Caivano – Ha soli quindici anni, ma custodiva accanto al letto un kalashnikov. Il ragazzo è di origini montenegrine, ed è residente presso il campo rom di Caivano.

I carabinieri della locale Tenenza lo hanno tratto in arresto per detenzione di arma da guerra e relativo munizionamento. Infatti in una cassetta di legno, sistemata proprio accanto al suo letto, era riposto un kalashnikov e due caricatori, da cui mancavano solo poche cartucce. Sia il fucile che le munizioni ora sono state sottoposte a sequestro, ma l’arma è sottoposta ad accertamenti balistici e dattiloscopici, per verificarne un eventuale utilizzo in crimini. Ora il quindicenne si trova nel Centro di Prima Accoglienza dei Colli Aminei.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.