscita di casa senza giustificato motivo data la zona rossa; alla madre è stata anche contestata la contravvenzione prevista per non aver avuto un comportamento che impedisse la diffusione di una malattia infettiva per l’uomo.


Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante