ROMA – “Balotelli in Nazionale? Penso che siamo tornati alla normalità, mentre prima eravamo fuori di testa. Io l’ho detto e sono stato criticato ma per me in Italia una punta più forte di Mario non c’è. È uno dei più forti al mondo, poi qualcuno ha deciso che si poteva qualificare ai Mondiali senza Mario, è un suo diritto”. Lo ha detto Mino Raiola, agente tra gli altri anche di Mario Balotelli, a margine della cerimonia di premiazione di Football Leader a Napoli. Raiola, parlando di Balotelli e del suo possibile addio al Nizza, ha detto: “Non è proprio parametro zero ma questi sono problemi miei. Balo in Italia è il più forte quindi chi ha in testa un progetto ambizioso oggi può fare un grande affare. Non vale più la scusa del suo comportamento perché negli ultimi due anni ha dimostrato la sua maturità. Come commercialista dico che prendere Balotelli è un grande affare, per la parte tecnica è grande affare ora sta ai club italiani vedere se vogliono fare questo affare. Mario al Napoli? Bisogna chiedere ad Ancelotti. Il Napoli ha quattro attaccanti anche se bisogna vedere se ci saranno tutti e quattro ad agosto. Tolto Insigne, davanti nessuno è forte come Mario, poi sta a De Laurentiis decidere se rinforzare o no la squadra. Dove va? Napoli, Roma, vediamo… Lo diciamo a Monchi? “.

KLUIVERT – La Roma ha messo gli occhi su un altro suo assistito, Kluivert: “Uno è pronto a fare un passo quando si sente pronto – ha spiegato Raiola – ma è un affare difficilissimo perché l’Ajax non vuole privarsi dei suoi gioielli, quindi è un affare difficile per tutti, non solo per l’Italia”. 

DONNARUMMA – “Donnarumma? Bisogna rispettare i tifosi, soprattutto i più intelligenti, quindi Gigi resta al Milan a vita”. Lo ha detto con un sorriso Mino Raiola, procuratore del portiere rossonero, a margine di Football Leader a Napoli. “Quando i tifosi intelligenti parlano bisogna rispettarli, c’è questa grande richiesta di questi tifosi che rispetto. Ironia? Non la conosco. E’ più facile che se ne vadano i cinesi da Milano che Donnarumma”.

INSIGNE CAPITANO DEL NAPOLI – Raiola ha parlato anche di Lorenzo Insigne e del suo rapporto a volte difficile con le curve del San Paolo: “Lui è pronto a diventare capitano del Napoli – ha detto – bisogna vedere se Napoli è pronta ad averlo come capitano. Bisogna rispettare le persone nel bene e male, a volte troppo amore fa anche male. Non si può amare una persona un giorno e odiarla un altro”. 

Fonte: Corriere dello Sport.it

Rispondi