Resta sintonizzato

Attualità

CAIVANO: Il Comune sospende le attività della MI.SO.

Pubblicato

il

Vi ricordate la Miso? La fabbrica che da oltre vent’anni sprigiona quella puzza nauseabonda che attanaglia Caivano e i paesi limitrofi. E vi ricordate la protesta dei cittadini del 10 Settembre scorso? Bene, in questa Italia che va allo sfascio, la rivolta dei cittadini e la volontà della collettività, contano ancora un po’ se si considera che tutto il rumore fatto dall’Associazione Cittadini Liberi di Pascarola con a capo il suo presidente Ciro Pisano e l’attivismo svolto dai ragazzi del Movimento Caivano, sia servito a quello che oggi si può definire una svolta epocale in tal senso, allora l’esempio è rivolto a tutti i cittadini che si sentono vessati.

Ieri con una lettera inviata al legale rappresentante della Mi.so srl il Sig. Gaetano Salerno, il responsabile del SUAP di Caivano Angelo Peluso, comunica che visto l’esito del campionamento effettuato dall’Arpac congiuntamente al nucleo operativo ecologico dei Carabinieri di Napoli, il quale risulterebbe fuori valore limite quello dell’ossido di azoto emesso nell’aria, ha avviato il procedimento diretto a sospendere l’attività di recupero ed eliminazione di carcasse e di residui animali con capacità di trattamento di oltre 10 tonnellate al giorno, svolte presso l’opificio della zona ASI di Pascarola.

Giustizia è fatta replicano i cittadini che non vedevano risolvere questo problema annoso e la soddisfazione di chi era presente lì quella sera la si può ascoltare dalle parole di Ciro Pisano, presidente dell’associazione Cittadini Liberi di Pascarola e promotore della protesta.

La popolazione di Caivano, da troppi anni è assuefatta al malgoverno e alle cattive abitudini e talvolta non si accorge neanche di tutte le vessazioni che subisce, ma la sospensione delle attività della MISO è una vittoria dei caivanesi, anche a dispetto di chi dichiara di saperne più degli altri.

Altro che Olfattometro dinamico, qui i nasi dei tanti caivanesi accorsi lì quella notte, funziona molto meglio di qualsiasi altra bufala lanciata dal sindaco.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Estate 2021. Come comportarsi in spiaggia: ecco le regole da seguire

Pubblicato

il

Antonio Capacchione, presidente del Sindacato Italiano balneari Fipe-Confcommercio, si è così espresso in merito all’organizzazione degli stabilimenti in vista della riapertura: “I prezzi dei servizi di spiaggia, immaginiamo, non subiranno aumenti quest’anno; siamo, infatti, consapevoli della non facile situazione economica di molte famiglie italiane, a causa anche della pandemia. Per ombrellone e lettino si va da un minimo di 12 euro, fino ai 40 euro delle zone più rinomate come la Versilia. Ovviamente il prezzo può aumentare in base agli eventuali servizi richiesti. Molti imprenditori balneari riproporranno una serie di pacchetti o convenzioni apprezzati dalla clientela negli anni scorsi oltre alla possibilità di pagare a rate o a fine stagione”.

Per quanto riguarda le regole da seguire in spiaggia, non dovrebbero discostarsi di molto da quelle applicate lo scorso anno. Per consentire un accesso contingentato agli stabilimenti balneari e alle spiagge attrezzate, viene suggerita la prenotazione obbligatoria, anche per fasce orarie. Inoltre, sarà opportuno privilegiare l’assegnazione dello stesso ombrellone ai medesimi occupanti che soggiornano per più giorni. In ogni caso, è necessaria l’igienizzazione delle superfici prima dell’assegnazione della stessa attrezzatura a un altro utente, anche nel corso della stessa giornata.

Infine, per garantire il corretto distanziamento sociale in spiaggia, la distanza minima consigliata tra le file degli ombrelloni è pari a cinque metri, mentre quella tra gli ombrelloni della stessa fila a quattro metri e mezzo. Sdraio e lettini dovranno essere distanti almeno due metri e le distanze potranno essere derogate per i soli membri del medesimo nucleo familiare o co-abitante. Per le cabine in spiaggia, va vietato l’uso promiscuo, ad eccezione dei membri del medesimo nucleo familiare o per soggetti che condividano la medesima unità abitativa. Vietata l’attività ludico sportiva, i giochi di gruppo, le feste e gli eventi, chiuse le piscine. E’ da evitare, dunque, la pratica di attività che possano dar luogo ad assembramenti e giochi di gruppo e, per lo stesso motivo, deve essere inibito l’utilizzo di piscine eventualmente presenti all’interno dello stabilimento.

Continua a leggere

Attualità

Napoli. Rischio chiusura per le botteghe di San Gregorio Armeno: i particolari

Pubblicato

il

“Cedesi San Gregorio Armeno”. Questa la scritta che capeggiava nella mattinata odierna a Napoli, dove un gruppo di pastorai, si sono ritrovati davanti alle botteghe chiuse per lanciare l’allarme. A tal proposito, Salvatore Gambardella, uno dei 40 artigiani di strada inseriti nella lista dei più famosi al mondo, ha così dichiarato: “Sono venuti delle agenzie immobiliari a chiedere se vogliamo vendere le botteghe, vogliono approfittare delle nostre difficoltà per trasformare la strada in un centro commerciale e far sparire la tradizione”. Dello stesso avviso Serena D’Alessandro, vicepresidente e portavoce dei pastorai, che si è così espressa a riguardo: “Il 30 marzo, abbiamo mandato una pec alle istituzioni, nessuno ci ha risposto, ci ignorano”.

Pertanto, nella giornata di mercoledì, i pastorai saranno davanti alla Regione e chiederanno un incontro con De Luca.

Continua a leggere

Attualità

Napoli. Deposito “bionde” di contrabbando in casa confiscata al clan Contini: i dettagli

Pubblicato

il

Blitz degli agenti del Commissariato Vicaria-Mercato, che sabato scorso, in occasione di un controllo nell’appartamento di un uomo sottoposto agli arresti domiciliari, hanno rinvenuto una mezza tonnellata di sigarette di contrabbando. All’interno dell’appartamento, disabitato, sono stati trovati e sequestrati circa 425 chili di tabacchi lavorati esteri, privi dell’etichettatura del Monopolio di Stato.

L’appartamento, venne confiscato nel 2015 a Maurizio Cella, ritenuto affiliato al clan Contini, insieme ad altre sette abitazioni, un’auto e sette conti correnti, del valore di circa 1 milione e mezzo di euro. Cella, è stato condannato in via definitiva, per traffico e spaccio di sostanze stupefacenti; mentre il pusher controllato sabato, è stato arrestato in quanto trovato in possesso di sostanze stupefacenti. Pertanto, questa mattina, è stato condannato a un anno e due mesi di reclusione ed è ora chiuso presso il carcere di Poggioreale.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante