Resta sintonizzato

Cronaca

CASORIA: morte operai Casoria Ambiente, i sindacati chiedono un incontro al Prefetto

Pubblicato

il

Casoria – Due incidenti mortali dopo 28 giorni. Stefano Basile e antonio Ferrara perdono la vita in un modo assurdo, mentre lavoravano per ripulire le strade dai rifiuti. I sindacati commentano: “Si parla tanto di raccolta differenziata, ma non si parla di un settore allo stremi, affidato ad amministrazioni locali povere di risorse e spesso poco attente alla qualità del servizio e alla sicurezza dei lavoratori”.

Così per la questione sicurezza nei cantieri per il prelievo dei rifiuti sono scesi in campo i sindacati, la FpCgil con Antonio Santomassimo, la FitCisl con Alfonso Langella, la UilTrasporti con Fabio Gigli e la Fiadel con Vittorio D’Albero. Hanno indirizzato una nota al Prefetto, a De Magistris, all’assessore Regionale al Lavoro Sonia Palmeri, all’Anci, alla Direzione Territoriale del Lavoro e all’Inail. La loro richiesta è un incontro urgente.

Spiegano le sigle: “Intendiamo proporre la costituzione di un tavolo di coordinamento tra direzioni locali del Ministero del Lavoro e dell’Inail, insieme con i rappresentanti dell’Associazione dei Comuni, della Città Metropolitana di Napoli e della Regione Campania, per migliorare e intensificare in tuta la provincia le attività di prevenzione e di vigilanza contro gli infortuni sul lavoro nell’igiene ambientale”.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Intossicate da latte di mandorla, preso il sospettato: indagini in corso per accertare perchè l’abbia fatto

Pubblicato

il

Per gli investigatori potrebbe essere lui l’uomo che nei giorni scorsi ha offerto a sette persone del latte di mandorla contenente forse del sonnifero.

Il fatto è accaduto nel pomeriggio di mercoledì nella zona compresa tra via Foria e piazza Poderico, a Napoli, e nel giro di poche ore gli investigatori, anche dalla visione delle immagini di alcuni impianti di videosorveglianza, sono arrivati all’uomo che è stato portato in caserma. Sarebbe in stato di fermo, secondo quanto si apprende dall’Ansa.

Le indagini puntano ora ad accertare perchè l’uomo, che avrebbe circa 50 anni, lo abbia fatto. Le vittime sono quasi tutte commesse e dipendenti di esercizi commerciali. I carabinieri hanno messo insieme le segnalazioni pervenute dagli ospedali delle persone giunte in preda a malesseri dopo aver bevuto una bevanda rinfrescante. E tutte hanno raccontato di uno sconosciuto che dopo un primo approccio ha offerto loro un latte di mandorla acquistato poco prima in un bar. Una delle ipotesi è che volesse stordirle per compiere dei furti, ma su questo e altri aspetti di questa singolare vicenda le indagini sono ancora in corso e viene mantenuto il riserbo.

Continua a leggere

Cronaca

Dramma al lago, rinvenuto il cadavere di un uomo: i dettagli

Pubblicato

il

Un vero e proprio dramma quello avvenuto stanotte a Bardonecchia, in provincia di Torino, dove un uomo di 27 anni originario del comasco è stato trovato senza vita sulle rive di un laghetto.

In particolare egli sarebbe scivolato sulle pietre vicino il corso d’acqua battendo la testa e morendo sul colpo. La vittima è stata trovata riversa nell’acqua a due passi dal rifugio Scarfiotti dove lavorava.

A lanciare l’allarme sono stati i gestori del rifugio, con i Vigili del Fuoco accorsi sul posto che hanno recuperato il corpo affidandolo alle cure dei sanitari del 118, che hanno soltanto potuto constatarne il decesso.

Intanto gli agenti del Commissariato locale indagano per ricostruire la vicenda, con la struttura chiusa per lutto.

Continua a leggere

Cronaca

La cantante e ambasciatrice Onu Rokia Traoré arrestata all’aeroporto di Fiumicino: i particolari

Pubblicato

il

Guai seri per la cantante maliana Rokia Traorè, arrestata a Fiumicino e ora in carcere a Civitavecchia.

Secondo le prime informazioni la donna sarebbe accusata di aver sottratto la figlia al marito, il drammaturgo Jan Gosens. La vicenda ha inizio nel 2020, quando all’aeroporto Charles De Gaulle di Parigi la cantante viene arrestata per la prima volta.

Infatti l’accusa è quella di non aver riconsegnato la bimba di 9 anni che il tribunale ha affidato al padre. La donna, una volta rilasciata è volata in Mali con la figlia. Così è scattato su di lei un mandato d’arresto europeo, con il fermo avvenuto lo scorso 20 giugno all’aeroporto di Fiumicino, dove era giunta per esibirsi in un concerto al Parco del Colosseo.

Pertanto è stata arrestata e associata al carcere di Civitavecchia, con il Belgio che chiede la sua estradizione. Ora i giudici dovranno decidere se estradarla oppure se inviare gli atti alla corte del Lussemburgo, competente per i mandati d’arresto. Traoré è anche ambasciatrice Onu per i rifugiati.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy