Resta sintonizzato

Attualità

NAPOLI: “Nutri-menti e corpo: un incontro possibile”, convegno al Regina Coeli

Pubblicato

il

Napoli – Mens sana in corpore sano dicevano gli antichi. Un tema questo, più che mai attuale, che verrà affrontato giovedi 10 novembre 2016 a partire dalle ore 10 presso l’Istituto Regina Coeli di Napoli.

unnamed

Nella suggestiva Aula Magna-Teatro la preside Angela Procaccini, da sempre impegnata nel sociale, coinvolgerà alunni, docenti, genitori e tutti coloro che saranno interessati ad una giornata ricca di utili informazioni e spunti di riflessione.

Nutri-menti e corpo: un incontro possibile”, questo il convegno organizzato in occasione della settima edizione della settimana del Benessere Psicologico in Campania, che vedrà la preziosa partecipazione di Letizia Servillo, psicologa, Luca Tondini, nutrizionista e Antonio Vitale, ortopedico.  

Una migliore attivazione del nostro organismo è possibile se la nostra mente lavora in sinergia con le nostre emozioni e sensazioni. Il corpo è un meraviglioso strumento di azione e comunicazione, ed ascoltarlo è una ricarica di energie. Ambiti come l’alimentazione e il movimento che, proprio perché radicati nella quotidianità, rappresentano fattori strategici per una crescita armoniosa di bambini e adolescenti. L’età evolutiva è la fase della vita più esposta alla comparsa di abitudini “scorrette”. Questo incontro inoltre, rappresenta anche la 2ª tappa del processo formativo “Vivere sani oggi”, il cui referente della scuola primaria e secondaria di I grado, è il docente Giuseppe Soriente.

La scuola risulta quindi essenziale per favorire l’acquisizione e l’attuazione di quelle conoscenze e competenze che, in modo motivato, possono condurre a stili di vita orientati al benessere e alla prevenzione. Non vi è benessere personale senza tali consapevolezze.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Definite le commissioni al Parlamento europeo: l’Italia perde una presidenza

Pubblicato

il

Sono state definite le presidenze e le vicepresidenze di tutte le commissioni dell’Eurocamera. E per l’Italia, rispetto alla precedente legislatura, c’è una novità non marginale: la perdita di una presidenza.

Alla guida della commissione Affari Costituzionali, infatti, non è stato confermato l’eurodeputato di FI Salvatore De Meo, destinato – ma la carica deve essere ufficializzata, alla Plenaria di settembre a Strasburgo – a presiedere la delegazione dei Rapporti con la Nato. L’Italia ha incassato quindi una sola presidenza di Commissione, con Antonio Decaro all’Ambiente. Il capo delegazione M5S Pasquale Tridico, invece, è stato eletto alla guida della sottocomissione agli Affari Fiscali. E’ la Germania, tra i Paesi membri, a conquistare il maggior numero di presidenze, sei. La Spagna incassa la guida di tre commissioni. Due le presidenze alla Polonia. A Varsavia anche una sottocommissione, quella alla Salute con il popolare Adam Jarubas. La Francia incassa la commissione Affari Economici. Il Belgio ottiene la guida della commissione Bilanci, la Repubblica Ceca la commissione Agricoltura, sempre del gruppo dei Conservatori. Alla Finlandia va la commissione Lavoro, mentre la Grecia incassa la guida dei Trasporti.. All’Irlanda la guida della commissione Sviluppo. Alla Romania la commissione Regioni. La Bulgaria infine ottiene la guida della commissione Affari Legali.

Continua a leggere

Attualità

Decreto liste d’attesa, infermieri in stato di agitazione: si va verso lo sciopero

Pubblicato

il

“E’ arrivato il momento di smascherare le contraddizioni di un governo che da un lato, per bocca del ministro Schillaci, ammette la gravità della questione infermieristica, e dall’altro non va oltre vuote dichiarazioni”. Con queste parole il segretario nazionale del Nursind, Andrea Bottega, annuncia lo stato di agitazione di tutto il personale del comparto, prefigurando “lo sciopero in autunno”.

La mancata attenzione riservata agli infermieri nel decreto liste d’attesa, licenziato dal Senato ed ora all’esame della Camera, è stata solo “la goccia che ha fatto traboccare il vaso. – spiega Bottega all’Ansa – Questo provvedimento, infatti, poteva essere l’occasione giusta per l’esecutivo Meloni di dimostrare attenzione alla categoria. E, invece, le proposte di valorizzazione della professione, ampliandone le competenze, avanzate da diversi senatori, sono state irresponsabilmente respinte”.

Alla base della proclamazione dello stato d’agitazione non c’è solo il decreto liste d’attesa: “Il governo è in carica da 21 mesi. Un lasso di tempo abbastanza lungo durante il quale, tuttavia, se qualche piccolo risultato i medici lo hanno portato a casa, nulla è stato fatto per gli infermieri”, dice Bottega.
“Nulla è stato fatto e neppure – lamenta – programmato, per esempio, contro il demansionamento e nulla si intravede all’orizzonte a livello di risorse aggiuntive per il rinnovo del contratto di comparto, nonostante l’impatto negli ultimi due anni dell’inflazione sui salari di una categoria già tra le meno pagate in Europa. E che dire, infine, dell’indifferenza da parte delle istituzioni rispetto a un tema altrettanto sentito come il mancato riconoscimento del lavoro infermieristico quale usurante?”. 

Continua a leggere

Attualità

Gemellaggio Caivano-Barcellona, con i ragazzi spagnoli sarà “liberata” Villa Andersen nel cuore del Parco Verde

Pubblicato

il

Barcellona chiama, Caivano risponde. Resteranno cinque giorni a Caivano i ragazzi dell’Opera corporativa dell’Opus Dei di Barcellona arrivati oggi in Italia: saranno accolti dai volontari dell’associazione “Un’infanzia da vivere” e si dedicheranno ad una serie di attività ludiche e sportive, coordinati dal responsabile del settore sportivo e scolastico.

Ma i giovani di Barcellona, insieme a quelli di Caivano, saranno impegnati anche in un’altra importante iniziativa: “liberare” Villa Andersen, la villa comunale nel cuore del Parco Verde. Si tratta di un polmone verde di 9000 metri quadrati, una zona abbandonata da decenni e oggi ritrovo di tossicodipendenti e balordi, nei pressi della quale vi sono 130 abitazioni con circa 500 bambini.

Villa Andersen non è stata interessata dalle recenti attività di riqualificazione e i ragazzi italiani e spagnoli, con gli attrezzi messi a disposizione dalla cooperativa multiservizi “Nessuno resti solo”, si adopereranno per ripulire e liberare l’ingresso.
Da tempo l’associazione “Un’infanzia da vivere” è in contatto con l’Opera corporativa dell’Opus Dei di Barcellona, grazie al dottor Roberto Milano.



Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy