Un Koulibaly è per sempre. O comunque sia, tenerlo il più possibile in azzurro sarebbe cosa buona e giusta. Il K2 della difesa azzurra ha decisamente tanti estimatori, non solo tra i tifosi partenopei. Mr. Carlo Ancelotti ne ha ammirato sin da subito il fisico a dir poco statuario dell’ex Genk. Lo stesso tecnico non vedrà l’ora di poterci lavorare per plasmarlo al meglio. Le doti del centrale difensivo sono cresciute a dismisura in questi anni partenopei. Il primo ad apprezzarlo fu Rafa Benitez che lo lanciò sin da subito, poi l’esplosione con Maurizio Sarri. Tutti si attendono la definitiva consacrazione col tecnico di Reggiolo che potrebbe senza alcun dubbio dargli qualche dritta dall’alto della sua immensa esperienza. Dicevamo, gli ammiratori non mancano e non è un segreto che in più di un’occasione club esteri(Chelsea su tutti ndr)avrebbero elargito cospicue somme di denaro per accaparrarsi il senegalese. Voci dicono che si sarebbe arrivati fino a 95 milioni per prelevarlo dal Napoli con Aurelio De Laurentiis che fino ad ora ha resistito alla tentazione. Ad oggi però, privarsi di Koulibaly sarebbe delittuoso. La coppia perfetta composta da lui ed Albiol è tra le più affidabili ed affiatate di tutta la serie A. Perché, se è vero che gli attaccanti fanno vendere i biglietti, la difesa fa vincere i campionati. Un consiglio da tenere a mente è senza alcun dubbio questo, teniamocelo stretto.

Rispondi