In questo articolo ripercorreremo brevemente la storia dell’Antico Egitto dal popolamento della regione fino alla fondazione della I dinastia dell’Egitto unificato.
Il popolamento della Valle del Nilo avvenne probabilmente nel Paleolitico medio (tra il 120000 e il 90000 a.C.). La cultura che si sviluppò sulle sponde del Nilo in questo periodo è quella acheuleana. Tra il 50000 e il 30000 a.C., si assistette alla fine del periodo Acheuleano e alla nascita della cultura ateriana, si iniziò a cacciare utilizzando l’arco. Contemporaneamente alla cultura ateriana, si sviluppò quella kharmusiana, che è un esempio dell’adattamento delle popolazioni sahariane che si spostarono verso la Valle del Nilo a causa della siccità che fu portata nel territorio verso l’inizio della fase arida del Neonilo (poiché furono aggiunti al cibo tratto dalla savana, i prodotti della pesca). Nel Neolitico, si svilupparono l’allevamento del bestiame e l’agricoltura, e le tecniche di tessitura e di fabbricazione della ceramica. Gli abitanti del territorio adiacente al Nilo vivevano in fattorie dove coltivavano soprattutto grano e orzo, che conservavano nei siloi. I defunti venivano seppelliti lontano dai centri abitati e venivano messi nelle tombe utensili e offerte alimentari. Tra i siti del Nord e quelli del Sud c’erano alcune differenze: gli abitanti dei primi lavoravano in modo più raffinato la pietra; quelli del sud, invece, la ceramica.
In seguito ci fu quel periodo detto Predinastico, il quale si divide in Predinastico primitivo (5500 a.C.- 4500 a.C.) e Predinastico antico (4500 a.C.- 3500 a.C.). Nel periodo del Predinastico primitivo ci sono solo alcuni cambiamenti rispetto al periodo precedente: si riscontrano infatti un’evoluzione agricola e funeraria. Durante il Predinastico antico, gli abitanti della Valle si spostarono verso l’esterno, in cerca di materie prime come i metalli, pietre preziose e cave. L’unica pietra diffusa nel paese è infatti la selce. Al Predinastico antico risale, inoltre, la tipica organizzazione urbana egizia.
Il Predinastico antico fu seguito dal Gerzeano (3500 a.C.- 3100 a.C.). Durante questo periodo, si nota l’influenza che i siti del nord avevano su quelli del sud. Ci furono alcune evoluzioni nel campo religioso e funerario (le tombe assomigliavano sempre di più a delle dimore terrestri). Ci furono probabilmente contatti con i popoli della Mesopotamia, che inserirono nella cultura egizia l’uso della scrittura e dei mattoni. Durante il Gerzeano, ci furono alcuni scontri tra il nord e il sud. Si pensa che inizialmente il nord ebbe la meglio sugli insediamenti del sud, ma in seguito la situazione fu ribaltata. La vittoria del sud sul nord, che portò all’unificazione dell’Egitto, è descritta su alcune tavolozze che rappresentano il Re Scorpione, primo sovrano dell’Egitto riunificato. Tra i sovrani significativi di cui si parla ci sono anche Narmer e Menes. Si pensa però che i tre sovrani citati e anche Aha (primo sovrano della I dinastia) siano in realtà la stessa persona.
L’Egitto unificato fu governato durante i secoli da numerose dinastie. Il periodo a cui appartengono sia la prima, che la seconda dinastia è detto Tinita (3150 a.C.-2700 a.C.), il quale prende il nome da This, città nella quale si pensa sia nato Aha.
Il primo sovrano della I dinastia fu Aha. Egli fondò e rese sede amministrativa del paese Menfi. Il sovrano provò, durante il suo regno, ad eliminare le divergenze culturali tra il nord e il sud del paese, in parte ci riuscì. Il suo fu un regno abbastanza pacifico, nonostante le guerre che furono combattute contro Nubiani e Libici. Aha era probabilmente in buoni rapporti con la Siria e la Palestina. Quando morì ebbe due sepolture: una a Saqqara e l’altra ad Abido. Gli storici non hanno ancora ben capito chi fu il successore di Aha, ma si pensa che il regno fu ereditato da Ger.

Principali città dell’Antico Egitto

 

 

Rispondi