Resta sintonizzato

Politica

CRISPANO: una nuova scuola nel rione Cappuccini

Pubblicato

il

Crispano – Una scuola nel rione “Cappuccini”: dopo 12 anni si sblocca l’iter.

L’annuncio del sindaco: “Pochi giorni si firma il contratto con la ditta ed inizieranno i lavori”. Si sblocca l’iter burocratico per la costruzione di una nuova scuola nel “rione Cappuccini”. Un istituto destinato ai bambini della materna. Il 26 novembre, infatti, termina la scadenza per l’aggiudicazione definitiva e il Comune potrà firmare il contratto con l’impresa che dovrà costruire l’edificio scolastico. E partiranno i lavori con la “posa della prima pietra”. “Un risultato in grado di fare la differenza” – commentano dall’Amministrazione – “Basti pensare che la costruzione di una nuova scuola nel rione “Cappuccini” è stata promessa dal 2002 ma nessuno è mai riuscito a sbloccare l’iter burocratico ed a dare concretezza ad un impegno che restava solo elettorale. L’amministrazione in carica e in particolare il sindaco Antonio Barra sin dal primo giorno della nuova consiliatura ha affrontato di petto la questione in quanto si tratta di un argomento inserito tra le priorità dell’agenda di governo. E quello che appariva come un sogno durato 14 anni diventa realtà”.

Il 26 novembre si firma il contratto , pochi giorni per organizzare il cantiere e inizieranno i lavori per costruire il nuovo edificio scolastico. Soddisfatto il sindaco Antonio Barra: “Un iter lunghissimo per fortuna arrivato alla fase finale – spiega il primo cittadino – La realizzazione di una nuova scuola nel rione “Cappuccini” per la mia amministrazione non rappresenta solo un impegno elettorale fine a se stesso, ma una priorità da realizzare per garantire una nuova e funzionale struttura ad un’area del paese che ha bisogno di vivibilità. E la vivibilità migliora innanzitutto con nuove strutture pubbliche e migliori servizi offerti all’utenza. Abbiamo affrontato diversi imprevisti e tantissime difficoltà: ma con orgoglio possiamo prendere atto che il problema è risolto. Tra due giorni si firma il contratto con l’impresa e finalmente inizieranno i lavori. A dimostrazione di quanto la mia amministrazione sia stata efficiente e dopo un anno di programmazione sta iniziando a raccogliere importanti risultati per il territorio”.

Politica

Anm, Manfredi: “L’azienda trasporta 40% dei viaggiatori in Campania. La Regione dia più fondi”

Pubblicato

il

“Dalla Regione Campania ci aspettiamo 6 milioni sui 10 che servono sulla Linea 6 ogni anno. Noi mettiamo 4 milioni, e dalla Regione ci aspettiamo sempre fondi, visto che trasportiamo con Anm quasi il 40% dei viaggiatori della Regione in generale”.

Lo ha detto il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi nel corso della presentazione della riapertura della Linea 6 della metropolitana di Napoli, dal 16 luglio, da Piazza Municipio a Fuorigrotta.

“Noi non abbiamo molti fondi ora – ha detto Manfredi – e malgrado questo Anm fa grandi sforzi. I fondi dovrebbero essere tutti prelevati dal fondo nazionale ripartito in via regionale. Il nostro sogno è che tutte le sere chiudiamo alle 2 di notte”.
Parlando del servizio di Anm, Manfredi sottolinea che “il trasporto pubblico di massa viene finanziato dai biglietti fino al 25-30%. Per potenziare il servizio abbiamo quindi bisogno di maggiori risorse, resta il problema dei contributi nazionali e come Anci abbiamo chiesto maggiori fondi per aumentare il trasporto del ferro“.

“Oggi – ha proseguito – il Comune di Napoli dà 50 milioni ad Anm prendendoli dal bilancio, abbiamo quest’anno aumentato da 48 a 50 milioni vedendo la riattivazione della linea 6. Quest’anno sappiamo che la Regione avrà 3 milioni in più e vogliamo quindi per il prossimo anno 3 milioni in più per Anm”.

Continua a leggere

Bagnoli

Meloni lunedì a Bagnoli, De Luca: “Mi aspetto che dica almeno un grazie per quel miliardo e duecento milioni”

Pubblicato

il

“Lunedì arriva a Bagnoli il presidente del Consiglio Meloni per siglare l’accordo per la riqualificazione di Bagnoli che sarà finanziata con i soldi del Programma di Coesione destinati alla Campania, 1,2 miliardi di euro. Non so cosa dire… Spero che l’on. Meloni dica almeno un grazie alla Regione Campania per quel miliardo e duecento milioni”.

Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel corso dell’appuntamento settimanale sui social in vista della visita del premier in programma lunedì per la firma dell’accordo per Bagnoli.
“Fitto – ha sottolineato De Luca – dice che sono fondi del bilancio nazionale e vorrei vedere… Ma con quei soldi avevamo previsto di pensare tutta una serie di opere nei comuni della Campania che adesso resteranno al palo”.

“Benissimo – prosegue De Luca – abbiamo accettato anche questo, nessun problema, pur di firmare il Programma di coesione e invece ci chiedono altri passaggi coi ministeri. E allora perché non si firma l’accordo di coesione sottoponendo Campania, Sardegna e Puglia a procedure non utilizzate per le altre regioni?”.

Continua a leggere

POLITICA

Meloni lunedì a Napoli per firma protocollo su Bagnoli, Manfredi soddisfatto: “dopo 30 anni restituiremo un pezzo di città”

Pubblicato

il

La firma del protocollo d’intesa su Bagnoli, finanziamento da 1,2 miliardi per i lavori all’ex luogo Ilva, tra la premier Giorgia Meloni e il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, sta per arrivare: è in programma per lunedì prossimo, 15 luglio, alle 11.30.

In particolare, si apprende dal Comune, la presidente del Consiglio sarà alle 11.30 all’Auditorium di Porta del Parco a Bagnoli (in via Diocleziano 341, Napoli) per la sottoscrizione del Protocollo d’intesa con il sindaco Manfredi, che è il commissario straordinario di Governo al Sin Bagnoli-Coroglio.

Il proocollo punta alla “celere realizzazione degli interventi inseriti nel programma di risanamento ambientale e rigenerazione urbana del comprensorio Bagnoli-Coroglio”.

Le parole del sindaco Manfredi al riguardo: “Abbiamo individuato una strada molto precisa, abbiamo la copertura di tutti gli interventi, abbiamo tutti i progetti che o sono già pronti o sono in fase di autorizzazione nella fase finale, quindi mi sembra un percorso che finalmente ci consentirà di dare dei tempi certi e una prospettiva sicura alla bonifica di Bagnoli e alla realizzazione di infrastrutture per restituire dopo 30 anni un pezzo di città a Napoli e alla Campania”. “Penso che questa – aggiunge – sia la volta buona, perché noi abbiamo applicato un metodo per poter realizzare quello che ci aspettiamo.”

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy