Resta sintonizzato

Città

VICO EQUENSE: furto nella cucina dell’istituto alberghiero “De Gennaro”, recuperata refurtiva e denunciato un 23enne

Pubblicato

il

Vico Equense – I carabinieri della locale Stazione hanno denunciato a piede libero R.P., 23enne, vicano, ritenuto responsabile di furto aggravato di attrezzature dalla cucina dell’alberghiero “De Gennaro”.
La mattina del 25 novembre scorso i docenti del prestigioso istituto costiero, aprendo la cucina dedicata alla formazione dei futuri chef, si rendono conto della mancanza di alcuni costosi strumenti: frullatori elettrici, trita carne, grattugie, affettatrice. Valore complessivo del danno circa 10mila euro.
I carabinieri della locale stazione, chiamati dal dirigente scolastico, raggiungono la scuola e fanno un primo sopralluogo riscontrando l’assenza di effrazioni a porte o finestre.
Attraverso i sistemi di video sorveglianza comunali installati nei pressi della scuola, gli uomini dell’Arma, vedono i ladri scavalcare il muro perimetrale. Così dirigono l’ispezione nel giardino e nascosti nell’erba alta vicino al recinto, hanno ritrovato parte del materiale preso dalla cucina, probabilmente depositato lì temporaneamente dai malviventi con l’intenzione di prelevarlo in un secondo momento.
Recuperata la prima parte della refurtiva, i carabinieri continuano a indagare: riescono a risalire prima al tipo di auto usata e poi alla targa. L’auto è del ventitreenne della zona.
Perquisita la casa del sospettato, gli operanti trovano anche il resto dei pezzi rubati. Nei confronti del 23enne scatta la denuncia a piede libero per furto aggravato.
Adesso proseguono le indagini per identificare i complici. Intanto tutti gli strumenti sono tornati a disposizione degli studenti nel laboratorio-cucina scolastico.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Covid-19 a Napoli: divieto d’accesso alle spiagge fino al 2 maggio

Pubblicato

il

È stata prorogata fino al 2 maggio l’ordinanza del sindaco Luigi de Magistris per fronteggiare fenomeni di assembramento sulle strade di accesso alle spiagge della città di Napoli.

È interdetto, fino a quella data, l’accesso in via Franco Alfano, via Ferdinando Russo, alla discesa Gaiola, in via Coroglio, via Nisida e via Marechiaro.

Si raccomanda a tutti i cittadini di «osservare comportamenti responsabili, ispirati al principio della massima cautela e prudenza, osservando il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro e dell’uso della mascherina».

Continua a leggere

Cronaca

Acerra. Il piccolo Giovanni non ce l’ha fatta: è morto nell’attesa di un nuovo cuore

Pubblicato

il

Dopo un intervento all’età di tre anni, il piccolo Giovanni era riuscito a vincere anche il Coronavirus ma questa volta la battaglia era troppo dura e il suo cuoricino, nell’attesa di quello nuovo, ha smesso di battere.

Da alcuni giorni era ricoverato all’Ospedale Monaldi e ad inizio settimana i suoi genitori avevano lanciato un disperato appello per un nuovo trapianto.

Aveva superato tenacemente il Covid ma quest’ultimo lo aveva fortemente indebolito e così il suo cuoricino, già trapiantato all’età di tre anni a causa di una cardiomiopatia ipertrofica, aveva subito delle lesioni.

Dopo l’infezione il piccolo era tenuto in vita con il sostegno dei farmaci ed era in lista per un secondo delicatissimo intervento chirurgico.

Purtroppo non c’è stato tempo, il suo cuore si è fermato prima gettando nello sconforto i suoi familiari e tutti coloro che avevano sperato in un lieto fine per la storia del piccolo Giovanni.

Continua a leggere

Attualità

De Magistris condannato per diffamazione: l’arringa del primo cittadino

Pubblicato

il

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris è stato condannato in primo grado per diffamazione ad un magistrato.

A renderlo noto è lo stesso primo cittadino, che in un video respinge fortemente le accuse: “Una sentenza di primo grado ingiusta che non posso accettare e che sono certo verrà riformata da magistrati autonomi e indipendenti“.

Il giudice monocratico lo ha condannato a 4 mesi (pena sospesa) e al risarcimento dei danni in favore della parte civile.

Un’ora fa sono stato condannato dal tribunale di Lametia Terme per diffamazione ai danni di Salvatore Murone che quando io ero sostituto Procuratore della Repubblica a Catanzaro era Procuratore aggiunto” ha affermato il primo cittadino nel video.

Nella trasmissione ‘Piazza pulita’ di Corrado Formigli del 9 marzo 2017 nell’ambito di un’intervista, a un certo punto affermo ciò che ho affermato tante volte e dimostrato nelle sedi giudiziarie, che l’indagine Why Not mi fu sottratta illecitamente e che fui vittima di un sistema criminale che operò ai miei danni. Dov’è la diffamazione? È provato dalla storia, da ultima la confessione di Palamara, nei provvedimenti giudiziari, che quella indagine mi fu sottratta illegittimamente. E come fa Murone ad essere parte offesa di questo processo se in quella trasmissione non cito mai Murone e non fu Murone che mi tolse l’indagine Why Not. Ho fatto il magistrato, non ho mai visto nulla di simile: un processo per diffamazione dove il fatto non esiste e dove la parte lesa non è mai citata” ha rincarato De Magistris.

Continuando “Il bentornato in Calabria evidentemente ma io non mi faccio mettere il bavaglio da nessuno né mi faccio mai intimidire da nessuno. Ho denunciato un sistema criminale, è stato dimostrato in tutte le sedi giudiziarie la correttezza del mio operato, è stata dimostrata l’interferenza illecita che ho subito insieme ai miei collaboratori in indagini particolarmente delicate. Il tempo è stato galantuomo e mi ha dato ragione, sarà galantuomo anche in questo caso e si capirà come si è potuto arrivare a una condanna come questa in primo grado“.

Concludendo “Ho fiducia come sempre che all’interno delle istituzioni il bene prevalga sul male e che all’interno dalla magistratura ci siano donne e uomini autonomi e indipendenti in grado di rimettere a posto la storia e la verità”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante