CAIVANO – Sarà per colpa del fatto che i grandi ancora non scendono in campo, sarà perché chi veramente mastica un po’ di politica sana resta lontano e schifato dalla mediocrità in cui sta versando quella attuale, soprattutto a livello nazionale. Fatto sta che ultimamente, un po’ perché la spada di Damocle della commissione che pende sulla testa dei politici non lascia spazio a programmazioni serie o perché sono i partiti, compreso l’ultimo arrivato quello di Di Maio, che hanno svilito quella che una volta era la pratica nobile della cura della res publica, oggi assistiamo ad un vero e proprio inno alla mediocrità, dove tutti si sentono in diritto di poter esprimere la loro e parlare da vero leader, anche non avendone la benché minima idea di come si possa approcciare un progetto serio che metta in piedi una situazione disastrata come quella di Caivano.

La colpa, specialmente di questi nuovi giovani, nuove leve che dal canto loro non hanno fatto quella famosa gavetta che si faceva una volta all’interno delle segreterie di partito perché ormai si pratica la politica solo per due mesi ogni cinque anni se tutto va bene, è della voglia di affermarsi come professionisti sul territorio. Confondendo talvolta la professione con la politica, come se scambiasse la politica con l’ultimo step di una carriera professionale. E logicamente in tutta questa confusione di idee e di certezze, chi ne approfitta è sempre lo sciacallo che non perde occasione per approfittarsi dell’ingenuità dell’ultimo arrivista, così da piazzarsi alle costole e fingendosi amico, comincia a tessere la tela dei propri interessi.

Dovete sapere, miei cari elettori che a Caivano, oltre la politica, esiste un nucleo di persone che ama determinare la vita politica del paese ma contestualmente non ha il coraggio di metterci la faccia e sottomettersi all’esame delle urne, vuoi perché così facendo, qualche stupido che lo ascolta lo trova sempre, vuoi perché questi soggetti hanno talmente paura di essere bocciati alle elezioni da non poter più essere credibili, caso vuole che o in veste di fiduciario del politico o in veste di altri ruoli all’interno della casa comunale, questi una prebenda la riescono sempre a scippare. Così sono costretti a strisciare nel loro limbo per sempre e da sempre lo fanno, all’insaputa dei cittadini, quelli ignari che sono convinti che a votare sono le idee dell’amico o del parente, senza sapere che in quell’urna stanno alimentando quella macchina clientelare messa su da chi si nasconde dietro l’esponente politico a mo’ di Thomas Cromwell.

Ma come fanno queste persone a determinare la vita politica o come in questo caso la campagna elettorale su un territorio? Semplice. Prendi un politico, giovane, bell’aspetto, serio, taciturno, quasi insignificante, magari che ha ricoperto un ruolo nel recente passato con un trascorso del tutto inosservato e che conserva un consenso abbastanza importante, lo avvicinano e con fare amichevole, cominciano a dare qualche consiglio su come muoversi per emergere dall’incognito. Sfruttando le loro ventennali esperienze, giocano sulle debolezze di queste persone, magari l’handicap di questi era proprio quello di non saper emergere e che con l’apporto di queste persone colmano immediatamente il gap, così improvvisamente dall’essere Sig. Nessuno, diventano Sig. Candidato sindaco.

Questo è un altro aspetto poco costruttivo ed eticamente distruttivo che si sta riscontrando sul territorio caivanese. Si cominciano a leggere in giro interviste improbabili, dove persone che fino a ieri si dicevano fedeli ad una linea politica volta al cambiamento e alla rivoluzione culturale nei settori comunali, oggi li ritrovi ad auspicare grandi coalizioni e cordate di imprenditori. Allora quello che ci si domanda è: cosa non è stato chiaro a queste persone, la lotta che avevano intrapreso prima o le idee che qualcuno gli sta inculcando oggi?

Noi come sempre speriamo vivamente che la vera professionalità di queste terre esca fuori e le vere competenze facciano sentire il loro peso al fianco di persone che vogliono davvero cambiare le sorti di questo paese, poiché fino a quando Caivano sarà ostaggio di persone vicine al sistema che si nascondono nei sottoboschi e continuano a raccogliere stima dei soliti politicanti da prima repubblica, allora per l’ultimo paese a nord di Napoli, davvero non ci sarà più speranza.

Rispondi