Sembra non avere fine la querelle intorno alla ditta che dovrebbe raccogliere la spazzatura in quel di Caivano.

Una storia che parte da lontano e che vede le vicende della Buttol legate ad aggiudicazioni fantasiose, proroghe illegittime e proteste degli stessi lavoratori dell’azienda.

La raccolta è discontinua,  spesso inesistente, e sono sempre i cittadini a pagare, oltre una TARI sostanziosa, le pene di una vicenda che sembra non avere fine.

Si è spesso parlato della risoluzione del contratto, la ditta infatti non avrebbe i requisiti per effettuare la raccolta in un paese con il numero di abitanti pari a quello di Caivano, persiste però la sua presenza sul territorio e non si riesce a comprendere quali interessi la ancorano al comune in modo tanto saldo.

Il Sindaco, Simone Monopoli, ha ancora una volta diffidato i dirigenti a procurarsi verso la questione e, nel caso ce ne fosse bisogno, di applicare le sanzioni che il contratto stesso prevede.

Cosa dura da attuarsi, anche perché il fantomatico contratto non è mai stato firmato.

Al di la delle posizioni e delle opposizioni resta un fatto che è relativo alla salute pubblica, perché di quello si tratta quando l’umido non viene raccolto in tempo.

Con il caldo di questi giorni la situazione viene amplificata e l’olezzo che si produce si aggiunge a quello proveniente dalla zona industriale rendendo il paese praticamente invivibile.

Ci auguriamo che il dirigente prenda atto al più presto della richiesta protocollata da Monopoli e si riesca a risolvere una volta per tutte l’annosa e penosa questione.

Mancata raccolta rifiuti, mancato taglio del verde, attentato alla salute pubblica, questo denuncia nel documento protocollato e pubblicato sulla pagina Facebook del Sindaco.

Adesso si attendono azioni, le parole ormai non servono a nulla.

Il documento protocollato da Simone Monopoli
Il documento protocollato da Simone Monopoli
La proroga di Vito Coppola alla Buttol
La proroga di Vito Coppola alla Buttol

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.