Resta sintonizzato

Afragola

[EDITORIALE] AFRAGOLA. Quanto è difficile staccarsi dai vecchi stereotipi della Politica

Pubblicato

il

AFRAGOLA – E’ notizia di pochi giorni fa quella dell’ampliamento della coalizione di moderati che hanno visto delle new entry abbastanza importanti che accompagnano il proprio simbolo con il blasone politico della loro nomenclatura. Ovviamente dietro questa notizia erano inevitabili rumors e mal di pancia ed il primo che si è registrato è stato quello del consigliere Gennaro Castaldo che a mezzo stampa ha preso immediatamente le distanze da questa coalizione rappresentata al momento da 11 gruppi politici, dichiarando: “La mia posizione è sempre stata quella della coerenza politica, resto ancora più convinto della mia intenzione di procedere nel senso della continuità amministrativa”. In un altro tratto delle sue dichiarazioni il consigliere lascia intendere che anche se all’atto della stesura del documento finale, che sanciva la nascita della casa dei moderati allargata, erano presenti membri autorevoli di UDC, lui ritiene opportuno che le decisioni vanno prese comunque in maniera collegiale e visto che al secondo incontro, quelli di UDC erano tutti assenti, ha pensato giusto tracciare la linea e far valere il peso del proprio ruolo anche laddove tutti e tre componenti di UDC (Perrino, Di Mauro e lo stesso Gennaro Castaldo ndr) a mezzo telefonico avevano dato il loro benestare alla forgiatura di questa componente politica. Ma facciamo un passo indietro e analizziamo fatti e circostanze.

Era l’undici Aprile quando sono cominciati, in via ufficiale, i lavori che hanno sancito la stesura del primo documento che ha dato vita alla coalizione dei Moderati. A quell’appuntamento e in quel contesto era presente anche lo stesso Gennaro Castaldo che insieme agli altri due componenti di partito hanno sottoscritto e firmato lo stesso documento. Quello che mi chiedo è se per il segretario di UDC valeva anche allora il suo principio di procedere nel senso della continuità amministrativa, perché al di là dell’excusatio sull’assenza al secondo incontro, in quello che ha sancito la partenza a questa coalizione – altro che continuità amministrativa – vi erano sei consiglieri su dodici appartenenti all’attuale opposizione, tre componenti che non siedono in Assise, mentre gli unici a poter testimoniare la continuità amministrativa erano solo quelli di UDC. Allora sarebbe curioso sapere quali erano i principi che hanno legato le idee del consigliere Castaldo a quella prima imbastitura di coalizione moderata. A meno che il problema non sia legato alle persone e non alle idee. Visto che se si tratta di creare un’alternativa a Tuccillo, e su questo tutti sanno che è stato il principio cardine sul quale si è sempre basato questo tavolo, è giusto che a sedersi siano principalmente chi l’ha contestato nei metodi e nelle scelte. Se proprio la vogliamo dire tutta, gli unici fuori coro, in questa coalizione, sono proprio quelli di UDC che da un lato firmano documenti attestando di voler creare un’alternativa a Tuccillo e dall’altro consentono allo stesso di poter proseguire la propria campagna elettorale stando seduto al posto di comando, la quale contestualmente rappresenta una posizione di privilegio rispetto ai suoi concorrenti candidati.

Allora a questo punto sia il Consigliere Gennaro Castaldo che i suoi colleghi devono dare delle risposte agli afragolesi. La prima la deve il segretario cittadino di UDC che, una volta capito che le sue distanze sono dovute forse a qualche ingerenza verso qualche ultimo arrivato, sarebbe bene informare il proprio elettorato chi rappresenta un ostacolo, secondo la sua visione, al cammino politico di questa coalizione. Le altre risposte, i cittadini afragolesi, le aspettano Venerdì prossimo in Consiglio. Poiché è logico che chi professa di essere, firmando documenti, l’alternativa all’attuale sindaco, non può, poi a fatti, dimostrare di essere suo alleato votando il bilancio e consentendo alla fascia tricolore di fare campagna elettorale pubblicizzando iniziative programmate anni fa – anche da chi si è stancato dei suoi modi di fare – e sistematicamente conservate fino a fine mandato per spararle in piena campagna elettorale con la consapevolezza della memoria corta dei cittadini.

Allo stato attuale, quelli di UDC non sono gli unici a dover dimostrare di essere la vera alternativa a Tuccillo. Una cosa va dato atto all’attuale primo cittadino ed è quella che durante l’arco di questi cinque anni di consiliatura è stato in grado di far coincidere il cammino politico di ogni singolo consigliere anche con qualche prebenda fuori logica politica, tanto è vero che qualcuna si registra anche nelle file dell’opposizione. Di conseguenza al varco del bilancio di Venerdì, i riflettori saranno accesi anche su qualche consigliere di minoranza che per il bene della stabilità di questa coalizione appena nata, farebbe bene a lasciare per strada qualche interesse personale conquistato in questa consiliatura bocciando il bilancio e costringendo il primo cittadino a recarsi presso l’ufficio protocollo a rassegnare le proprie dimissioni.

Ma la frustrazione di chi vorrebbe il cambiamento della propria città non è tanto quella di fare i conti con gli indecisi, chi antepone aspetti caratteriali al bene comune o peggio ancora chi antepone i propri interessi personali, ma il fatto che in un’era post-ideologica come quella che sta attraversando la politica attuale a livello nazionale, si cerca ancora di strumentalizzare il fatto che all’interno di una coalizione esistono persone che si rispecchiano in ideali di destra e altre in ideali di sinistra. È risaputo anche, che uno dei principi fondamentali di questo tavolo, anche come narrato in esclusiva da Minformo alcuni mesi fa, è sempre stato quello che tutti i componenti dovevano mettere a disposizione della comunità le proprie idee, quelle più brillanti e se le idee sono brillanti, si sa, non sono ne di destra e ne di sinistra ma utili solo al progresso e alla crescita della propria comunità.

E diciamo che sotto questo punto di vista chi rappresenta lo zoccolo duro di questo tavolo che si incontra sistematicamente già da diversi mesi, non ha mai, almeno finora, disatteso il proprio pensiero, tanto è vero che parecchi di loro hanno persino rinunciato alla visibilità che da un simbolo partitico pur di far valere le proprie idee di ecumenicità. Chi in realtà non riesce proprio a comprendere la genesi di questi nuovi principi è purtroppo chi è rimasto legato a vecchie logiche di spartizioni e portavoti. E come diceva Einstein non si può avere la presunzione di cambiare le cose se per cambiarle si commettono sempre gli stessi errori.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Afragola

AFRAGOLA. Pannone nomina la giunta. La montagna ha partorito un topolino

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Pochi minuti fa il Sindaco Pannone attraverso una diretta Facebook ha diramato i nomi degli assessori che formeranno la tanto attesa prima giunta della sua era.

Tanto tuonò che piovve. La montagna ha partorito un topolino. Tutto quello che è stato detto in campagna elettorale sulla giunta di alto profilo tecnico, oggi non si è dimostrato nei fatti.

Al netto del nome altisonante dell’Onorevole Pina Castiello come vicesindaco, il resto della giunta, chi si aspettava gli alti profili con conseguente equilibrio tra deleghe e competenze è rimasto alquanto deluso. Ma prima di addentrarmi in quella che potrebbe essere la mia disamina vediamo nello specifico come sarà composta la giunta: onorevole Giuseppina Castiello con la carica di vicesindaco, Arch. Francesco Di Micco con delega alle Politiche Sociali, Mauro Di Palo con delega alle Politiche del Lavoro, Sicurezza, dott. Michele Sibilio con delega al Bilancio, Aniello Silvestro con delega ai Servizi Cimiteriali, Dott.ssa Angela Sodano con delega ai Lavori Pubblici, infrastrutture ed Edilizia Scolastica, Dott.ssa Gelsomina Terracciano con delega agli Affari Generali e alla Programmazione Urbanistica ed Edilizia Privata.

Dal primo sguardo si può notare che due elementi su sette non sono neanche in possesso di una laurea, ma il Sindaco Antonio Pannone pur di riconoscergli un ruolo si è sforzato di attribuirgli un ruolo – ragioniere e perito industriale – come se questi fossero medaglie al valor militare ma lasciamo stare anche quest’aspetto.

Un’altra cosa che balza subito agli occhi è che le deleghe assegnate non rispecchiano affatto le competenze che ognuno degli elementi dovrebbe – qui il condizionale è d’obbligo – possedere. Infatti ci saremmo aspettati che all’Architetto fossero state affidate le deleghe dell’Urbanistica, che al Perito Industriale la delega ai motori delle auto della Polizia Locale, visto che dice di possedere alto profilo in competenze di veicoli a motore e al ragioniere, quanto meno, i tributi, visto che al Bilancio si è preferito mettere, come giustamente che sia, un esperto contabile.

Invece no! Tutto è il contrario di tutto, ad un architetto vengono affidate le Politiche Sociali e si tengono fuori vere e proprie eccellenze del territorio del ramo. Ad una dirigente scolastica i lavori pubblici e la delega alle Infrastrutture e ad un ex Segretario comunale, quindi ad un profilo tecnico amministrativo, si è deciso di affidarle la delega, attualmente la più delicata viste le imminenti scadenze sul PUC, dell’Urbanistica.

Ovviamente chi ci capisce è bravo, io ammetto i miei limiti e come ammetto i miei riesco a vedere anche quelli degli altri e qui, credetemi, ce ne sono tanti. Per gli afragolesi? Speriamo che se la cavino!

Continua a leggere

Afragola

Ad Afragola, il complesso sportivo Alph@center apre le porte a tutti i cittadini.

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Dall’inizio del mese di Novembre, è infatti possibile riservare le strutture sportive, un campo di calcio a 5 e di calcio a 7 con annessi spogliatoi.

Finalmente! ​Ad Afragola, presso il complesso sportivo Alph@center nel rione Salicelle, dall’inizio del mese di novembre, è possibile poter usufruire dei campi di calcio a 5 e calcio a 7, anche per gli esterni ed i non addetti alla struttura.

Una bellissima notizia, per gli sportivi ed amanti del calcio, che potranno riservare i campi in erba sintetica di ultima generazione, per partitelle con amici e colleghi.

Il costo orario è di 50 euro per il campo di calcio a 5 e di 70 euro per quello di calcio a 7.

Il ricavato coprirà i costi di gestione della struttura ed i costi delle attività dell’Apd Rosario Vittoria, Polisportiva che consente a circa cento, tra ragazzi e bambini del rione Salicelle e del centro storico di Afragola, di praticare  sport e di essere seguiti nel loro percorso formativo(in particolare, monitoraggio e sostegno scolastico).

Soddisfazione è stata espressa da Luigi D’Antò, project manager del progetto Alpha@center.

La possibilità per gli afragolesi e non solo, di poter usufruire delle nostre strutture, rappresenta un ulteriore passo in avanti nell’ambito del nostro progetto – ha dichiarato l’avvocato D’Antò – Siamo contenti e felici di poter mettere a disposizione della collettività, le nostre strutture, nel rispetto delle regole e della buona educazione. Ovviamente, ringrazio fin da ora tutti coloro i quali usufruiranno delle nostre strutture, ma soprattutto ci tengo a ringraziare tutti i volontari e coloro i quali ogni giorno, si impegnano per mantenere la nostra struttura su livelli altissimi di organizzazione e pulizia.

 Per noi – ha concluso D’Antò – fare sport significa soprattutto aggregazione e farlo ad Afragola, è motivo ancor più di soddisfazione per tutti”.

Continua a leggere

Afragola

AFRAGOLA. Sindaco Pannone, buona la prima. Cimitero tornato ai fasti di un tempo

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Il Cimitero di Afragola vede la luce in fondo al tunnel grazie al Sindaco Antonio Pannone. Il camposanto afragolese finora è stato sempre oggetto di lamentele da parte dei cittadini poiché riversava in uno stato pietoso a partire dall’erba alta e luoghi impraticabili ai limiti dell’inagibilità.

Ė bastato poco alla fascia tricolore per tirare a lustro il cimitero ed accontentare i cittadini sia dal punto di vista logistico che quello dei trasporti. Infatti il Sindaco Pannone dopo aver revocato l’ordinanza dirigenziale che vietava l’uso di croci a batterie, ha istituito il servizio delle navette che accopagnano i cittadini direttamente al cimitero e viceversa a casa propria. Un servizio che mancava da anni sul territorio e che il Sindaco Antonio Pannone con solerzia e tanta voglia ha saputo ripristinare.

Ottimo il bilancio anche della prima giornata di affluenza per la festività di ognissanti. Si è gestiti molto bene l’afflusso e il deflusso dei cittadini rispettando tutte le normative anticovid e sono state ripristinate le normali condizioni di decoro e igiene, addirittura abbellendo il tutto con allestimo floreale.

Insomma, in attesa del varo della giunta, il Prof. Pannone sale in cattedra e comincia a dimostrare il proprio valore fin da subito, la volontà di discontinuità col passato e l’interesse personale di stabilire le vere gerarchie.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante