Resta sintonizzato

Cardito

CARDITO. Non è Mazza che destabilizza. Ieri all’incontro PD mancavano i barriani

Pubblicato

il

CARDITO“Tanto tuonò che piovve”. Così esclamò Socrate dopo il gesto iracondo della moglie Santippe che gli lanciò una brocca piena d’acqua. E forse anche quello che spera chi in questi giorni sta alimentando una polemica inutile dopo che il consigliere Marco Mazza, in maniera del tutto legittima, comunica delle osservazioni in materia di Anticorruzione al Segretario generale del Comune, così come sempre ha fatto ogni anno. Evidentemente chi sta architettando questa sottile trama, vuole far passare i protagonisti della vicenda come non sono e vuole far sì che dopo tanto tuonare, in maggioranza, arrivi il giorno della pioggia.

Infatti, stando agli ultimi balletti della minicronaca locale, per l’orco della situazione passa il consigliere Mazza, conosciuto sul territorio per il suo essere integerrimo, reo di aver chiesto l’istituzione della commissione esterna per i concorsi banditi e quella della commissione edilizia. Proposte nobili se si pensa che la Trasparenza è uno dei cardini principali del programma del sindaco Cirillo. Eppure, c’è stato qualcuno che ha voluto far passare la figura di Marco Mazza per il non allineato, il sovvertitore, il disobbediente. Logicamente, prendendo come capro espiatorio il consigliere Mazza, in realtà si voleva colpire un altro obiettivo. L’obiettivo di chi trama dietro le linee non può essere un semplice consigliere che non ha nulla da chiedere, né ha l’intenzione di chiedere prebende personali a quest’amministrazione. L’obiettivo di chi cova sogni di gloria è sempre stato solo il primo cittadino, colui che attualmente a Cardito detiene l’unica leadership degna di portare avanti un progetto serio. Infatti, anche un bambino si accorgerebbe che se da un lato esiste un consigliere ribelle, dall’altro lato esiste un regime dittatoriale con tanto di capo totalitario. Descrivere come sovversivo un gesto democratico come quello fatto dal consigliere Mazza, vuol dire che si vuole mettere in piedi uno scenario dittatoriale all’interno della maggioranza di Cirillo e questo ovviamente è risaputo che è tutta una farsa, una macchinazione voluta da chi ha cominciato a tessere questa tela di intrighi e bugie che arrecano solo un danno d’immagine all’amministrazione Cirillo.

Infatti, la cosa stupida di chi ha pensato di essere più furbo degli altri, è che i protagonisti della vicenda (consigliere Mazza e il sindaco Cirillo) non si sono proprio espressi su una stupidata del genere, anzi, all’incontro di ieri si è potuto assistere ad un dialogo del tutto distensivo tra i due dettato, soprattutto, dalla reciproca stima. Quindi questo sta a significare che non esiste nessun caso Mazza, anzi forse esiste qualche altro caso in maggioranza che vorrebbe che esistesse il caso Mazza.

Cirillo dal canto suo può dormire sonni tranquilli perché forte della sua leadership, nulla lo può intaccare, tanto meno un consigliere che si è formato fin dall’adolescenza all’interno di un partito che vede, anche a livello sovracomunale, vari estimatori e già solo per questo non si sognerebbe mai di tradire il proprio partito e quindi il proprio sindaco.

Una notizia interessante però nessun giornaletto è riuscita a darla e come sempre a questo ci pensa Minformo, nel primo incontro di tutti i consiglieri iscritti al PD di Cardito, ieri sono mancati all’appuntamento proprio i quattro consiglieri di “Cambiamo Verso”. All’incontro erano presenti tutti i consiglieri iscritti al PD persino il sindaco Cirillo, mancavano solo i barriani. La motivazione che hanno fatto pervenire sulla loro assenza è stata quella di dover riflettere sul loro cammino politico. Ma come? Ma i quattro di “Cambiamo Verso” non sono gli stessi che hanno sottoscritto la candidatura alla segreteria di Fabio Orabona, in perfetto allineamento con gli altri? Ora a distanza di pochi giorni cosa avranno da riflettere? Ecco queste sono le cose su cui bisogna ragionare, queste sono le notizie che creano dibattito politico. E’ giusto che i cittadini sappiano cosa succede nel mondo politico della loro città, ma pensare di montare casi inesistenti è da sceneggiatori più che da politici.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Afragola

Mercoledì 5 maggio vaccini senza prenotazione per gli over 60: tra i centri, anche quelli di Afragola e Cardito

Pubblicato

il

Domani, mercoledì 5 maggio, sarà possibile, per gli over 60, recarsi in alcuni centri campani e vaccinarsi senza prenotazione.

La vaccinazione contro il COVID 19 sarà libera, senza prenotazione per quanti hanno tra i 60 e i 79 anni.

A comunicarlo la stessa Asl Napoli 2 Nord, all’interno dei cui hub sarà possibile effettuare il vaccino senza prenotazione.

Tra questi ultimi, oltre il Centro LuMo di Afragola:

– Pozzuoli – Palazzetto dello Sport di Monteruscello;
– Pozzuoli – Centro vaccinale presso l’ospedale S. M. delle Grazie;
– Bacoli – Palazzo dell’Ostrichina presso il parco vanvitelliano;
– Villaricca – Palatenda;
– Quarto – Parrocchia San Castrese;
– Giugliano – Scuola Montalcini via Antica Giardini 40 – GB Futura;
– Giugliano – Ospedale San Giuliano (palazzina Ex INAM) Via Basile;
– Sant’Antimo – Palestra Romeo Cammisa;
– Mugnano – Palestra Liceo Segré;
– Frattamaggiore – Ospedale San Giovanni di Dio;
– Frattaminore – Biblioteca Comunale;
– Cardito – Palestra scuola Galilei.

Continua a leggere

Attualità

Cardito. Michele Caprio inaugura la nuova sede ACLI

Pubblicato

il

Ieri a Cardito è stata inaugurata la nuova sede ACLI dal Responsabile Michele Caprio. All’inaugurazione c’erano molteplici figure Istituzionali che hanno data completa fiducia e disponibilità al Responsabile Caprio.

Michele Caprio, ha tenuto a ringraziare il Presidente Provinciale di Napoli Maurizio D’Ago per aver concretizzato anche in questo periodo difficile all’apertura di una nuova sede ACLI e ha ringraziato il Consigliere Comunale Oreste Bandiera per la vicinanza e la fiducia nel progetto.

Inoltre il Presidente nel suo discorso ha commemorato le azioni del padre, che già nel 1945 aveva realizzato e si era impegnato nel sociale e nella tutela dei lavoratori.

Da oggi i cittadini e i lavoratori di Cardito, hanno un posto dove potersi tutelare.

Continua a leggere

Cardito

Cardito. “I carrelli sono miei!”: parcheggiatore aggredisce una donna per una monetina

Pubblicato

il

Paura all’esterno di uno noto supermercato di Cardito dove un parcheggiatore abusivo, un giovane di origini straniere, ha tentato di aggredire una donna per accaparrarsi la moneta del deposito del carrello.

L’uomo, secondo i presenti, avrebbe iniziato ad inveire e sbraitare tentando di aggredire i presenti che hanno cercato di difendere la signora anziana, strattonata letteralmente dall’uomo, il quale urlava affermando: “i carrelli sono miei!”

L’aggressione alla donna é stata evitata solo grazie all’intervento di altri clienti, ma da quello che si sa, l’uomo non ha restituito la moneta alla donna.

Più siamo anziane e più fanno i prepotenti” ha riferito la vittima, visibilmente scossa, secondo NapoliToday.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante