Resta sintonizzato

Afragola

[EDITORIALE] AFRAGOLA. Nulla sarà come sembra e intanto tutti gli schieramenti sono ancora a zero

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Le cose vanno nel senso opposto a quello sperato. Siamo appena a dieci giorni dalla presentazione delle liste e tutti gli schieramenti sono ancora in alto mare. La colpa è della classe dirigente che si impantana nelle idee di rinnovamento che non permettono un lifting facciale talmente aggressivo da cambiarne i connotati. Chi si presenta ai nastri di partenza non è altro che il politico riciclato che ha molta paura del nuovo che avanza rappresentato dal boom del Movimento 5 stelle delle ultime elezioni politiche. Senza mettere in conto che con il cortocircuito degli ultimi due mesi, nei quali non si riesce a trovare la quadra di un governo duraturo, anche le chiacchiere del movimento trasversale hanno perso la loro efficacia. Perché al cittadino lo puoi prendere in giro con le promesse, ma poi lo stesso ti aspetta al varco e così come ti ha portato in alto ti fa scendere in basso e quanto più in alto sali più assordante sarà il tonfo quando cadrai.

Sotto questo punto di vista non sta ragionando nessuno e tutti si stanno muovendo nell’ottica del consenso. Metodo assolutamente errato se a monte non ci sono condivisioni programmatiche e la maxi coalizione di moderati formata da Liste civiche, Fratelli d’Italia, Forza Italia e UDC ne è la prova vivente, visto che è bastato un voto sul bilancio previsionale, un cenno d’intesa tra Di Mauro, Perrino e Giustino per far sì che quel gruppo si sciogliesse come neve al sole. Complice anche il fatto che nella maxi coalizione le ambizioni del Perrino di voler fare il sindaco a tutti i costi hanno trovato la strada sbarrata. Per dirla tutta, questa situazione, in realtà sta bene a tutti, visto che da un lato 11 liste sarebbero state un suicidio, dall’altra parte c’è Giustino che finalmente può ambire a dire la sua in uno schieramento dalla leadership diversa da quella di Tuccillo, ammesso che Caiazzo riesca a portarsi dietro tutta Forza Italia e Nicola Perrino tutta l’UDC, formando una coalizione a 6 con la lista di Enrico Esposito e Afragola Civica di Roberto Russo. In caso contrario che questi ultimi non riuscissero a trovare una sintesi o aggregare quel numero di candidati che basta per effettuare una campagna elettorale degna di nota, il diktat sarà quello di tornare all’ovile Tuccillo e in quel caso vivranno tutti delusi e contenti.

Dal lato dei moderati che restano, che intanto prendono più una connotazione di larghe intese tra centrodestra e dem delusi da Tuccillo, la strada si fa tutta in discesa visto che la cosa che li accomuna è la reale ambizione di governare in maniera differente da quanto fatto finora dal sindaco Mimmo Tuccillo, creando la vera alternativa al primo cittadino. Mentre tutti gli altri, per forza di cose, saranno costretti a puntare la propria campagna elettorale sulla continuità amministrativa – anche perché sarebbe difficile promuoversi come alternativa a Tuccillo se si è votato tutto a favore durante l’ultimo, forse illegittimo, Consiglio Comunale, ecco perché in quella Maxi coalizione l’UDC risultava essere come un pesce fuor d’acqua – la Coalizione di larghe intese, insieme al Movimento 5 stelle che ha scelto il suo candidato sindaco nel Prof. Bencivenga, rappresenteranno gli unici schieramenti alternativi a Tuccillo. E chi vorrebbe il reale cambiamento non deve fare altro che decidere su quali di questi ultimi due schieramenti puntare. Anche perché se la coalizione dei moderati proposta da Gennaro Giustino prenderà piede, c’è tutto il rischio che il sindaco Tuccillo resterà con poche liste in mano e molto probabilmente, vista anche l’intesa tangibile tra Giustino e il sindaco di ieri in Consiglio, c’è stato pure già qualche incontro che ha sancito l’accordo al ballottaggio. Tutto può essere e le cose in campagna elettorale potranno sempre cambiare e alla fine di questi dieci giorni faremo altri conti sicuramente.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Afragola

Affinito a Talk: “Stavo cercando il centrosinistra. Tuccillo ha rappresentato il fallimento del PD”

Pubblicato

il

Ieri sera è andato in onda su Minformotv la quarta puntata di “Talk”, insieme al direttore di “Napolimetropoli” Antonio Auricchio, come ospite negli studi di Minformotv c’era l’ex Assessore al Patrimonio Giuseppe Affinito.

Dopo il dibattito sulla struttura del centrodestra per le prossime elezioni e sulle cause che hanno portato alla fine dell’Amministrazione Grillo, il direttore Antonio Auricchio ha chiesto all’ospite cosa vede nel futuro del centrosinistra e nel Pd afragolese, visto e considerato che l’ex Assessore ha fatto la sua prima esperienza, proprio nel Pd con Tuccillo Sindaco.

Giuseppe Affinito ha risposto con una battuta girando e rigirando il foglio: ” Stavo cercando il Centrosinistra ma non lo trovo”. Dopo la battuta ha affermato: “che il centrosinistra, ma in particolare il Pd, ha fallito, come su base Nazionale anche nelle Amministrazioni locali. Il Pd afragolese già era fallito nel 2007, perché nato dalle ceneri di troppi partiti e anime differenti”.

Poi sempre ribadendo del fallimento del Pd afragolese Giuseppe Affinito ha espresso il suo parere sulla struttura e i segretari del Pd: “Dal 2013 ad oggi non ho mai visto un segretario serio nel Pd”

Questo sembrerebbe un attacco al centro-sinistra afragolese, se non addirittura al Pd di Domenico Tuccillo, chissà cosa risponderanno in merito l’ex Sindaco e il Segretario del PD?

La puntata la trovate al seguente link:

PRIMA PARTE – https://www.minformo.tv/episode/talk-con-giuseppe-affinito-2/

SECONDA PARTE – https://www.minformo.tv/episode/talk-con-giuseppe-affinito/

Continua a leggere

Afragola

AFRAGOLA. Terminata la riunione del centrodestra leghista. I dettagli

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Stasera si è tenuta una riunione che doveva definire il perimetro della coalizione di centrodestra a trazione leghista. A capo tavola si è seduto, come sempre, l’ex senatore Vincenzo Nespoli. Anche in questa tornata elettorale, a distanza di tre anni dalla scorsa, l’ex senatore si gioca la stessa carta, ossia, dare l’impressione di essere elemento catalizzatore sul territorio ed ottenere autorevolezza nella formazione della coalizione.

Al tavolo erano seduti ex candidati, ex consiglieri e coordinatori. L’ex senatore prende la parola e presenta i vari soggetti che avranno il compito di formare ognuno la propria lista e stiamo parlando di Domenico Casillo, Biagio Fusco, Mario Carnevale, Mauro Di Palo e Raffaele Iazzetta.

In poche parole soggetti che non sono riusciti ad entrare in Consiglio comunale, qualcuno mai messo neanche piede in Consiglio Comunale per la vanità dell’ex senatore vengono promossi a soggetti politici in grado di formare una lista elettorale.

Gli unici soggetti che elettoralmente parlando alzano la media voti di tutta la coalizione risicata tentata dall’ex Senatore, sono Antonio Lanzano, Enzo De Stefano e Aniello Silvestro, anche loro presenti alla riunione e congedati dalla stessa con un classico “vi faremo sapere”. Ovviamente l’unico modo di salutare vista l’inconsistenza dei soggetti politici presentati a quel tavolo.

Della riunione di stasera non è da sottovalutare la presenza di ex consiglieri e ex assessori come Arcangelo Ausanio, Francesco Fusco, Maria Carmina Sepe e Giuseppe Affinito. La notizia è che finalmente l’ex assessore scioglie le riserve e decide da che parte stare, un bel salto che va dal PD alla Lega.

Il caso anomalo, invece, è che durante la riunione si è fatta menzione anche a quella che dovrebbe rappresentare la sintesi della stessa coalizione, ossia, l’ex Sindaco f.f. Antonio Pannone ma quest’ultimo era assente alla riunione, chissà per quale arcano motivo.

La riflessione che si può fare appare disarmante perché è impensabile che a distanza di tanti anni la politica sul territorio non ha fatto nessun passo avanti né è riuscita a districarsi dal “potere” di un ex senatore che in quanto ad etica e morale e riuscendo ad essere il più garantisti possibile, non ha nulla da insegnare a nessuno sul territorio e se la politica, la classe dirigente che dovrà amministrare la città non dovrà tenere conto neanche della morale, ci si domanda a cosa dovrebbe riferirsi per poter amministrare in maniera eccellente.

Continua a leggere

Afragola

AFRGOLA. Ancora una volta si va verso il dualismo storico Nespoli-Tuccillo

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Il quadro che va piano piano delineandosi, sempre in attesa che si venga a sapere la data ufficiale per le prossime amministrative, è alquanto deludente per chi, almeno, si aspettava un cambiamento di rotta sulla formazione delle coalizioni.

Ad oggi, da quello che si nota e dalle indiscrezioni che arrivano nella nostra redazione, nulla di nuovo all’orizzonte. Chi doveva creare un vero punto di svolta, un’alternativa al dualismo Nespoli-Tuccillo, riceve solo promesse da marinaio e stenta a far decollare il proprio progetto.

Per i veterani della politica afragolese è sempre meglio l’usato sicuro che un incognito futuro fatto di stravolgimenti. Allora meglio fare come si è sempre fatto. Tanto a queste latitudini non si è mai visto un politico fare seria introspezione e capire la natura dei propri errori.

Così all’orizzonte, nella giornata di ieri, spunta il post dell’ex vicesindaco Biagio Castaldo che taggando i vari Tommaso Bassolino, Aniello Baia, Antonio Boemio e padre e figlia Di Maso, pubblicando i tre simboli “Fratelli d’Italia”, “Forza Italia” e “Insieme per Afragola” e citando il titolo di un film di Massimo Troisi “Ricomincio da tre” dichiara l’apertura della propria campagna elettorale con una minicoalizione di centrodestra.

Una corsa in avanti per porre la bandierina sulla potestà della coalizione di centrodestra ma che nei fatti non destituisce dal suo naturale ruolo di costruttore il leader della Lega, l’ex senatore Vincenzo Nespoli ma semplicemente lo trasforma nel destinatario di un messaggio forte e chiaro di adesione al tavolo ma con un peso specifico diverso. Almeno a chi mastica un po’ di politica appare questo.

Nei fatti questa coalizione presenta, allo stato attuale, tre liste vuote, i voti contati, come al solito, sulle punte delle dita sono quelli dei vari ex Consiglieri ed ex Assessori, poi vai a mettere su altri 67 nomi.

Un dato di fatto è che al di là dei vari tentativi di smentita in maniera privata dei soggetti taggati – smentite che gli consentirebbero di continuare a sedersi ai vari tavoli interlocutori – ad oggi, a distanza di 24 ore dalla pubblicazione del post, non è arrivata nessuna smentita ufficiale, quindi il quadro delineato finora è quello che una parte del centrodestra è costituita. Adesso il pallino passa tutto nelle mani del duo Nespoli-Castiello, gli altri hanno già lanciato la pietra nello stagno.

Il PD resta alla finestra e dopo i vari colloqui fatti, ultimo con il gruppo “A viso Aperto” dove questi hanno posto il paletto della discontinuità, nel centro sinistra si sono tutti rintanati, aspettando che maturino i tempi che possano portare alla famosa selezione naturale del dualismo storico.

Chi oggi ha serie difficoltà ad aggregare è chi da sempre cova il famoso sogno della creazione di una coalizione di centro moderato. La politica afragolese da quest’orecchio proprio non vuole sentire e chi della vecchia guardia si approccia a questo tavolo di centro, in realtà ama proseguire il suo cammino pre elettorale con due piedi in una scarpa, salvo poi rifugiarsi alla fine sotto l’ala protettiva dell’usato sicuro.

Di questo passo la città non avrà mai quel salto di qualità che merita e se i politici, soprattutto amministratori dell’era Grillo non riescono a mettersi in discussione, con il rischio di formare di nuovo lo stesso carrozzone del 2018, allora la colpa della caduta del Sindaco è da attribuire solo ed esclusivamente a Claudio Grillo. E qui le domande sorgono spontanee: Se alla fine Biagio Castaldo, Antonio Boemio, Aniello Baia, Tommaso Bassolino e tutti i nespoliani finiranno insieme allegramente in una sola coalizione, cosa realmente ha impedito il cammino degli stessi sotto l’Amministrazione Grillo? Cosa impediva di fare l’ex Sindaco? Quali sono stati i veri motivi della sfiducia? Ai posteri l’ardua sentenza.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante