Resta sintonizzato

Caivano

CAIVANO: Monopoli, quando le prese in giro diventano marketing

Pubblicato

il

monopoliCAIVANO – Da diversi giorni per le strade di Caivano sono spuntati alcuni poster 6×3 (manifesti giganti) che raffigurano alcuni slogan che il sindaco di Caivano Monopoli ha usato negli ultimi tempi per giustificare l’immobilismo della sua amministrazione e travisare la realtà con tanto di logo “Monopoli”, quello che usava anche in campagna elettorale, evidentemente nessuno ancora gli avrà riferito che ha vinto lui e che deve cominciare a fare il sindaco. Per fortuna, finalmente, a Caivano c’è la controinformazione di Minformo e di seguito cerchiamo di smontare col dono della sintesi, le elaborazioni testuali del copywriter che cura la comunicazione del sindaco “markettaro”.

6x3-2Uno dei poster recita: “Censimento del Parco Verde, per riportare legalità nell’area. Una cosa mai realizzata. Ordine dove prima c’erano solo debiti.”

Esaminando le parole di questo primo messaggio pubblicitario si può dedurre che parlare di censimento del parco verde e legalità è un ossimoro, perché il bravo e solerte sindaco non può ergersi a magistrato che tutto d’un tratto legittima gruppi di occupanti abusivi con un semplice bollettino da pagare alle poste comprensivo di tutte le quote arretrate non versate, o quanto meno avere l’idea di mettere a bilancio somme non esigibili. Forse il sindaco non sa o fa finta di non sapere che l’illegalità si consuma anche in altre periferie, dove l’elite radical chic caivanese costruisce ville abusive senza pagare tributi e servizi, e forse non sa o fa finta di non sapere neanche che sugli alloggi del Parco verde pende un dramma trentennale, che tra 750 famiglie, solo 400 grazie ad una legge del 1995 sono proprietarie legittime perchè assegnatarie secondo quanto stabilito dalla L. 219 del 1981. Pare che il Comune di Caivano, avrebbe legittimità di proprietà solo su 150 appartamenti che all’epoca del terremoto irpino furono assegnati ai terremotati e meno abbienti residenti a Caivano, il che significa che il sindaco Monopoli potrebbe pretendere tasse sull’occupazione solo dai 150 assegnatari caivanesi.

Per quanto riguarda il riportare la legalità all’interno del Parco Verde, significherebbe vedere che il sindaco, si adoperasse affinché la L. 219/81 venga rispettata dagli organi governativi e cioè costruire nuove case inglobate nel tessuto urbano caivanese, senza creare nuovi ghetti che facilitano la malavita e lo spaccio di droga come succede ancora all’interno del parco, e permettere agli assegnatari di vivere in vere case, abbattendo quelli che dovevano essere degli alloggi provvisori, fatti di cemento e amianto e ridotti dal tempo, a baracche colabrodo. Lo spazio ricavato dal vuoto dei casermoni di cemento portarlo allo splendore del verde di una volta e ridare a Caivano quello spazio di ossigeno e rugiada che un tempo caratterizzava quel posto.

6x3In un altro poster si legge: “Mensa e trasporto scolastico garantiti a costo zero per il Comune. Soldi pubblici risparmiati per risanare il dissesto del centrosinistra”

Analizzando anche quest’altro messaggio pubblicitario, non si può non riconoscere una certa superficialità in queste parole, per non parlare di una presa in giro di chi non è informato. Inanzitutto, il trasporto pubblico è costato € 15000+iva per soli tre mesi e qui sono stati spesi soldi pubblici, per quanto riguarda la mensa invece, tutti sanno che a pagare l’intero importo dei ticket, sono i genitori stessi dei bambini, ora, a meno che il buontempone Monopoli, non pensi che i soldi del Comune siano suoi, allora potrebbe essere giustificata tale comunicazione, in caso contrario bisognerà informarlo che un governatore, o toglie i soldi dalla tasca dei contribuenti sottoforma di tributi che rimpinguano le casse comunali, o toglie i soldi dalla tasca dei contribuenti facendoli pagare direttamente i ticket mensa, è la stessa cosa, in entrambi i casi si tratta dell’incapacità gestionale di soldi pubblici.

L’unico augurio è che il sindaco Monopoli, dopo la non rinuncia delle indennità da parte della sua amministrazione, non abbia investito soldi pubblici per il noleggio delle postazioni di questi messaggi che offendono l’intelligenza dei cittadini caivanesi.

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Caivano, apre lo Skatepark: atleti e appassionati di skateboard arrivati da tutta Italia

Pubblicato

il

Prime gare, con grande partecipazione, nel nuovo skatepark del centro Pino Daniele di Caivano.
Gli atleti e gli appassionati dello skateboard sono arrivati da tutta Italia. Al via il campionato nelle categorie junior, open e master.

L’evento è stato patrocinato da Sport e Salute e Illumina Caivano ed organizzato da Napoli Sk8 ASD di Massimo Calviati e dal Comitato Regionale Campano della Fisr (la Federazione italiana sport rotellistici) in collaborazione con Napoli Skateboarding Asd, Surf Your City e Roller Avellino Asd, tutte associazioni impegnate per lo sviluppo delle skate school e dello skateboarding in Campania.

Lo ‘stadio’ dello skate, campo di gara internazionale di livello medio/alto di difficoltà, è stato inaugurato lo scorso maggio dalla premier Meloni all’interno dell’ex centro Delphinia ed ha così avuto il battesimo agonistico con le gare, sia maschili che femminili, nelle tre categorie.

Tutte le fasi di gara e le premiazioni sono state raccontate dallo speaker Livio Annunziata di Surf Your City Napoli e grande soddisfazione per tutta l’organizzazione è stata espressa da Nicola Perrone direttore del Centro ‘Pino Daniele’ e dal Presidente del Comitato regionale della Fisr Francesco Rossi.

Questi i vincitori, secondo quanto si apprende dall’Ansa: Junior femminile, Greta Cecconi, 10 anni, Napoli, Skateboarding Asd; junior maschile, Alessio Buccione, 8 anni, Napoli Skateboarding Asd; ⁠Open Femminile, Giorgia Tomeo, 16 anni Roller Avellino Asd; ⁠open Maschile, Fabrizio Russo, 18 anni, Caserta, tesserato per Napoli Skateboarding Asd; ⁠master maschile, Paolo Giannattasio, 45 anni, Battipaglia, per Napoli skateboarding Asd.

Continua a leggere

Caivano

Stupri a Caivano: condannati tre dei sette minorenni coinvolti

Pubblicato

il

Due condanne a 9 anni e una a 10 anni di reclusione: questo il verdetto del giudice del tribunale per i minorenni di Napoli Anita Polito, al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, emesso nei confronti di tre dei sette minorenni coinvolti negli abusi compiuti la scorsa estate a Caivano, in provincia di Napoli, ai danni di due cuginette di 12 e 10 anni.

La sentenza è giunta al termine di una breve camera di consiglio.

Il 5 luglio, pene tra 9 anni e 10 anni e otto mesi di reclusione, erano state invocate dal pm Claudia De Luca. Lo stesso giorno erano stati condannati due maggiorenni coinvolti nelle violenze.

Continua a leggere

Caivano

Caivano, stabilito Piano di Emergenza Comunale nella riunione convocata dalla Commissione Straordinaria

Pubblicato

il

Si è tenuta nel pomeriggio di ieri presso il Comune di Caivano una riunione convocata dalla Commissione Straordinaria, composta da Filippo Dispenza,  Simonetta Calcaterra e Maurizio Alicandro, a cui hanno partecipato tutti i componenti del Centro Operativo Comunale (COC), l’importante organo chiamato ad intervenire in caso di emergenze di protezione civile.

La Commissione Straordinaria, già nello scorso mese di marzo, ha deliberato l’aggiornamento del piano comunale di emergenza, che risaliva al 2015, ed a maggio ha provveduto a costituire il COC, che ieri si è riunito per stabilire le modalità operative, individuare le figure dei sostituti per ogni singolo componente e per approfondire la conoscenza delle funzioni che ciascuno è chiamato a svolgere in caso di calamità. 
Si è stabilito, inoltre, di organizzare nei prossimi giorni presso il Castello Medievale di Caivano un incontro informativo aperto alla cittadinanza, nel corso del quale saranno spiegate tutte le misure di protezione civile previste nel piano di emergenza e verrà distribuito un vademecum con le indicazioni utili per fronteggiare ogni situazione di rischio.

La Commissione Straordinaria, nel corso dell’incontro, ha annunciato anche l’intenzione di allestire una Sala Operativa presso la sede comunale di Via Marzano, mediante l’acquisto di tutta la strumentazione tecnologica necessaria per i collegamenti in videoconferenza con la Prefettura di Napoli e tutti gli altri Enti facenti parte del sistema di protezione civile.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy