Resta sintonizzato

Città

NAPOLI: arrestati due rapinatori d’auto, scoperti dal proprietario mentre andava a fare jogging

Pubblicato

il

Napoli – I fatti risalgono allo scorso 25 ottobre in via Morghen, al Vomero. In due stavano rubando una fiat 500, ma proprio in quel momento sono stati sorpresi dal proprietario che era appena uscito da casa per fare jogging.

Mentre uno stava forzando il blocchetto di accensione, riuscendo a mettere in moto l’auto, l’altro aggredisce l’uomo alle spalle, afferrandolo per il collo e strattonandolo lontano, per dare il tempo al suo complice di partire, e poi fuggire anche lui, subito dopo, a bordo di un altro veicolo.

Oggi sono stati identificati ed arrestati per rapina aggravata, raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Napoli, ed eseguita dai carabinieri della stazione di Napoli – Marianella. I due sono Pasquale Sorrentino di trentaquattro anni  e Francesco Zaccone, sessantanovenne entrambi di Castelvorturno e già noti alle forze dell’ordine.

Le indagini condotte dai carabinieri sono state incentrate soprattutto sull’analisi di alcuni sistemi di videosorveglianza presenti nelle vicinanze. Lo studio dei fotogrammi ha permesso di identificare i 2 malfattori come autori della rapina e di tradurli, dopo le formalità, al carcere di Poggioreale.
Nel corso della perquisizione domiciliare svolta contestualmente all’esecuzione del provvedimento, inoltre, in casa di Zaccone i militari hanno trovato e sequestrato un sistema di videosorveglianza composto da un monitor e da telecamere esterne posizionate lungo le vie di accesso alla sua abitazione.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Torre del Greco. Scommesse clandestine all’interno di un bar: scatta la denuncia

Pubblicato

il

Servizi a largo raggio disposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli.

A Torre del Greco, i militari della locale Stazione insieme al personale della IX direzione territoriale dell’agenzia delle accise dogane e monopoli di Napoli, che avevano effettuato analisi dei rischi e monitoraggio dei flussi di scommesse attraverso gli applicativi in dotazione, hanno denunciato a piede libero per esercizio abusivo e organizzazione di pubbliche scommesse sportive, anche per via telefonica o telematica, due fratelli di 60 e 54 anni del posto.

I due, titolari di un esercizio commerciale in via Martiri d’Africa, consentivano ai clienti di scommettere su eventi sportivi attraverso l’utilizzo di conti di gioco intestati a sé e a propri congiunti

I Carabinieri e i funzionari dell’ufficio anti-frode hanno sequestrato due computer e un centinaio di ricevute di scommesse telematiche per un volume di scommesse, da gennaio ad oggi, di circa 54mila euro.

I titolari sono stati anche sanzionati per il mancato rispetto delle normative anti-covid e l’attività è stata chiusa per 5 giorni.

Continua a leggere

Caserta

Morti bianche: operaio in trasferta muore schiacciato da una ruspa

Pubblicato

il

Francesco Della Corte, un operaio di 53 anni, originario della provincia di Caserta, è morto, nella mattinata di ieri, venerdì 16 aprile, a causa di un infortunio sul lavoro a Viserba di Rimini.

Secondo una prima ricostruzione da parte della polizia di Stato, l’uomo sarebbe stato investito da una ruspa in movimento del cantiere stradale.

Il 53enne è deceduto sul colpo, per lui non c’è stato nulla da fare.

Sul posto oltre ai sanitari del 118 anche i funzionari della Medicina del Lavoro dell’Ausl. Il Comune di Rimini, in una nota, ha espresso il proprio cordoglio per la vittima.

Continua a leggere

Campania

Arrestato consigliere comunale ed ex candidato sindaco: trovata della droga nella sua abitazione

Pubblicato

il

L’ex candidato a sindaco e attuale consigliere comunale di Casagiove, in provincia di Caserta, Danilo D’Angelo è finito in manette.

Leader di “Casagiove nel Cuore”, è stato condotto presso la locale caserma dei carabinieri di via Bologna, dopo una perquisizione fatta questa mattina presso la sua abitazione.

I militari, coordinati dal maresciallo Saviano, hanno trovato in casa di D’Angelo delle quantità di droga, hashish e marijuana.

Alla presenza del suo avvocato e dopo le formalità di rito, D’Angelo è stato messo nella Punto dei carabinieri, sui sedili posteriori, accompagnato da altri due militari, ed è stato condotto in tribunale per la convalida dell’arresto, tramite direttissima.

L’ex candidato sindaco, vestito con una tuta ed un giubbino, era visibilmente scosso.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante