NAPOLI – NON TOCCATECI LA MOSTRA! E’ di questi giorni la decisione, passata quasi in sordina, di sacrificare gli spazi della storica Mostra d’Oltremare per accogliere i circa 2500 alloggi prefabbricati costituenti il “Villaggio degli atleti” destinati ad ospitare questi ultimi e gli addetti delle future Universiadi che si terranno nella nostra Città nel Luglio del 2019. Ed è così che illustri personalità del mondo Universitario, tra i quali il Prof. Raffaele Cercola, docente di marketing territoriale all’Università L. Vanvitelli, già presidente dell’Ente Mostra fino al 2010, ed il Prof. Edoardo Cosenza, Presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli, decine di tecnici ed autorevoli esperti, insieme alla parte del mondo politico (tra cui alcuni portavoce del Movimento 5 Stelle) maggiormente sensibile alla tutela del nostro territorio e dei supremi valori rappresentati da questa struttura, sono uniti in una drammatica corsa contro il tempo per evitare il vero e proprio scempio inevitabilmente conseguente ad una scelta così scellerata. 270 i milioni stanziati dalla Regione e dallo Stato, che serviranno a “violentare” un’istituzione già provata dai pasticci delle precedenti amministrazioni, a partire dai tempi del post-terremoto del 1980, con centinaia di container sparsi per l’emergenza all’interno della Mostra e conseguente distruzione delle serre botaniche di Carlo Cocchia e del suggestivo viale delle Palme. La prossima settimana si preannuncia fitta di iniziative congiunte, volte a scongiurare gli effetti di una decisione che denota, ancora una volta, approssimazione e disinteresse per i valori, l’identità ed i beni storici della nostra Città. Regione e Comune sempre più accomunati dall’inettitudine. Da GAUDEAMUS IGITUR a FLEMUS IGITUR? Effettivamente, c’è ben poco di goliardico….

Rispondi