Resta sintonizzato

Cronaca

NAPOLI: 38 pc rubati in una notte da una scuola. “Ladro di futuro” arrestato

Pubblicato

il

Napoli – Fondamentale la videosorveglianza per quest’indagine che ha portato all’arresto di un uomo di 41 anni. Era la notte del 2 agosto quando con un crick era riuscito a sollevare l’inferriata che proteggeva una finestra a piano terra, per poi introdursi nell’istituto tecnico commerciale ‘Augusto Righi’, sul viale Kennedy a Fuorigrotta.

Così l’uomo ha perlustrato l’intera scuola, aula per aula, in tutto 38 aule, per scassinarne le cattedre da cui rubare 38 computer, uno per stanza. Su quei computer i docenti aggiornano i registri, annotano e dirigono tutta la didattica.

I carabinieri della stazione di Fuorigrotta hanno acquisito i filmati del sistema di videosorveglianza dell’istituto e iniziato l’analisi dei fotogrammi. Così sono riusciti ad individuare che all’autore del furto mancano il medio e il pollice della mano sinistra, e ha un’andatura claudicante, tanto da aver bisogno di camminare con una scarpa ed una pantofola, perfino durante l’esecuzione del furto. Da qui è nata un’azione di servizi di controllo del territorio, con cui i carabinieri sono riusciti a restringere la rosa dei sospetti e ad identificare l’uomo. Si tratta di Luigi Brusco, quarantunenne già noto alle forze dell’ordine. In seguito alla perquisizione nella sua casa, sono stati recuperati gli stessi vestiti e calzature usati per mettere a segno il colpo che è durato un’intera notte. Questi, insieme alle sue problematiche fisiche, sono stati proprio gli elementi che hanno portato il gip di Napoli all’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari. Mentre continuano le indagini per cercare di recuperare la refurtiva e verificare se Brusco sia coinvolto in episodi simili che hanno riguardato altre scuole, i carabinieri  hanno tradotto l’uomo ai domiciliari, così come disposto dal giudice.

 

Cronaca

Associazione mafiosa e corruzione: 12 anni e 6 mesi di reclusione per l’ex sindaco di Marano

Pubblicato

il

Inflitta una pena di 12 anni e 6 mesi di reclusione all’ex sindaco di Marano, Mauro Bertini, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione.

La decisione è dei giudici del tribunale di Napoli Nord, dopo un processo durato oltre tre anni e mezzo. Secondo i giudici, Bertini avrebbe favorito i clan nell’aggiudicazione degli appalti pubblici. Condannati a 3 anni l’imprenditore edile Angelo Simeoli (3 anni) e i fratelli Aniello e Raffaele Cesaro. Assoluzione invece per Eduardo Pellecchia.

La corte, presieduta dal giudice Eleonora Pacchiarini, ha riconosciuto il ruolo di Bertini nell’infiltrazione della camorra nella pubblica amministrazione locale, in particolare per quanto riguarda l’assegnazione di appalti edilizi.

L’ex primo cittadino di Marano era già stato coinvolto in passato in vicende giudiziarie legate alla criminalità organizzata.

Continua a leggere

Cronaca

Prepara una torta all’hashish, la mamma ignara la assaggia e finisce in ospedale

Pubblicato

il

Una leggera torta al pan di spagna e riso soffiato ma con un po’ di hashish in aggiunta, per far provare la nuova torta agli amici. Ma il fato, beffardo, ha voluto che ad assaggiare il dolce preparato da un 21enne di Correzzola, in provincia di Padova, siano stati gli ignari genitori.

La mamma si è subito sentita male, trasportata d’urgenza al Pronto soccorso dell’Ospedale di Piove di Sacco. Qui le sono stati fatti tutti i test, scoprendo a sorpresa che nel sangue della donna c’erano tracce di stupefacenti.

I genitori, vista la torta in frigo, hanno deciso di staccarne un morso. Solo dopo i primi bocconi si sono accorti di un sapore particolare. La situazione è stata segnalata ai carabinieri della Stazione di Piove di Sacco, che si sono recati all’abitazione della Bassa in cui vive la famiglia. Il giovane, messo di fronte alle sue responsabilità, ha confessato di avere “arricchito” la ricetta con l’hashish. I militari dell’Arma hanno quindi segnalato il 21enne alla Prefettura di Padova come consumatore di stupefacenti.

Continua a leggere

Cronaca

Carcere di Carinola (Ce), detenuto aggredisce agente della Penitenziaria con un punteruolo

Pubblicato

il

Caos carceri. Un agente della Polizia Penitenziaria è stato ferito da un carcerato nella Casa Circondariale di Carinola, in provincia di Caserta.

L’aggressione è avvenuta nel corso di una perquisizione: il prigioniero aveva con sé un punteruolo – ben occultato – con il quale ha colpito il poliziotto.
Non preoccupano le condizioni dell’agente che risulta essere stabile.
E’ stato il sindacato Uspp a denunciare quanto accaduto: “Ormai in Campania si combatte una guerra quotidiana – afferma Ciro Auricchio, segretario regionale dell’Uspp – e, in questo marasma generale, a farne le spese sono i poliziotti penitenziari con turni massacranti e continue aggressioni. A Carinola come in altri istituti della regione la situazione è davvero preoccupante. Più volte abbiamo segnalato che bisogna intervenire con il legislatore per annullare i benefici di legge per chi si rende protagonista di aggressioni al personale, con l’inasprimento delle pene. A Carinola mancano 70 agenti”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy